Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 21/05/2020
MARIA GRAZIA CIANI

Una grecista ci fa vivere i reperti archeologici come un romanzo

Da una delle più autorevoli greciste italiane, un viaggio avventuroso per figure e parole nel cuore della cultura occidentale viene pubblicato in questi giorni da Marsilio. Maria Grazia Ciani ha interrogato per tutta la vita la lingua greca, custode del mito per eccellenza. Oggi ne incontra con occhi nuovi alcune figure e storie per consegnarcele in un libro che induce a riscoprire quanto ancora abbiano da dirci queste vicende che sembrano parlare del destino dell’uomo. Partendo proprio dalla lingua e dalle singole parole si approda allo sterminato universo dell’Iliade e l’Odissea, alle immagini più potenti delle tragedie e quindi al passaggio da modelli di vita individuale a quelli collettivi della città, fino alle incursioni nella terra dei morti e alla riscoperta di personaggi cancellati o rimossi a favore di altri.

Il libro si chiama “Le porte del mito” e l’autrice lo presenta così: «Succede spesso di aprire un saggio o un romanzo moderno e trovare una frase, una citazione, un verso che ci par di conoscere. Ma certo: è Omero, è Platone, è Eschilo… E allora mi fermo a pensare. Perché non ho mai colto quei frammenti sparsi come pietre preziose in testi greci dei generi più vari: distillati di una sapienza allo stato puro, trasparente e diretta?».

Lettrice, traduttrice e interprete della saggezza antica, Maria Grazia Ciani ha interrogato per tutta la vita la lingua greca, custode del mito per eccellenza e nel testo incontra con occhi nuovi alcune figure e storie che sembrano parlare del destino dell’uomo. Partendo proprio dalla lingua e dalle singole parole si approda allo sterminato universo dell’Iliade e l’Odissea, alle immagini più potenti delle tragedie e quindi al passaggio da modelli di vita individuale a quelli collettivi della città, fino alle incursioni nella terra dei morti e alla riscoperta di personaggi cancellati o rimossi a favore di altri. Sotto l’apparente astrattezza del «divertimento raffinato», un deposito di valori e memoria, imprevedibile e ricco di spunti.



Leisure - 13/11/2017

Al Maxxi di Roma Home Beirut

Al Maxxi di Roma arriva la diversità culturale, la memoria della guerra, l'effervescenza del pr [...]

Society - 25/06/2018

“I 4 Elementi” raccolgono creatività di 40 artisti

Sabato 16 giugno 2018 ha inaugurato presso il centro culturale "Cascina Grande" di Rozzano (Mi) la m [...]

Leisure - 15/04/2019

LaChapelle, Busby e Samson alla Mucciaccia di Roma

Mercoledì 17 aprile 2019, alle ore 18.00, inaugurano due importanti mostre nei due spazi espositivi [...]

Top