Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 20/04/2017
LIBRO GIALLO

Le Chimere di Annavera Viva: giallo al quartiere Sanità

C’è tutta la Napoli contraddittoria, sacra e profana nel nuovo romanzo di Annavera Viva, Chimere. Uscito per Homo Scrivens, il libro parla del ritorno di padre Raffaele nella Sanità, quartiere di Napoli dal quale è stato portato via quarant’anni prima dai servizi sociali, per essere dato in adozione. Qui ha ritrovato Peppino, il fratello maggiore che, delinquente già da piccolo, è diventato il boss del quartiere.

Inizialmente tormentato dal dubbio sull’opportunità di rivelare la sua identità, finisce col far prevalere i sentimenti, in virtù anche dell’emozione suscitata dalla nascita del figlio del boss, suo primo nipote carnale, sul futuro del quale nutre molti timori.

Annavera Viva in una recente presentazione di Chimere (foto courtesy Gabriella Falcone)

Annavera Viva (a sinistra) in una recente presentazione di Chimere (foto courtesy Gabriella Falcone)

Il libro colpisce per l’analisi dei primi mesi del protagonista nella città che gli era stata sottratta: i tempi sono duri, le sue inquietudini affettive coincidono con la difficoltà di fare arrivare la parola di Dio a fedeli stanchi e disillusi da un sistema che li ha sempre emarginati. Uno squarcio su una realtà tipicamente partenopea, che abbraccia anche l’affresco personale di alcuni dei personaggi. Come quello di Assuntina, la perpetua, chiacchierona e curiosa, edotta su ogni più piccolo pettegolezzo del quartiere, ma buona e dotata di un eccellente senso pratico.

Queste doti gli sono state di non poco aiuto per arrivare alla soluzione di un primo caso di omicidio. Molto verosimile e avvincente anche il corner “vox populi”. Nel quartiere qualcuno comincia a sospettare che ci sia una relazione tra Brunella, alias Antonio Capasso, famoso e bellissimo transessuale e un politico locale, Giovanni Persico, che ha fama di godere dell’appoggio della camorra. Questa relazione, pericolosissima, lo renderebbe attaccabile in vista delle prossime elezioni.

Ideale proseguimento di “Questioni di Sangue” il primo giallo di Annavera Viva, il romanzo parla di un mondo circoscritto, dove il protagonista principale è il Rione Sanità, poi i suoi abitanti, in primis don Peppino e Padre Raffaele, che sono solo il frutto di tutto ciò che il quartiere rappresenta, sia se vissuto appieno, come nel caso del primo, che se frutto di un ricordo pressante e continuo, mai dimenticato e affiorato tutto insieme come un’esplosione, come per Padre Raffaele. Ma il lettore appassionato, non può non chiedere più vita, a questi personaggi dell’immaginazione di una penna straniera, ovvero non napoletana, come quella di Annavera Viva, forse a ragione più appassionata e verace degli stessi talvolta troppo stanchi partenopei.

La copertina di Chimere, nuovo romanzo di Annavera Viva.

La copertina di Chimere, nuovo romanzo di Annavera Viva.

Nasce così “Chimere”, l’ultimo giallo della scrittrice, che infonde nuova vita ai personaggi protagonisti del piccolo mondo. Skizzo l’ex scugnizzo esperto di computer, fino ai nuovi protagonisti, primo fra tutti Brunella il transessuale dalla bellezza e carisma unici, e per questo amato e odiato fortemente.

Il viaggio concluso con il primo libro, magicamente si riapre e si ricomincia a vivere atmosfere, odori e dialoghi di personaggi che sono entrati dentro, sembrando vivi, come quando Annavera nel corso delle tante presentazioni in ogni città d’Italia, parla di loro con nome e cognome, pare li conosca, sapendo ogni dettaglio, persino quello non scritto, perché le sue creature sono vive e vere nella sua mente.

Gente di cuore, ma anche gente forte, talvolta cruda, capace di perpetrare delitti, dove potenzialmente tutti sono accusati, e nessuno è accusato, sono i fatti che man mano si svelano al lettore, per dare suspance. Con Chimere infatti, il quartiere si colora di rosso, e padre Raffaele ancora una volta con l’aiuto della vivace Assuntina dovrà provare a mettere insieme i pezzi di un puzzle oscuro e inquietante. A suo avviso necessario, per non commettere l’errore di mettere la testa sotto la sabbia, non sapere e non fare giustizia, in un mondo popolato da chimere in cui si troverà a muoversi, tra drag queen, affascinanti ed enigmatiche che tra i loro ammalianti abiti di scena nascondono oscuri segreti.



Leisure - 27/10/2018

“La Grande Guerra” simbolo della commedia all’italiana, il tributo del capo dello Stato

La tredicesima edizione della Festa del cinema di Roma sta quasi volgendo al termine. Manca poco, or [...]

Society - 15/12/2018

L’anno di svolta di Luca Marin

In queste ore si sta parlando di lui per la partecipazione al programma Rivelo. Nel salotto intimist [...]

Leisure - 15/04/2019

LaChapelle, Busby e Samson alla Mucciaccia di Roma

Mercoledì 17 aprile 2019, alle ore 18.00, inaugurano due importanti mostre nei due spazi espositivi [...]

Top