Magazine - Fine Living People
Travel

Travel - 28/07/2018

La Belle Epoque delle terme a Vichy

Lì dove è nata la Remise en forme oggi c'è una cittadina francese vivace che specie d'estate diventa il regno del benessere di qualità.

Capitale di villeggiatura francese e sede di una rinomata stazione termale, Vichy è ancora la regina delle cure termali e della remise en forme secondo i dettami dell’eleganza d’oltralpe.

La storia dell’acqua che da qui sgorga è nota da 2000 anni e la cittadina oggi è sede anche di un prezioso Casino Opera che vale come monumento a tutto quello che qui è passato. Con l’arrivo di Strauss sotto la Restaurazione, poi con i soggiorni di Napoleone III, Vichy diventò infatti nel 1800 la stazione termale francese della Belle Epoque, dove i piaceri sanno accompagnare la virtù terapeutica delle acque.

La Samoa, ristorante dal sapore Liberty nella Vichy by night.

Favorita da un contesto economico particolarmente favorevole edallo sviluppo dei trasporti, a Vichy ci fu una crescita ininterrotta fino al 1914, accogliendo più di 100.000 “bagnanti” e “bevitori di acqua”. Tutte le personalità si incontrano lì: principi russi, uomini d’affari anglosassoni, dirigenti coloniali. Ancora oggi i “rich and famous” protagonisti delle cronache mondane vengono qui per guarire i loro corpi e il loro morale. Oggi tra la ristorazione di qualità vi suggeriamo Maison Decoret, con ristorante stellato Michelin, e l’hotel di lusso Celestins, celebrato da tutti i viaggiatori globali. 

Per migliorare l’efficacia del trattamento, Vichy sviluppa costantemente le sue tecniche termali: vera sintesi termica, la “doccia di Vichy”, creata nel 1896, combina massaggio (a 4 mani) e acqua termale. Altri trattamenti rafforzano l’antico e tradizionale “bagno di Vichy”: inalazioni, spray, gargarismi, docce e bagni termali.

L’hotel Celestins a Vichy. Ha i bagni in camera che gli ospiti definiscono “sale benessere”.

Per accogliere i nuovi seguaci della spa, la “spa più grande del mondo”, con la sua cupola orientale ei “minareti”, aprì le sue porte nel 1903. L’innovazione riguardava un’associazione tra idroterapia e tecniche mediche (come elettroterapia o meccanoterapia), al fine di consolidare i risultati del trattamento termico.

Regina delle città termali, oggi ha abbracciato la modernità e lo sport: campi da allenamento, da golf, da tennis, sponde fluviali attrezzate e il casinò nelle vicinanze. Sviluppati anche i gadget locali: il tessuto vichy, carote vichy e pastiglie Vichy per ritrovare la linea e fare uno shopping di classe in centro.
Néris-les Bains e Bourbon l’Archambault, sorelle minori della cittadina, completano la serie di centri del benessere nell’area della regione Alvernia (in francese Auvergne), un’area della Francia centro-meridionale, nella zona del Massiccio Centrale. Il suo capoluogo è Clermont-Ferrand.

Le guide “per gli stranieri” della Belle Epoque illustrano Vichy.

MIRACOLI – La marchesa di Sévigné, in cura termale dal 1676 al 1677, attribuisce alle acque di questa terra la guarigione delle sue mani. Qui si seguono programmi di dimagrimento, anti-cellulite, cure anti-età, balneoterapia o cure termali. Il miracolo urbanistico invece lo compì Napoleone III quando vi instaurò l’opera e il casino nel secondo impero con ville residenziali e parchi all’inglese. Oggi una grande festa popolare ricorda il grande imperatore.


Luxury - 06/05/2018

Ilum, l’arte del design per aria profumata

Un modo di illuminare la casa con stile e fragranze eleganti, Ilum è soprattutto oggetti bell [...]

Travel - 27/01/2017

Aarhus capitale della cultura: c’è del buono in Danimarca

Altro che "rotten" (marcio), come diceva Amleto. Aarhus Capitale Europea della Cultura del 2017 [...]

Leisure - 05/03/2018

Vonjako e l’arte degli “shade”

Si tratta di "arte dell'ombra" o di arte degli occhiali? Vonjako ha intitolato la sua mostra a Milan [...]

Top