Magazine - Fine Living People
Travel

Travel - 29/04/2020

Andrea Vetrano: “Vi racconto i viaggi del futuro: più consapevolezza e meno contatti fisici”

Vivere il presente anche in tempi di fermo. L'influencer dei viaggi ha la fortuna di vivere nella bella Sicilia. "In futuro più spazi controllati in hotel".

Tutto da scoprire il mondo di Andrea Vetrano, luxury travel influencer conteso da hotel di lusso in tutto il mondo che mostra nel suo lavoro una particolare attenzione al marketing digitale. Andrea, siciliano under 30, ha tessuto in un paio d’anni una buona rete di relazioni tra le più grandi destinazioni di lusso nel mondo e riesce a produrre bei contenuti e buone prospettive di pubblicità per marchi di lusso del mondo dell’hotellerie. “Negli ultimi 2 anni, sono stato benedetto, ho trasformato in realtà i miei sogni di viaggio, e sono stato ricevuto Four Seasons, Kempinski, Ritz Carlton, The Leading Hotels of the World e Small Luxury Hotels”.

Per Andrea è stato essenziale far sentire la sua voce di influencer misurato ed elegante, e anche l’aspetto ispirazionale è fortemente presente nel suo lavoro, che spesso va oltre gli standard.

Instagram come @andreavetrano e sito web www.andreavetrano.com

Come ti sei ritrovato a viaggiare per lavoro?

Sono sempre stato una persona semplice a cui piace condividere le proprie esperienze in viaggio. Ho pubblicato le foto e i video dei miei viaggi su Instagram nel 2014, ma ho iniziato a studiare e appassionarmi sempre di più a questo social soltanto nel 2017. Precedentemente tutte le foto e i video dei miei viaggi li pubblicavo principalmente su Facebook con un discreto successo ma nel 2017 ho visto tanti profili che mi hanno ispirato e mi hanno spinto a creare un profilo più professionale e il mio sito web.

Quando hai iniziato a farne un’attività?

Molte pagine importanti del settore hanno condiviso i miei scatti e ho ottenuto tanto successo. Nel 2018 sono stato contattato per la prima volta su Instagram dal marketing manager di un hotel che mi ha invitato nel suo albergo in cambio di esposizione social. Non ho scelto questo lavoro ma quando i managar degli hotel hanno cominciato a contattarmi e le persone mi chiedevano consigli su dove andare in vacanza, lì ho capito che poteva diventare un lavoro.

Quando è iniziato il tuo impegno per la scoperta delle destinazioni di lusso?

Sinceramente, mi ha sempre affascinato il mondo del lusso. Da quando ho iniziato con il mio lavoro, il mio obiettivo è stato sempre di arrivare in questo settore. Collaboro con hotel sulla base del loro impatto sociale e ambientale, che rispettano i principi di eco-sostenibilità. Per me il lusso è basato sull’esperienza che vivi, molti hotel cercano di far vivere ai propri clienti un’esperienza unica. La creatività e la personalizzazione contano veramente tanto.

Hai studiato o osservato quello che facevano gli altri?

Ho studiato molto i professionisti del settore però alla fine ho cercato di rimanere il più possibile me stesso, senza cercare di essere la copia di altri. Personalmente non mi piacciono le “selfie-queen”, preferisco chi crea contenuti ricercati e di qualità.

Vieni da una terra bellissima, ti capita di fare paragoni quando vai in giro per il mondo?

Vivo in Sicilia, che è una delle isole più belle del mondo e offre ai suoi visitatori secoli di storia, le cui tracce sono evidenti nelle bellissime città dell’isola. La Sicilia è piena di spiagge meravigliose e architettura straordinaria, personalmente non la cambierò mai con un altro posto al mondo.

Come si vive un momento di fermo come questo? Che routine ha interrotto?

Sfortunatamente, i viaggi sono stati tra i primi ad essere colpiti e hanno subito un colpo particolarmente brutale. Di solito partivo quasi tutte le settimane ma dato il momento storico che stiamo vivendo, in questi giorni mi sto dedicando ad aggiornare principalmente il mio website e continuo a pubblicare foto e video di viaggi passati cercando di distrarre le persone, anche se solo per alcuni minuti.

