Magazine - Fine Living People
Travel

Travel - 23/06/2018

La grandeur coloniale sulle tracce di “Save a Prayer”

Un forte con giardini curati da 200 anni con vista mozzafiato. Il ricordo dell'iconico video degli anni 80 rivive in un lussuoso paradiso che conserva la magia coloniale intatta.

Chi ha intorno ai 40 anni in Italia sicuramente avrà scolpite nella mente le immagini di uno dei video musicali più famosi degli anni 80, Save A Prayer dei Duran Duran. A Ceylon, gli incantevoli terreni di Amangalla sono quelli che custodiscono il resort dove furono girate le immagini di interni più romantiche della canzone.

I giardini si estendono su quasi 9.000 metri quadrati sulla penisola di Galle, definita dalla fortezza vecchia di 400 anni. Il giardino maturo del resort risale alla costruzione dell’edificio nel 1860 e il forte protetto dall’UNESCO è la fortificazione coloniale meglio conservata in Asia, risalente alla dominazione olandese del luogo. La penisola offre infinite opportunità di scoperta, così come la città circostante, la campagna e l’oceano, dai templi e piantagioni di tè alle balene blu.

ll resort, un tempo chiamato New Oriental Hotel, dista due ore e mezza di auto dall’aeroporto di Colombo, il principale scalo di Sri Lanka. Situato all’interno dei bastioni del forte di Galle ha giardini di 200 anni con piscina di 21 metri. A disposizione della clientela anche uno specialista in Ayurveda in loco che offre programmi di trattamento personalizzati, cinque sale per trattamenti e due suite per l’idroterapia in The Baths.

Catturando l’essenza dello stile coloniale con raffinata eleganza, le prestigiose camere e le camere Signature di Amangalla presentano alti soffitti con ampie finestre e pavimenti in legno di teak originale birmano. Decorati con pezzi d’antiquariato d’epoca tra cui letti a baldacchino, casse di pettegolezzi e sedie da fioriera, si affacciano sui pittoreschi vicoli e sui bastioni del Fort o sugli antichi giardini.



Society - 14/10/2020

“Divorzio a Las Vegas, una commedia di sollievo”. Parola di Grazia Schiavo

Sugli schermi da pochi giorni, “Divorzio a Las Vegas” di Umberto Carteni con Grazia Schiavo, si [...]

Leisure - 17/11/2018

Il “glory black hole” di Andrea Martinucci

Una stanza con una separazione reale presa dal virtuale schermo di Windows. Così si presenta la mos [...]

Design of desire - 07/08/2018

Al Bouet, la cucina internazionale di Valencia

Dimenticate paella e pesci mediterranei tradizionali. Antonio e César, titolari del Bouet, uno dei [...]

Top
Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e sezioni extra che stiamo sviluppando. Obbiettivo: sorprendere i nostri lettori nel corso del 2021!