24 Luglio 2023
SORPRESE VIP

Russell Crowe a sorpresa da Muccino

24 Luglio 2023
SORPRESE VIP

Russell Crowe a sorpresa da Muccino

24 Luglio 2023
SORPRESE VIP

Russell Crowe a sorpresa da Muccino

Padri e figlie (Fathers & Daughters) era un film del 2015 diretto da Gabriele Muccino interpretato da Kylie Rogers e Russell Crowe. La parabola internazionale del regista italiano è stata talmente alta che ancora oggi capita di trovarsi nel mezzo di incontri straordinari seguendo le tracce del cineasta. E per la presentazione romana del libro c’è stato un momento hollywoodiano. Paolo Mieli, il giornalista che moderava il dibattito a Palazzo Cavallerini Lazzaroni è stato sorpreso nella presentazione da una presenza inaspettata: Russell Crowe si è presentato a sorpresa a sala piena e ha salutato calorosamente il suo amico Muccino.

Dal profilo Instagram di Patrizia Pellegrino, la cronaca di un incontro inaspettato: “Sono andata ad assistere ad un incontro tra Paolo Mieli, grande giornalista e Gabriele Muccino regista oramai di fama internazionale che presentava il suo libro. I suoi inizi, le difficoltà e poi gli incontri e il successo ultimamente anche con la serie tv A CASA TUTTI BENE… poi all’improvviso una bella sorpresa arriva in questa sala meravigliosa il mitico attore Russell Crowe (premio Oscar per “Il Gladiatore”) e il discorso si sposta anche sullo sciopero mondiale degli attori”.
Alla presentazione dell’autobiografia di Gabriele Muccino uscita per Utet, si presenta il premio Oscar Russell Crowe. E un pomeriggio romano di luglio si trasforma in un happening internazionale.

A dare la notizia per prima è stata l’attrice Patrizia Pellegrino, con dei post sul suo profilo Instagram. L’artista che conosce bene Mieli, era andata alla presentazione del volume «La vita addosso. Io, il cinema e tutto il resto» organizzata dalla Libreria Ubik perché voleva conoscere il regista. E si è ritrovata a parlare con un premio Oscar.

Dal materiale postato dall’attrice napoletana si apprende che Crowe, una volta presa la parola, ha difeso il recente sciopero dei colleghi americani, “in difesa di un settore minacciato dalle grandi piattaforme online e dall’intelligenza artificiale”.

Read in:

Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”