Che tipo di sensazioni ti mandano i dirigenti degli hotel in queste settimane? Che ti dicono per il futuro?

Purtroppo non si hanno certezze al momento e molti dirigenti non sanno se aprire oppure no. Gli esperti del settore affermano che la tecnologia sarà uno strumento importante chiave per il rilancio del turismo con passaporti e documenti di identià elettronici, screening medici e robot per le pulizie che saranno ampiamente utilizzati per limitare il contatto fisico tra persone e superfici. Gli hotel dovranno stabilire come offrire ai viaggiatori spazi personali che rintengono di poter controllare.

Ci sono tre posti che vorresti approfondire in futuro?

Vorrei approfondire la mia terra, l’Italia.

E tre posti dove non sei stato che vorresti esplorare?

Vorrei andare alle Seychelles, Portogallo e Cuba.

Ci sono luoghi che ti affascinano ma che non hai visitato perché mancano strutture adatte?

Sinceramente non mi è mai capitato.

Parliamo delle nuove frontiere del lusso: come declinano le top destinations le nuove idee di eco-compatibilità?

La sostenibilità ambientale è una priorità che oggi il mondo del lusso non può ignorare. Le nostre abitudini di consumo negli anni hanno prodotto conseguenze allarmanti. Moltissimi hotel di lusso partecipano a un programma di sostenibilità che promuove le pratiche per la tutela dell’ambiente. Innovazione ed eco-efficienza garantiscono che i clienti percepiscano meglio l’atmosfera del luogo e godano di un’alimentazione sana.

Come ci si veste per ogni momento della giornata in questi paradisi terrestri?

Secondo me quando si viaggia occore stare comodi, non solo per questione di praticità ovviamente, ma anche per questione di salute. Quando vado in posti di mare porto solamente costumi da bagno ed indumenti leggeri per la sera. Al di là di un semplice paio di infradito o di sandali, non si ha bisogno di altre calzature.

Preferisci il viaggio estivo o quello invernale?

Viaggio estivo.

Hai conosciuto altre persone che fanno il tuo stesso lavoro con la tua stessa sensibilità?

Sì, ho tantissimi colleghi con cui mi sento spesso e ci confrontiamo su tutto.

Secondo te come le strutture tengono in considerazione il vostro operato?

Credo sia molto importante per le strutture scegliere una persona valida con cui collaborare. Se si sceglie bene un influencer e content creator che crea immagini e video di qualità, i contenuti andranno virali perchè tante pagine del settore le utilizzeranno e la struttura non avrà solo l’audience della pagina dell’influencer in questione ma verrà visto da milioni e milioni di persone.

Come vi accolgono? Hai notato cambiamenti da quando hai iniziato?

Assolutamente sì, quando ho iniziato, andavo alla reception mi davano solo la chiave e andavo in camera. Adesso tutto è cambiato, mi accolgono spesso general manager o marketing manager, ho una cena con loro dove discutiamo sui vari punti della collaborazione, chiariamo dove vogliono focalizzarsi maggiormente e inoltre ho sempre le migliori suite dell’albergo.

Hai un obiettivo nella tua vita digitale?

Sinceramente vivo il presente facendo quello che amo e cerco di dare il massimo ogni giorno.

E nella vita reale?

Nella vita reale mi farebbe piacere condividere tutto con la mia futura famiglia.



Leisure - 06/10/2018

BergamoScienza, Ian McWean e Ray Dolan a dibattito

Sabato 6 ottobre prende il via la XVI edizione di BergamoScienza, il festival di divulgazione scient [...]

Leisure - 29/07/2019

La “Genesis” di Annalaura di Luggo per la Biennale di Venezia

Annalaura di Luggo con l'opera "Genesis" partecipa alla 58. Biennale di Venezia presso il  Padiglio [...]

Society - 04/06/2019

Perché Selfie è un film di sperimentazione sociale

Si emoziona ancora adesso, dopo due anni dall’inizio delle riprese, Agostino Ferrente, il regista [...]

Top