Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 04/11/2020
FOTO DI GIORDANO BENACCI

I wine lovers si uniscono per la diversity

Perchè nel 2020 non è più possibile assistere a episodi di discriminazione, ed il settore Wine & Spirits non è certo all’avanguardia su questo. Una piccola voce per accendere i riflettori su un aspetto vile, anacronistico, seccante e becero del mio settore.Quattro professionisti, quattro storie diverse, quattro ferite date dalla sciocca discriminazione di razza, genere, orientamento sessuale o disabilità. Perchè non è più tollerabile vedere dietro un bel volto, la ferita dettata dalla stupidità di certa gente.Oggi il volto di Stuardo nasconde quella volta che…

I PROFESSIONISTI DEL VINO ITALIANO SI SCHIERANO CON LA COMUNITA’ MONDIALE PER CONDANNARE TUTTI GLI ATTI DI DISCRIMINAZIONE.

Dopo gli episodi che hanno portato gli Stati Uniti sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo, l’industria mondiale del vino si impegna con campagne per la diversity nel mondo del lavoro: discriminazioni di razza, genere, orientamento sessuale e disabilità non sono più tollerate.
Negli States, Julia Coney, nota giornalista del settore enologico, ha addirittura creato un elenco di professionisti del vino, tutti di colore, che ha ospitato in sessioni di Instagram Live per discutere di razzismo nel settore. I maggiori Istituti al mondo The Court of Master Sommelier, The Institute of Master of Wine e il WSET si schierano attraverso incontri su Zoom, revisione delle proprie policy sulla diversity e campagne di sensibilizzazione contro la discriminazione sul lavoro nel settore.
Sono stati tanti i produttori, gli importatori, le società di pubbliche relazioni che sui social hanno voluto lasciare il loro messaggio di solidarietà.
A livello nazionale, non risulta purtroppo un movimento altrettanto fervido. Pochi sono i protagonisti del settore enologico che hanno preso posizione, tranne alcuni professionisti che hanno deciso di dire basta a certi gesti di discriminazione sul lavoro.

Cristina Mercuri, presidente di DEGUSTIBUSS INTERNATIONAL ha deciso di schierarsi con i Big a livello internazionale dando il suo contributo. Una campagna sulle sue pagine social Instagram cristinamercuri_wine e Facebook Degustibuss Academy, che affronterà il tema diversità ed inclusione nel mondo del lavoro nel settore Wine & Spirits in quattro diversi ambiti: razza, genere, orientamento sessuale, disabilità attraverso i racconti di altrettanti protagonisti fotografati da Giordano Benacci.
Verranno allo steso tempo coinvolte alcune associazioni che si occupano di temi sociali per dare voce ed amplificare il messaggio: nel 2020 non è più possibile tollerare nessuna discriminazione.



Society - 02/09/2020

Chiara Ferragni e la cultura: reprise a Palazzo Barberini

Quando aveva visitato la Galleria degli Uffizi a Firenze, il weekend dopo, il tasso di visitatori t [...]

Fashion - 27/12/2018

Josè Lombardi: “Nella mia moda la passione del Brasile e l’eleganza dell’Italia”

Lo stilista Josè Lombardi, 36 anni, brasiliano di nascita, originario di Morcone in provincia di Be [...]

Travel - 07/07/2019

Amalfi 2019, cultura, cibo e arte nella divina costiera

Tra mare e monti in provincia di Salerno, la divina costiera, il tratto di terra che va da Vietri Su [...]

Top