8 Marzo 2018
DONNA

Hilton Milano alla prima Women’s Health Week

8 Marzo 2018
DONNA

Hilton Milano alla prima Women’s Health Week

8 Marzo 2018
DONNA

Hilton Milano alla prima Women’s Health Week

SI chiama Pink Velvet ed è un cocktail molto chic creato dai bartender di Cponcept45, il lobby restaurant di Hilton Milano.

hilton milano

Si chiama “rosa” perché questa è la settimana della festa della donna e il grande albergo milanese la celebra in stile e per una buona causa. Fino all’11 marzo all’Hilton tra la Stazione Centrale e il Porta Nuova District, c’è infatti la Women’s Health Week, un programma di fundraising e sensibilizzazione sui tumori femminili.

hilton

Con 12 euro potete bere il Pink Velvet (a base di Vodka, Aperol, Liquore di Sambuco, Succo di Cranberry e Bianco d’uovo) e contribuire a devolvere il ricavato alla Fondazione dell’Istituto Europeo di Oncologia – CCM per sostenere il Women’s Cancer Center, l’unico modello in Italia di centro interamente dedicato ai tumori che colpiscono la donna.

Dice Nassos PApazoglou, general manager di Hilton Milan: "Siamo orgogliosi di collaborare con un'istituzione prestigiosa come Ieo. Condividiamo i suoi valori e auspichiamo che la nostra iniziativa sia di contributo significativo".
Dice Nassos PApazoglou, general manager di Hilton Milan: “Siamo orgogliosi di collaborare con un’istituzione prestigiosa come Ieo. Condividiamo i suoi valori e auspichiamo che la nostra iniziativa sia di contributo significativo”.

Se volete farlo e vi trovate a Milano l’accesso è libero presso Hilton Milano (via Galvani 12) fino all’11 marzo dalle 18:30 alle 21:30, al lobby restaurant.

Read in:

English English Italian Italian
Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Ti potrebbe interessare:

Morto un reality se ne fa un altro

“Famous for being famous” li bollava sin dagli anni 60 Daniel J. Boorstin. Erano comprimari della vita pubblica senza particolari

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”