Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 16/12/2019
PRODUZIONE MOKAMUSIC

Quando la Trap incontra la musica d’autore: Roberta Carrieri

Da oggi, lunedì 16 Dicembre, è on line il video di Solo quello che mi piace, il nuovo frizzante singolo di Roberta Carrieri, ex voce dei Fiamma Fumana, uno dei più importanti gruppi italiani di world music, prodotto da Philip Abussi per Mokamusic.

Si tratta di un inedito incontro tra la canzoe d’autore e la musica Trap, che fuori dai cliché, parla a più generazioni, con spensierata autoironia.

Solo per la sintesi dei talenti che il brano porta con sé, l’ascolto è già un piacere. Roberta Carrieri proviene da una forte esperienza teatrale e performativa (Teatro Kismet OperA, Quarta Parete) e questo suo continuo lavorare con le immagini si traduce in una scrittura visiva in cui le parole, usate in modo evocativo e non narrativo, dipingono sensazioni in una maniera molto personale, a tratti onirica.

Philip Abussi è un compositore e consulente musicale franco-italiano. Vive attualmente a Milano e opera in diverse industries, dalla pubblicità al cinema, dall’arte alla moda. Opera in pubblicità con Mokamusic, società da lui fondata, ma ha un percorso di prestigiose collaborazioni estremamente variegate: attivo da anni nel segmento dell’arte, come compositore e artista visivo, ha collaborato con l’architetto Duilio Forte, con l’artista concettuale Paola Romano, con i fotografi Andrea Pacanowski e Renato Cerisola, offrendo il suo contributo musicale per mostre e progetti audio-visivi. “Credo che la musica debba essere libera da qualsiasi struttura rigida e restrittiva per esprimerne in pieno il potere creativo“, dice.

E questo singolo è un ulteriore passo in avanti per le carriere dei due creativi, un racconto di un viaggio autoironico alla scoperta dell’universo della “GenZ”, delle sue “mosse” e del suo “slang” presi in prestito dalla musica hip hop, rap e trap. Dentro ci sono le innocenti ossessioni della vita del 2019, la spasmodica voglia di comunicare real time con i video di Tik Tok, con le storie di instagram, con il dito sempre pronto al “like” e allo “swipe up”.

“Solo quello che mi piace” oltre ad essere il titolo del brano è anche il mantra di Roberta Carrieri, che sfidando le convenzioni, ha realmente esplorato e continua ad esplorare, lo scenario Trap, frequentandone le piazze più note, intervistandone i protagonisti, ha concretamente instaurato una relazione con la Generazione Z, facendosi in breve tempo notare su Tik Tok, anche grazie alle sue doti di attrice e ventriloqua, insieme ai suoi splendidi pupazzi.

Durante il viaggio la strada di Roberta Carrieri ha incrociato quella di Philip Abussi, altra personalità atipica, compositore e musicista franco-romano dal background musicale poliedrico, che spazia dalla classica orchestrale all’elettronica sperimentale, e dai modelli d’ispirazione molto diversi fra loro, da Ritz Ortolani, punto di svolta significativo per la sua carriera, a John Williams, dai Tool a Mozart, passando per Aphex Twin, Apparat e i Radiohead. In questo nuovo progetto il produttore ha voluto contaminare il linguaggio convenzionale della musica Trap con elementi del genere folk ed etnico, sentirete le note di un mandolino, le percussioni afro-brasiliane ed il classic touch del piano forte.

Nel video, girato da Stefano Poletti, un cammeo d’eccezione, quello di Maccio Capatonda, che ha condito con il suo brillante humor il racconto autoironico di Roberta Carrieri…

In alcuni frames del video David “Daviù” Vecchiato e i suoi murales sulla facciata storica dell’Ex Cinema Impero di Roma, raffiguranti i volti di Pasolini, Anna Magnani, Monicelli, Sergio Franco Citti.



Society - 06/08/2020

Sean Connery: i suoi primi 90 anni

Un tributo d'eccezione al novantenne di Hollywood di questo mese: Sean Connery narrato dal biografo [...]

Leisure - 24/02/2017

Emma Dante porta le Bestie di Scena al Piccolo di Milano

Bestie di Scena è il nuovo lavoro della celebre regista Emma Dante che arriva per la prima volta al [...]

Leisure - 15/02/2020

Tomás Saraceno a Firenze: “Aria” dall’uomo al centro del mondo

Un'installazione delicata e visionaria, che si chiama "Aria" sta per sconvolgere lo spazio stori [...]

Top