1 Dicembre 2021
RACCOLTA DIFFERENZIATA

Problemi con la raccolta dei rifiuti? Le soluzioni in epoca Covid

1 Dicembre 2021
RACCOLTA DIFFERENZIATA

Problemi con la raccolta dei rifiuti? Le soluzioni in epoca Covid

1 Dicembre 2021
RACCOLTA DIFFERENZIATA

Problemi con la raccolta dei rifiuti? Le soluzioni in epoca Covid

Da tutta Italia arrivano notizie sulle problematiche legate alla raccolta differenziata e, in generale, sulla raccolta dei rifiuti. Molte le immagini di pattumiere traboccanti di spazzatura e di strade sommerse dai rifiuti per il mancato passaggio delle autovetture degli operatori ecologici. 

Gli addetti ai lavori del settore risultano in seria difficoltà nel dover stare spalla a spalla con i colleghi a causa del distanziamento loro richiesto. A questa problematica si aggiungono il minore quantitativo di lavoratori messi su strada e il blocco totale nella raccolta rifiuti che stiamo ancora pagando dalla fase di lockdown.

Per far fronte a problematiche di questo tipo le autorità consigliano di seguire i seguenti consigli presenti sul portale del Ministero della Transizione Ecologica per poter gestire in modo sicuro e legale tutti i tuoi rifiuti domestici.

Abbiamo quindi pensato di semplificarti la vita con una guida allo svolgimento della differenziata studiata per far fronte alle problematiche create dal Covid nella gestione dei rifiuti sia in caso di positività che di negatività al virus.

Dove puoi gettare la raccolta differenziata 

Le possibilità per poter partecipare alla raccolta differenziata sono molte. Nel caso in cui il tuo quartiere offra servizi di porta a porta puoi fare affidamento al calendario di raccolta della tua città. Su tutti i portali dei comuni italiani sono presenti delle indicazioni a riguardo. Se il servizio non fosse disponibile nella tua area puoi comunque partecipare seguendo una delle modalità per te più comode. Tra i servizi disponibili ci sono:

  • Richiesta dei bidoni della raccolta differenziata: in caso di risposta affermativa presso l’ente della tua città verranno installati dei contenitori nel tuo quartiere.
  • Smistamento dei rifiuti recandoti all’isola ecologica più vicina: puoi fare affidamento sul portale del tuo comune per vedere dove sono situati i punti di raccolta più vicini
  • Smistamento dei rifiuti con le isole ecologiche itineranti.
  • Utilizzare i bidoni per raccolta differenziata di aree pubbliche come centri commerciali, supermercati e scuole.

Come puoi fare la raccolta differenziata

Per gestire nel migliore dei modi la raccolta differenziata fatta in casa in questi tempi di incertezza è bene tenere presente che l’organizzazione è il fulcro del tuo equilibrio casalingo. Il primo consiglio è quello di avere dei raccoglirifiuti personalizzati a seconda della tipologia di rifiuto in modo da poterli distinguere in modo semplice e veloce. I preferibili per questo tipo di attività sono i cosiddetti Ecobox, dei contenitori in cartone per la raccolta differenziata. Considerando che le tipologie di rifiuti in Italia sono diverse, consigliamo di procurarsi dai 5 ai 7 contenitori, è necessario infatti suddividere il pattume almeno in:

  • Plastica: bottiglie di plastica, vasetti dello yogurt, confezioni di pasta, sacchetti delle patatine, pacchi del caffè, appendiabiti.
  • Vetro: bottiglie, barattoli e vasi di vetro, bicchieri di vetro.
  • Carta: giornali, libri, fogli usati, imballaggi di cartone, quaderni, confezioni del latte.
  • Umido: avanzi di cibo, alimenti scaduti, scarti degli alimenti, sacchetti del tè e fondi del caffè.
  • Indifferenziata: materiali unti e sporchi, scontrini, piatti e posate usati, cd, videocassette, giocattoli, bicchieri e tazze di ceramica

Per quanto riguarda ciascuna tipologia di rifiuto, è sempre buona pratica non differenziare tutti quei prodotti come bottiglie, retine della frutta, scatoloni, bicchieri e posate di carta che presentino residui di cibo o altre sostanze organiche. Per una questione di praticità può tornare utile schiacciare i contenitori per ridurne il volume occupato e staccare le etichette presenti sopra i prodotti.

Avere dei contenitori sempre pronti all’uso è fondamentale per trovare un compromesso tra le esigenze estetiche della propria abitazione e la necessità di non rimanere sommersi dalle buste che solitamente si mettono fuori dalla propria casa in attesa del porta a porta.

Come fare la raccolta dei rifiuti in caso di positività al Covid-19

Cambia radicalmente la situazione nel caso in cui dovessi risultare positivo al virus. Purtroppo non sono pochi i casi di Coronavirus tra i cittadini, per poter continuare a smaltire in tutta sicurezza i propri rifiuti il governo ha stabilito dei punti da seguire passo passo per gettare i rifiuti domestici:

  • Non bisogna più differenziare i rifiuti.
  • Bisogna utilizzare due o tre sacchetti da inserire nel contenitore dell’indifferenziata per isolare al meglio il contenuto.
  • Tutte le tipologie di rifiuti sopracitate vanno gettate nella raccolta indifferenziata.
  • Bisogna sempre indossare guanti monouso per chiudere i sacchetti ed utilizzare gli appositi laccetti, in alternativa si può fare uso di un nastro adesivo.
  • Una volta chiuso il sacchetto i guanti vanno gettati nel successivo sacco della spazzatura.
  • I rifiuti vanno fatti smaltire ogni giorno come avviene con l’indifferenziata.
  • Assicurarsi che sia animali domestici che selvatici non si avvicinino al sacchetto della spazzatura.

Disagi nella raccolta dei rifiuti in tutta Italia

Da nord a sud il virus crea disagi non solo negli ospedali ma anche nella gestione e smaltimento dei rifiuti. Tenere ben presenti i consigli prima citati è quindi prerogativa essenziale per poter far fronte agli inconvenienti che le città italiane stanno vivendo. Se è vero che alcune città come Trento si stanno distinguendo per l’ottima capacità di smaltimento del pattume, altre stanno soffrendo più del normale le difficoltà legate al Covid. 

A Napoli, nonostante negli ultimi anni si sia registrato un miglioramento in percentuale della crescita della raccolta differenziata, è ancora basso il numero di cittadini che ha la possibilità di partecipare attivamente alla raccolta differenziata. I dati indicano che solo uno su tre la fa. Situazione poco convincente anche in diverse aree del nord dove, se da una parte i numeri sono più incoraggianti, dall’altra si registra un calo nella qualità dei servizi di raccolta e smistamento dei rifiuti. Sono circa centomila i cittadini che a Torino ancora non hanno la possibilità di partecipare alla raccolta differenziata.

Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

Måneskin cantano con Iggy Pop

Il successo dei Måneskin in Italia e nel Mondo non si ferma. “I WANNABE YOUR SLAVE”, l’ennesimo successo dei ragazzi

La Riccanza made in France

Sarà interessante vedere stasera se la Riccanza è spocchiosa e boriosa anche alle rigorose latitudini parigine. Infatti il martedì sera

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?