Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 04/07/2019
PENSARE GREEN

Serge Latouche: “La sostenibilità è un futuro utile per le persone”

F/ART ha invitato Serge Latouche, filosofo ed economista francese, a indagare i temi legati ai consumi e alla sostenibilità nella conferenza USE, USE, USE e poi RE.USE. Ripensare il consumismo per costruire una società sostenibile.

Noto per i suoi studi sul consumismo e sulla sostenibilità, Serge Latouche è diventato celebre per aver sviluppato teorie contrapposte all’​obsolescenza programmata​, fenomeno sviluppatosi a partire dall’avvento dell’industrializzazione che prevede la necessità di produrre merci deperibili e irreparabili per contrastare la crisi dei mercati e dell’occupazione.

Il filosofo francese ha formulato la via virtuosa della ​frugalità necessaria  come  alternativa  all’obsolescenza.

La necessità di “inventare un futuro sostenibile fuori dalla crescita, una società di abbondanza frugale in cui quest’ultima è necessaria per la sostenibilità dell’ecosistema e per soddisfare i bisogni delle persone”.

F/ART è un’azienda nata nel 1945, produttrice di trasformatori per lampade a Neon, leader mondiale nel suo settore.

Dal 2017 l’azienda, guidata da ​Marisa Graziati​, ha avviato un lavoro di ridefinizione della sua immagine, a partire dal naming – F/ART – fino al rinnovo dell’offerta, ideando soluzioni innovative e inedite con cui presentarsi nuovamente ai mercati internazionali.

Il nuovo progetto ha coinvolto il processo produttivo​, la cultura aziendale e la​ ricerca di interlocutori ​con cui instaurare importanti collaborazioni.

Nuova proposta del 2019 è la linea di prodotti dedicata all’​alimentazione dei LED per insegne e illuminazione, realizzata in resina e capace di rispondere alle esigenze diversificate del mercato illuminotecnico.

 

Questa è una grande sfida mentre i governi cercano di mantenere il mito della crescita distruggendo sempre di più il sistema.

”Riprendendo i temi dell’economista, ​MarisaGraziati​,​CEO di F/ART, ribadisce l’importanza di realizzare prodotti che garantiscono un ​basso impatto ambientale​, dotati della ​massima efficienza energetica e​di una lunga durata​.

La lampada a catodo freddo, infatti, è stata riconosciuta dall’organizzazione americana UL-Underwriters Laboratories Inc. – come la fonte di luce più sostenibile al mondo in quanto altamente performante e con ​consumi minimi​.

Nell’ottica della creazione di economie, ricchezza e lavoro, l’azienda propone servizi di manutenzione programmata​ che coinvolgono personale specializzato per la revisione e mantenimento degli impianti e una distribuzione del lavoro che limita gli spostamenti di materialie di persone nel rispetto dell’ambiente.

Importanti sono, inoltre, la ricerca di materie prime a basso impatto e lo sviluppo di attività volte al miglioramento della produzione.

In foto, a Treviso per una conferenza organizzata da F/Art l’economista e filosofo francese Serge Latouche, protagonista della serata nella storica cornice dell’Auditorium del Museo di Santa Caterina, insieme a Marisa Graziati, CEO di F/ART e a Carlo Sala, curatore della Fondazione Fabbri e docente al Master IUAV in Photography, con la moderazione di Massimo Bordin, docente di filosofia e collaboratore della rivista La Chiave di Sophia.



Leisure - 11/01/2018

Le sculture di luce “recuperata” di Michele Penna

Michele Penna è un artista che ha fatto del recupero dei materiali e della luce un suo tratto disti [...]

Leisure - 22/03/2019

Prima italiana per l’arte messicana di Yoje Dondich

Dopo l'esordio a Madrid arriva in Italia l'arte di Yoje Dondich (Citta del Messico, 1952), figura or [...]

Leisure - 12/06/2019

Galleria Bellucci, l’ex tipografia fra arte e vintage

Per il Fuorisalone 2019 Hannes Peer Architecture e Galleria Bellucci hanno reso omaggio all'opera di [...]

Top