15 Marzo 2024
SHOW A BOLOGNA

Fusaifusa, da Aleppo all’Italia

15 Marzo 2024
SHOW A BOLOGNA

Fusaifusa, da Aleppo all’Italia

15 Marzo 2024
SHOW A BOLOGNA

Fusaifusa, da Aleppo all’Italia

L’attualizzazione delle musica etnica, la fusione di stili tra oriente e occidente arriva quest’anno da Aleppo all’Italia, passando per il Maghreb. Attraversando il mare e il deserto. Ascoltando infinite storie di umanità. Creando il suono di un mondo futuro che nasce da culture antichissime. Esce oggi, 15 marzo Lamana, album d’esordio dei FusaiFusa, travolgente ensemble musicale che si muove all’incrocio fra sonorità mediorientali e afro-beat, ritmi maghrebini ed elettronica, sufismo e cultura tradizionale sub-sahariana. L’album esce per Locomotiv Records ed è stato anticipato da due singoli, Bêrîvanêe la title-track.

(qui l’album).

FusaiFusa nascono nell’alveo della frizzante scena animata dal Locomotiv Club di Bologna, grazie all’incontro fra tre artisti talentuosi, espressione di alcune delle culture più antiche e seducenti dell’area mediterranea: il compositore e polistrumentista curdo-siriano Ashti Abdo, il percussionista e producer elettronico tunisino Taha Ennouri e il cantante e autore di musica Sufi, anch’egli tunisino, Ali Belazi. Il nome della band deriva da un termine arabo che rimanda al concetto di mosaico, a rimarcare l’attitudine condivisa a creare ponti fra suoni diversi e battiti eterogenei, a riunire molteplici sensibilità in una visione della musica (e della vita) improntata all’armonia fra le parti e alla connessione con il tutto. Un antidoto al veleno dello schematismo e delle contrapposizioni che segnano drammaticamente il nostro presente e minacciano il nostro domani.

Lamana, il titolo all’album, è invece un’affascinante ma intraducibile parola araba che descrive la forza profonda di affidare qualcosa di inestimabile a qualcuno, evocando i concetti di cura e di fiducia.  Lamana è così la musica stessa, che per i FusaiFusa è un tesoro da custodire e condividere con il mondo. Ed è anche il titolo della canzone-manifesto dell’album, un brano che sottolinea il ruolo e la responsabilità degli artisti come espressione della “voce collettiva”. Una traccia fatta di ritmi ossessivi, incursioni elettroniche e suadenti melodie, carica di simbolismo, che affida alle percussioni e ai qraqeb il compito di incarnare il rumore delle catene ai piedi degli schiavi, esplodendo in un vero e proprio rituale di liberazionemistico e politico al tempo stesso. Così come mistica e politica è anche la lunga e inebriante traccia strumentale che apre il disco, Exodusuna traversata sonora meditativa e psichedelica, ai limiti del trascendentale, che esprime in forma di musica il viaggio dei migranti attraverso il deserto: un viaggio reale, fisico, ma che è prima di tutto un travagliato e drammatico viaggio interiore, racchiuso fra la decisione di partire e la prospettiva della nuova realtà che si trova all’arrivo.

Un mood completamente diverso avvolge la terza traccia del disco, rilettura di un brano di Ciwan Haco, pioniere di quella scena musicale curda contaminata da elementi blues, jazz e rock: Bêrîvanê è una canzone d’amore in cui chitarre saracene e sintetizzatori danno vita a una danza di comunità, in grado di contagiare, come in un incantesimo, chiunque si trovi nei paraggi.  Al suo centro, l’album esplode in un vortice sonoro che racchiude l’identità artistica stessa del gruppo, con un brano dal titolo (non a caso) FusaiFusa: qui la ricchezza della musica ma’luf arabo-andalusa con il  tipico cordofono oud, la maestosità della zocra berbera, il fascino del saz curdo, le sperimentazioni elettroniche e le influenze europee dipingono un vibrante mosaico di culture, esperienze e tradizioni che si intrecciano armoniosamente.

In una dimensione che è al tempo stesso umana e spirituale, terrena e cosmica, i FusaiFusa non potevano che incontrare idealmente, lungo il loro percorso, un artista come Franco Battiato che più di tutti, nella cultura italiana ed europea, si è avvicinato al sufismo e alla cultura araba. Ne viene fuori la rilettura di L’ombra della luce, un pezzo firmato dal Maestro nel 1991 per l’album Come un cammello in una grondaia. Alla solennità orchestrale del brano originale, i FusaiFusa sostituiscono la dimensione sonora che più gli appartiene, conferendo a questa preghiera all’universo e al rapporto fra vita e morte un’aura ancora più misticaPuro divertissement sonoro è invece il pezzo successivo, Mistikî, brano dedicato a un bizzarro personaggio di nome Mustafà, una traccia che sviluppa con un tempo dispari introdotto dal saz piccolo acuto, si arricchisce con l’aggiunta della batteria, del basso e delle percussioni e, in modo sorprendente, anche da improvvise irruzioni del marranzano.

Lamana si chiude infine con un altro omaggio al musicista curdo Ciwan Haco: Hevala Evîndar è una canzone, di rara profondità emotiva, sulla fratellanza tra combattenti e sulla desolazione lasciata dalla guerra, in un crescendo che culmina in un sentimento misto fra orgoglio e malinconia. I FusaiFusa debuttano così con un lavoro che celebra l’assoluta ricchezza e complessità dell’essere umano e del suo rapporto con la storia e con il mondo.

L’album verrà presentato live il 15 marzo al Locomotiv Club di Bologna.

Read in:

Ti potrebbe interessare:

La Milanesiana arriva a NoLo

La Milanesiana, la kermesse culturale ideata da Elisabetta Sgarbi alla 19esima edizione, per il 2018 arriva a NoLo, il quartiere

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”