Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 08/02/2018
ORTAGGI MITICI

Il reportage “Re Pomodoro” di Domenico Rea

Non c’era il marketing territoriale legato al food ma negli anni 50 il pomodoro sollevò un’intera provincia (Salerno) in pieno boom di ricostruzione post-bellica. Veniva chiamato l’oro rosso. Il pomodoro dell’agro nocerino-sarnese guidò una rivoluzione fatta di industrie e prelibatezze da gustare in tavola che cambiarono l’Italia e il modo di consumare cibi degli italiani. E un uomo di cultura attento al suo tempo come Domenico Rea non rimase indifferente a questa rivoluzione sociale.

Il libro “Re Pomodoro” a sua firma oggi è stato ristampato. Il volume fu pubblicato per la prima volta nel 1957 dalla rivista “Prospettive Meridionali”, e ha come tema il pomodoro e quella che era la fiorente industria conserviera dell’agro nocerino – sarnese, la leggendaria “Nofi” che tanto ha ispirato l’opera letteraria di Domenico Rea.

La locandina della presentazione di Re Pomodoro.

La locandina della presentazione di Re Pomodoro.

Il reportage su carta rieditato in una pregevole ristampa con le illustrazioni di Daniela Pergreffi,  e la prefazione di Vincenzo Salerno, curata da Raimondo Di Maio, libraio-editore della storica Dante&Descartes di Napoli, è stato presentato di recente a Sarno presso la Villa Lanzara del Balzo. Era presente anche Lucia Rea, figlia di Domenico Rea, e i due sponsor locali che hanno contribuito ai costi di pubblicazione, Eduardo Ruggiero (Gustarosso) Angelica e Marcello Saviano (Graziella spa) che rappresentano i nuovi testimoni di un’antica tradizione, quella delle conserve alimentari. Ha coordinato Nicla Iacovino (direttrice bibilioteca comunale di Nocera Inferiore).

Domenico Rea (1921 –1994), cresciuto a Nocera Inferiore, è tra i massimi scrittori del Novecento, vincitore del Premio Strega con “Ninfa plebea” (1992). Re pomodoro narra lo «straordinario nuovo» e lo «splendido antico» di quel “regno del pomodoro” in una maniera più duratura e più aderente di una datata inchiesta o una superata cronaca.

Di Maio non è al suo primo Rea come editore: ha cominciato nel 1995 con “Boccaccio a Napoli”, oramai un vero remainder-vintage ed ha proseguito nel 2006 con i meravigliosi “Spen ed altri racconti”. Altri ne seguiranno.



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Leisure - 05/06/2018

Patrizio Oliva, l’ex pugile esporta mozzarella

Non solo è diventato ambasciatore dei sapori italiani nel mondo, ma Patrizio Oliva li produce pure [...]

Leisure - 10/11/2018

Benin dimenticato, l’Africa che tocca il cuore nelle foto di Gabriele Zago

"Un'esperienza unica" la definisce lui, Gabriele Zago, il fotoreporter che ieri ha inaugurato la sua [...]

Design of desire - 23/05/2018

Il filo che diventa arte nei tappeti di Alberto Fiorenzi per I-Mesh

Appesi ai muri dello spazio Alcova all'ultima design week, i tappeti di I-Mesh risultavano essere de [...]

Top