Magazine - Fine Living People
Travel

Travel - 20/03/2019

Il Vesuvius di Warhol al Romeo di Napoli

Al Comandante premiato dalla stella Michelin piatti dal piglio artistico. E il quadro simbolo della Pop Art troneggia nella lobby.

A Napoli era dedicato, a Napoli era custodito e a Napoli torna in tutta la sua gloria. Il mitico Vesuvius di Andy Warhol, realizzato nel 1985, la serigrafia che ha reso pop il vulcano tra i più famosi del mondo, oggi troneggia nella lobby del Romeo Hotel di Napoli.
STORIA DI WARHOL A NAPOLI – L’artista americano (1928-1987) l’aveva realizzato in serigrafia a colori, cm 80×100 ed era custodita dalla Fondazione Amelio Istituto per l’arte Contemporanea Napoli, di provenienza dalla mitica Galleria Lucio Amelio che a Napoli aveva portato i maggiori artisti negli anni 70 e 80 del Novecento. Il quadro è attualmente di proprietà di Romeo Alberghi ed esposto nell’ingresso dell’albergo di Napoli, aperto nel 2008, nella storica sede della Flotta Lauro riportata a nuova luce dall’archistar giapponese Kenzo Tange. Nella lobby, oltre a dettagli di design contemporaneo Made in Italy si trovano la Cigar room per fumatori e conoscitori di sigari e un Salotto dei Giochi.
Dopo il PalladinoChagallMendiniGuttuso, ora anche Warhol “abita” al Romeo; nella lobby, Vesuvius e la Pop Art sono un nuovo elemento della Romeo Experience. Pittore, scultore, sceneggiatore, regista, Andy Warhol è stata una delle figure dominanti del movimento Pop art e uno dei più influenti artisti del XX secolo, che da oggi accoglie gli ospiti  del Romeo hotel a Napoli, con la sua serigrafia Vesuvius.

L’incontro a Napoli tra due degli artisti più tipici e rappresentativi dei due continenti (Warhol e Joseph Beuys) ha creato un’unione tra il pop americano e il concettuale europeo, tanto che entrambi sono in seguito ritornati spesso a Napoli, e Andy Warhol in quei primi anni Ottanta produsse alcune opere notevoli ispirate proprio alla città. Una delle più emozionanti è la serie «Vesuvius», che è una rivisitazione “pop” di uno dei simboli più noti di Napoli.

E’ grazie all’amore per l’arte contemporanea che, il Romeo, ha da sempre cercato di portare all’interno dell’Ex Palazzo Lauro, , le opere più iconiche legate alla città e non poteva mancare Vesuvius!

E’ davvero emozionante ammirare quest’opera all’interno del Romeo.  Vesuvius entra a far parte di una collezione che nasce per i nostri ospiti. Al Romeo le opere d’arte vivono con gli ospiti, sono a loro disposizione e rendono il loro tempo davvero esclusivo” afferma Elena Bruno, Direttore Sales & Marketing della Romeo Alberghi.

ARTE IN TAVOLA – L’arte al Romeo, essendo nel cuore di una capitale eno-gastronomica senza uguali, arriva ovviamente anche in tavola. Una nuova veste, sempre più contemporanea e artistica, la continua ricerca dello chef Salvatore Bianco nella creazione di sapori per tutti: il Comandante del Romeo apre la via della cucina gourmet per tutte le tendenze, anche a Napoli.

Dal 2012 lo Chef Bianco disegna la via dei sapori, dalla postazione di comando de il Comandante, il ristorante del Romeo di Napoli, nello stesso spazio dove un tempo sorgeva la sede dello storico palazzo Lauro, tra le stesse pareti, al 10° piano, da cui Achille Lauro osserva il porto.

Per guidare tutti gli ospiti nel mondo della cucina gourmet, lo Chef Bianco ha creato oggi nuovi piatti, dedicati alla democrazia, cioè al rispetto delle esigenze e dell’utilizzo completo della materia prima.

