Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 24/10/2019
GUSTI INSOLITI

“Terra Gelato” lancia i gusti per l’inverno e il nuovo aperitivo

 A Milano si può fare aperitivo pre-serale anche con il gelato. Succede da Terra Gelato (via Vitruvio 38, zona Stazione Centrale) dove sono arrivate le innovative coppe gastronomiche ai formaggi con i gusti inediti per l’autunno-inverno.
L’affinatore che li ha seguiti si chiama Luigi Guffanti che suggerisce la degustazione con un calice di vino. L’Aperitivo Gelato può essere degustato con una selezione di coppe gastronomiche ai formaggi in abbinamento a un calice di Chardonnay o di Moscadello.

I soci di Terra Gelato Gianfranco e Francesco Sampò, insieme al maestro gelatiere Massimo Grosso, per la stagione fredda hanno selezionato i migliori prodotti italiani, rispettandone il vero sapore ed esaltandoli con abbinamenti perfetti per un pre-dinnergoloso o per un dopocena che va oltre i tradizionali dessert dolci. Insieme alle creazioni gastronomiche, infatti, saranno disponibili nuove coppe come la Montblanca base di gelato alla castagna, scaglie di cioccolato, panna e cioccolata calda, oltre a gusti inediticome lo Zabaione, il Caffè Espresso Barbera, il Sorbetto ai Cachi e Rume la Cannella variegata con Pere Williams.

Nato nel 2018 da un’idea di Gianfranco Sampòe dall’esperienza del Maestro Gelatiere Massimo Grosso e di Francesco Sampò, il progetto ruota attorno ai principi di qualità e rispetto delle materie prime regionali, selezionate attraverso un attento processo di ricerca tra le eccellenze a marchio DOP e IGP.

Una finestra sempre aperta sul laboratorio artigianale permettere di cogliere tutte le fasi di lavorazione (dalla cottura delle creme, alla pastorizzazione, fino alla mantecazione su base quotidiana) e rappresenta la trasparenza dei processi e della filosofia legata alla valorizzazione del nostro territorio. La produzione privilegia un approccio gentile, che rispetta il vero sapore degli ingredienti e ne esalta le proprietà naturaliattraverso un processo di sottrazione che elimina tutto il superfluo.

Il gelato viene mantecato tutti i giorni per mantenerlo fresco, senza utilizzare nessun additivo chimico. Le farine di semi di carruba (povere di grassi) e disemi di guar (ricche di proteine e fibre)sono gli addensanti naturali con cui viene prodotto ogni gusto, insieme allalecitina di girasole, un emulsionante che aiuta a combattere il colesterolo.

Il gelato artigianale di Terra si rivela una sorpresa già dal primo assaggio. Un’esplosione di gusto pervade il palato, accompagnata dalla consistenza vellutata e cremosa, mentre la leggerezza della preparazione lascia in bocca una piacevole sensazione di freschezza.

Per ottenere prodotti di tale qualità, tre sono le caratteristiche che si equilibrano durante il processo quotidiano di mantecazione: il sapore, con preparazioni verticali all’interno del laboratorio che consentono di compensare le basi in relazione agli zuccheri contenuti naturalmente nelle materie prime e a sprigionarne il gusto netto e deciso.

Cremosità: la consistenza è il secondo fattore qualitativo che guida la produzione di gelato di Massimo Grosso. Grazie al processo di micronizzazione a cui segue unamaturazione del composto diotto ore eun processo dimantecazione che incorpora aria,è possibile ottenere una texture cremosa, mentre l’abbattimento rapido preserva la sensazione di calorein bocca. Da Terra il gelato al tiramisù richiama la consistenza della classica crema al mascarpone.

Leggerezza: le materie prime naturali e stagionali consentono a Terra di proporre gusti freschi, rispettando i ritmi della natura.

All’interno del bancone vetrato di Terra Gelato, si trovano fino a 30 gusti differenti, preparati con basi al latte, all’acqua o alla frutta (nel caso dei sorbetti), bilanciate in modo personalizzato per ogni singolo gusto. Il Pistacchio Siciliano salato è un cavallo di battaglia presente tutto l’anno, così come il Tiramisù, mentre le proposte a base di frutta variano in relazione alla stagionalità. Da non perdere i gusti gastronomici come Parmigiano Reggiano, Piselli e Menta, Tartufo e Burro e Alici.

Il Maestro Gelatiere Massimo Grosso, famoso per aver preparato torte fredde e gelati per il Papa Francesco, ha realizzato un laboratorio tutto suo, per mantecare ogni giorno un gelato artigianale di qualità davanti agli occhi dei clienti. Dopo quindici anni di esperienza nel settore, prima a fianco del maestro Renato Trabalza, chef e gelatiere che gli ha trasmesso la passione e la dedizione verso il mestiere e poi in Vaticano preparando gelati e torte fredde per Casa Marta, nel 2018 l’incontro con Gianfranco Sampò ha sancito l’inizio della sua nuova avventura milanese.

Gelato alla castagna di Cuneo.

Gelato ai cachi e rum scuro.

Coppa Gorgonzola e lamponi. Da sinistra, Gianfranco Sampò e Massimo Grosso.

GUSTI INVERNALI – Zabaione con Marsala IGP: il gusto zabaione proposto da Terra Gelato, nasce dalla ricetta originale del Maestro Gelatiere Renato Trabalza, mentore di Massimo Grosso. Viene realizzato con unabase di Uova, Panna e Marsala IGP e infine variegato con briciole di amaretti.

Castagna di Cuneo: preparata con castagne di Cuneo bollite e sbucciate, questa crema risulta estremamente consistente grazie alla texture della castagna, lasciata volutamente in piccoli pezzi all’interno del gelato. È ideale da degustare insieme a un sorbetto al cioccolato e da arricchire con granelle e meringhe sbriciolate.

Zucca: le zucche mantovane sono alla base di questa crema di gelato, preparata con mascarpone ed Elisir Borsci. Si tratta di uno dei liquori del sud Italia più antichi ancora in commercio.

 



Fashion - 16/10/2018

Martino Midali, un “bra day” nel segno della speranza

Si è svolta lunedì 15 Ottobre 2018, la 6^ edizione di un’iniziativa con un appuntamento ormai co [...]

Trends - 30/04/2020

La svolta green di Groupe GM: amenities negli hotel che rispettano la natura

Il leader internazionale della fornitura di articoli di cortesia Groupe GM si adopera costantemente [...]

Design of desire - 25/07/2018

Una giungla in tavola

Le nuove proposte per la tavola di Tognana e Andrea Fontebasso 1760 sono pensate per la casa contemp [...]

Top