Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 08/01/2020
PIAZZA MERCATO

Pizza da Bro, il nuovo indirizzo di design a Napoli

BRO è la nuova pizzeria di Antonio e Ciro Tutino che apre in piazza Mercato, una delle piazze più emblematiche di Napoli, la piazza simbolo del popolo, il luogo del mercato sin dai tempi dei sovrani Angioini, e della storica rivolta di Masaniello.

 

In questa piazza antica e popolare, BRO è uno spazio contemporaneo progettato in ogni più piccolo dettaglio per dare un’esperienza di pizza che coniuga estetica e sostanza. L’interior design, firmato dall’architetto Maurizio Vesce, si distingue per la scelta dei materiali, delle finiture e la tavolozza cromatica: marmo calacatta oro, ottone, boiserie di legno, pareti di cristallo, pitture materiche, resina e carta da parato che riprende un caldo foliage connotano lo spazio in maniera decisa. Il locale è ricavato da un unico volume al centro della piazza, si articola su due livelli, per un totale di 160 metri quadrati di superficie: due i forni per le pizze, camera per gli impasti a vista sulla sala e 60 coperti totali.

 

BRO è dunque un progetto che guarda lontano, giovane ma con alle spalle un solido bagaglio di esperienze. Figli di Michele Tutino, Ciro e Antonio, rispettivamente classe 1992 e 1998, rappresentano la quinta generazione di una famiglia storica di pizzaioli napoletani. Nonno Ciro, con il fratello Giuseppe, dal 1960 sforna pizze a Porta Nolana, cuore verace della Napoli più popolare. Papà Michele gestisce invece la pizzeria Tutino Galante a San Giorgio a Cremano, immediata periferia est della città, dove Ciro e Antonio si sono formati, prima al forno e poi al banco proprio come vuole la tradizione. Ma la storia dei Tutino comincia ancora prima, con Giuseppe Tutino (nonno di Ciro e Giuseppe), padre di Michele che sposò Nunzia, appartenente alla famiglia dei pizzaioli Marigliano, che faceva la pizza “ogge a otto” ovvero con quel sistema di credito per il quale l’avventore poteva sfamarsi e pagare la settimana successiva. Quella dei Tutino è una pizza della più schietta tradizione partenopea, senza fronzoli, “fine di pasta”, proposta a prezzi popolari. Nella pizzeria di Porta Nolana, si mangia ancora la “pizza a libretto”, il più tipico street food napoletano. Con BRO i giovani fratelli Tutino vanno oltre. Con i piedi ben saldi nella tradizione, puntano a offrire una pizza contemporanea – lieve nell’impasto, di alta qualità per topping e selezione delle materie prime – in un ambiente caldo ed accogliente, curato in ogni dettaglio: i tavoli hanno piano in marmo calacatta oro con inserti in ottone e poltroncine in velluto giallo ocra chiaro. In carta 15 pizze, dalle tradizionali a quelle più innovative frutto di ricette originali di Ciro Tutino, e i classici fritti napoletani. Un ampio ventaglio di birre italiane ed estere e una carta di vini ragionata, che dà spazio agli storici vitigni campani e a qualche referenza nazionale, completano l’offerta.

 

BRO, il nome.

Bro, dall’inglese brother fratello, è un termine slang utilizzato dai giovani per esprimere non necessariamente un legame di sangue, ma piuttosto un rapporto di amicizia, o fratellanza per l’appunto, con chi si condivide una passione, uno stesso ideale, un obiettivo.

Da qui nasce Bro, il nome della nuova pizzeria di Ciro e Antonio Tutino, fratelli certamente ma anche soci in questa nuova avventura con due ruoli ben distinti: Ciro è pizzaiolo e governa la zona lavoro; Antonio è in sala e si occupa dell’accoglienza e del servizio ai tavoli.



Leisure - 09/02/2017

Al Museo del Calcio il console Usa porta la maglia di Abby Wambach

Al Museo del Calcio di Milano c'è stato un incontro intercontinentale di cimeli sportivi. A port [...]

Travel - 04/09/2018

Rocco Forte rileva masseria in Puglia. Nuovo hotel di lusso nel 2019

Rocco Forte Hotels conferma l'interesse per l'Italia nel proprio scacchiere strategico e annuncia il [...]

Fashion - 21/04/2020

La collezione di basici essenziali “Balance” di Hanro

Una collezione di basici essenziali "Balance" di Hanro, realizzata in maniera sostenibile grazie al [...]

Top