Ragù 9850, la Rana Pescatrice: coda, fegato, guancia, Assoluto diGambero 2.0, Risotto il Mare a Milano, sono alcuni degli iconici piatti che incarnano il suo DNA. Il Ragù, un must-have della tradizione italiana e napoletana, incarna la sua personale minuziosa ricerca, tanto da diventare vegetariano, senza perdere 1 grammo del sapore originale di questo sugo di carne.

Sono i piccoli dettagli che scindo da ogni sapore e da cui inizio una ricerca profonda di ogni elemento che compone il sapore di un ingrediente” afferma lo Chef Salvatore Bianco. Il segreto è questo, cercare nel mondo i sapori che, assemblati sapientemente, ricercano quello originale, pensato per chi non può o ha deciso di non mangiare alcuni ingredienti, come, nel caso del ragù, la carne.

E se l’ex Palazzo Lauro unisce l’arte napoletana a quella giapponese, grazie all’intervento dell’Archistar Kenzo Tange, lo Chef non poteva dimenticare di guardare anche all’oriente e inserire nei suoi piatti elementi ricercati e internazionali, come l’alga Kombu. Oltre all’effetto antiossidante, questo alimento rafforza il sistema immunitario, migliora il processo digestivo, stimola il metabolismo e insaporisce i piatti in modo naturale e sano.
E 9850, infine, non è solo un numero ma la distanza che unisce Napoli a Tokyo.

Ogni creazione dello Chef esalta la materia prima, tanto da sezionare ogni suo elemento e riproporlo come piatto; è la Rana Pescatrice, che viene servita in due portate e offre l’elaborazione di ogni sua parte, dalla coda alla guancia, affinchè ogni elemento sia rispettato e valorizzato.

Le tecniche di lavorazione scelte vogliono preservare le caratteristiche organolettiche delle materie prime locali rispettandone così il gusto e i valori nutrizionali, siano queste tipiche della cucina italiana o rintracciabili in quelle straniere.

E con ogni grande Chef non può mancare un Sommelier in grado di abbinare ad ogni elemento la scelta del vino migliore, è Mario Vitiello, che seleziona le quasi 6000 etichette del Romeo e per iniziare, accoglie gli ospiti con un caldo brodo al vermut, la sua sorpresa personale per preparare i palati.

il Comandante, infine, si veste di nuovo per la Primavera: i tavoli si spogliano delle tovaglie e, nudi, diventano un’opera d’arte, firmata da Sergio Fermariello. Sagome stilizzate di pesci e uomini compongono l’opera, come se galleggiassero in mare. Sergio Fermariello vede la costellazione delle figure sulla superficie dell’acqua come rappresentazione degli antenati che vengono dal mare, portando fertilità e nuova vita.

I 13 tavoli de il Comandante del Romeo diventano una installazione, che testimonia la ricerca formale del valore del segno come archetipo. Fermariello ha tratto inspirazione dai frammenti di un vaso rinvenuto a Ischia, in cui si narra la storia del naufragio dei compagni di Ulisse ed esprime con questa opera il potenziale taumaturgico dell’arte, dall’antichità ai nostri giorni.

Luci soffuse e incredibili vetrate, tutto è studiato per lasciare spazio alle creazioni dello Chef e al panorama: il Vesuvio, la baia e il porto.

Il Comandante del Romeo è stato premiato dal 2012 con la stella Michelin e dal 2016 inserito nella prestigiosa guida Le Soste. Salvatore Bianco, classe 1978, è lo Chef de il Comandante, il ristorante gastronomico del Romeo. Originario di Torre del Greco, porta nei piatti i sapori e i profumi del golfo di Napoli, che ama sposare con ingredienti e suggestioni di altre culture e territori. 


Leisure - 09/02/2019

Il Festival di Sanremo ha il primo vincitore: Motta con Nada

Dall'attesa di sintonizzarsi all'evento televisivo più atteso dell'anno, siamo già arrivati alla q [...]

Travel - 24/11/2017

Meravigliosa Trieste, terza città dell’impero austro-ungarico

In occasione del trecentesimo anniversario della nascita di Maria Teresa d’Austria, fino  al 18 f [...]

Fashion - 26/09/2016

Ultràchic ci porta nella Parkcity

Ultràchic si riappropria della fama che precede il suo (pertinentissimo) nome e fa una collezione e [...]

Top