Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 08/03/2020
ACRI PROVINCIA DI COSENZA

Silvio Vigliaturo, sculture in vetro dalla Calabria

Il vetro artistico arriva anche dalla Calabria, con le sculture oltre la semplice tridimensionalità plastica di Silvio Vigliaturo. Il Museo del Cristallo di Colle di Val d’Elsa (Si) gli ha dedicato anni fa una personale intitolata “La via del vetro”: lì si è vista la caratura di questo artista e maestro del vetro riconosciuto a livello internazionale.

Alcuni dei musei in cui Vigliaturo ha esposto in passato sono Erezt Israel Museum di Tel Aviv, Hsinchu City Glass-Museum, Museo dell’Arte Vetraria Altarese, Museo Civico di Sansepolcro, Muzeum Karkonoskie di Jelenia Gora, OMA Orlando Museum of Art.

Nel corso degli ultimi vent’anni, Silvio Vigliaturo, che è nato ad Acri vicino Cosenza, ma che da ragazzo si è trasferito a Chieri, provincia di Torino, dove ha uno studio-bottega ha fatto quindi conoscere la sua produzione ai principali musei d’arte vetraria in Europa, Asia e Stati Uniti.

Le sue sono sculture di grandi dimensioni, sinuose e variopinte, una sequenza di corpi e di volti ridotti a lineamenti essenziali, ma arricchiti dalla flessuosità del segno che ne traccia le sagome e dai colori vibranti che le riempiono.

Le tematiche trattate dall’artista sono quelle della maternità, musica, mescolanza. In ciascuno degli aspetti, fa rivivere la nostra società allegoricamente ed è questo quello che attira maggiormente i visitatori.

Dalle prime esposizioni, nel ‘77, sino alla partecipazione alla 54° Biennale di Venezia, Padiglione Italia, il percorso artistico di Vigliaturo si è molto evoluto: l’approccio che l’artista adotta nel lavorare il vetro è derivato dalla sua instancabile attività pittorica. Il forte impatto visivo delle sue opere nasce dalla trasparenza dei colori, capace di generare un’affascinante sembianza di fluidità, e dall’antinomia tra il peso della materia utilizzata e la leggerezza delle forme che l’artista riesce a foggiare attraverso di essa. Nel 2006, è testimonial artistico dei XX Giochi Olimpici Invernali di Torino. Nello stesso anno, la Calabria gli dedica un museo – il MACA (Museo Arte Contemporanea Acri) – che ospita una collezione permanente delle sue opere intesa come un biografico che si snoda attraverso più di duecento esemplari, tra sculture e dipinti. È artista testimonial della Regione Calabria a Expo Shanghai 2010 e nuovamente ad Expo Milano 2015. Nel 2013, prende parte alla mostra “Contemporary Glass Sculpture”, all’Orlando Museum of Art, che raccoglie i più importanti artisti del vetro e celebra i 50 anni del movimento Studio Glass. Espone sue opere in Europa, America e Asia e nel 2016 rappresenta l’Italia all’European Glass Festival a Wroclaw (Polonia), Capitale Europea della Cultura 2016. Vive e lavora a Chieri (To), portando avanti una costante ricerca nei forni del suo studio-bottega, secondo un modo di operare (e sentire) antico, ma anche assolutamente contemporaneo. «Ogni opera di Vigliaturo – scrive Andrea Rodi – è il suo personale contributo a un tema di attualità, alla moltitudine di suggestioni del tempo presente. Una metamorfosi sinestetica trasforma il suono della sua voce in stimoli visivi; la mano, il gesto e il segno traducono e sintetizzano in un’unica immagine fortemente espressiva il punto di vista di Vigliaturo sul mondo».

Negli ultimi anni, il MACA (Museo Arte Contemporanea Acri) ha esposto opere del concittadino Vigliaturo.



Society - 21/12/2016

Gantcho e l’opera elettronica: “Il mio canto mistico ha il fuoco del combattente”

Bisogna ascoltare quello che fa Gantcho Boyadjiev per capire a fondo la sua musica e il suo mondo, u [...]

Leisure - 15/01/2020

Dardust: “Ho detto no ai featuring per sperimentare”

Neoclassico elettronico piace molto come definizione a Dardust. Dario Farini è l'artista musicale d [...]

Design of desire - 24/11/2017

Dubai Design Week 2017, lo smart living è già presente

Come ogni anno in questo periodo, Dubai diventa una città molto attiva e più sfavillante del solit [...]

Top