Magazine - Fine Living People
Targets

Targets - 02/02/2021
ALICE BASSO

“Una mamma imperfetta” diventa un libro

La perfezione non va più di moda, c’è bisogno di autenticità. “Una mamma imperfetta” è il titolo del libro dell’influencer Alice Basso ed è un inno alle donne-mamme del 2020, nella loro autenticità, oltre maschere e filtri Instagram.

Donne alle prese con figli e carriera, nell’era innovativa e spietata dei social-network. Con uno stile schietto e irriverente, la celebre web star Alice nel suo primo libro, cerca di smontare stereotipi e pregiudizi che ancora
sopravvivono ai tempi delle “pari opportunità”. Incoraggia le mamme
2.0 a non rinunciare ai propri sogni, alle proprie ambizioni e alla
propria femminilità; confessa le sue più dolorose fragilità e i suoi
errori, affinché possano essere da monito a lettrici e lettori; racconta
la sua esperienza tra insidie e risorse del mondo del web. A ogni cliché
infranto, Alice contrappone le regole di un suo personalissimo
(s)Regolamento, scandendo il tutto a ritmo di musica!
«Sono l’influencer che “vien dalla campagna”, approdata sui social per
caso. Sono un mix di contraddizioni, perfettamente imperfetta. Un po’
sopra le righe e decisamente contro i clich
é».
Alice è una giovane donna cresciuta in mezzo alla natura che approda,
quasi per caso, nel mondo della moda, per guadagnare, non per
diventare una celebrità. In Una mamma Imperfetta, si racconta a 360
gradi, senza remore, completamente unpoliticallycorrect. L’influencer
ripercorre, capitolo dopo capitolo, la sua vita, da ragazzina di
campagna a influencer da oltre 700.000 follower; dalle serate in
discoteca per guadagnarsi un’indipendenza economica, fino
all’incontro con il noto dj e produttore discografico Mauro Ferrucci,
ventitré anni più grande di lei, che diventerà suo marito e padre dei
suoi due figli Brando e Morgan.
Alice è una donna determinata nel cavarsela da sola, non ha mai
percorso la strada più comoda, ma quella che le indicava il suo cuore.
Filo conduttore della sua esistenza, l’istinto.
«Sono andata controcorrente, ho seguito l’istinto, ho abbandonato le
certezze per correre un rischio e ho conquistato, così, la mia felicità. Non
è stato facile ma non importa quante volte cadi, quanto faccia male,
quanti ostacoli incontri: è il prezzo da pagare per la felicità».
Nella vita di Alice però esistono anche delle zone d’ombra: debolezze,
difficoltà, dolore e ansia – «dietro le foto sorridenti e i viaggi ad Ibiza, si
nasconde anche una donna fragile e in continua lotta con se stessa». I
momenti felici si sono alternati a perdite dolorose, i sorrisi ai pianti e
la spensieratezza alla preoccupazione e alla paura.
Il momento più doloroso di Alice è stato quando ha dovuto fare i conti
con la possibilità di non poter mai diventare mamma: «sarà molto
difficile che lei riesca a rimanere incinta» aveva esordito, glaciale, il
ginecologo. A causa di un problema alle ovaie, il suo desiderio di
creare una famiglia stava svanendo, ma, anche, in questa situazione
non si è data per vinta – «non dobbiamo lasciare che una brutta notizia
ci faccia perdere di vista tutto il resto. E’ difficile, certo. I problemi, a
volte, sono come buchi neri pronti a risucchiarci nel loro buio. Ma
dobbiamo ricordarci che per ogni buco nero ci sono miliardi di stelle che
brillano»
La sua felicità, ora, ha tre nomi: Mauro, Brando e Morgan.
Poi arriva il 2020 e la pandemia: all’improvviso la famiglia FerrucciBasso, così dinamica e piena di energia, è diventata immobile –
«eravamo abituati a non avere limiti, nei viaggi, nel lavoro, nella vita
sociale e nei rapporti fisici. E all’improvviso ci siamo visti privati della
nostra libertà. Una libertà che troppo spesso abbiamo dato per scontata,
nella convinzione che nessuno potesse mai portarcela via. Questo virus ci
ha sbattuto in faccia la nostra impotenza».
Le apparenze spesso traggono in inganno, nel mondo di Alice Basso:
non mancheranno momenti di difficoltà, tristi episodi, periodi di
fragilità, colpi assestati duramente, come quando si è trovata a
combattere contro l’odio in rete. Sia lei, che il suo primogenito Brando,
sono stati vittime di bodyshaming e cyberbullismo – «tuo figlio è
grasso», «obeso, io sarei preoccupata», «sembra una femmina». Non le
sono mancate minacce di morte da parte di uno stalker che le inviava
immagini intimidatorie e messaggi sgradevoli. Nella giungla dei social,
Alice ha imparato ad essere Tarzan, affrontando a testa alta, con l’aiuto
dei suoi cari, l’odio del web.
Alice Basso, con il suo libro sulla mamma imperfetta, vuole incoraggiare le persone al pensiero positivo.



Trends - 07/02/2017

2017 musica da vedere, in copertina

La copertina dei dischi era per i rock fans dagli anni 60 in poi un oggetto di culto, un totem a cui [...]

Fashion - 16/09/2019

Fabiana Gabellini Made to Measure: moda e arte legate

Abiti come quadri di artisti contemporanei, che catturano lo sguardo come all'interno di un museo. N [...]

Design of desire - 20/03/2020

Roast Designs, lampadari inglesi per gli amanti del vetro soffiato

Da quando ha inaugurato il nuovo East Terminal di Briston, in Gran Bretagna nel 2015, con membri del [...]

Top