13 Ottobre 2021

La villa progettata da Michelangelo: come vivere il Chianti nella storia

Talmente unica e preziosa che gli originali progetti di miglioramento edilizio sono conservati presso la Galleria degli Uffizi a Firenze.

13 Ottobre 2021

La villa progettata da Michelangelo: come vivere il Chianti nella storia

Talmente unica e preziosa che gli originali progetti di miglioramento edilizio sono conservati presso la Galleria degli Uffizi a Firenze.

13 Ottobre 2021

La villa progettata da Michelangelo: come vivere il Chianti nella storia

Talmente unica e preziosa che gli originali progetti di miglioramento edilizio sono conservati presso la Galleria degli Uffizi a Firenze.

Nel 1884 il rispettato storico Alfredo Melani confermò che Villa Mangiacane era opera di Michelangelo e nel 1913 Raffaello ed Eugenio Mazzei firmarono un atto a tutela della villa come edificio storico di grande importanza. Da qui nasce il mito di Villa Mangiacane che ha stregato viaggiatori antichi e moderni.

L’avvincente storia di questa dimora Toscana nel Chianti risale alla fine del XIV secolo. L’edificio fu costruito dalla famiglia Machiavelli e progettato da Michelangelo, il famoso scultore, pittore e architetto italiano dell’Alto Rinascimento. A causa del significato storico dei proprietari e degli architetti della villa, gli originali progetti di miglioramento edilizio sono conservati presso la Galleria degli Uffizi a Firenze. Villa Mangiacane si trova 12 km a sud di Firenze, nel villaggio di Sant’Andrea in Percussina, nel cuore del Chianti Classico, la famosa regione vinicola italiana in Toscana.

L’idea del rilancio di Villa Mangiacane originariamente progettata da Michelangelo, è stata quella di creare raffinati ambienti moderni in un contesto che potesse offrire ai suoi ospiti un’ospitalità d’altri tempi.

La famiglia Machiavelli vendette la villa nel 1646 all’illustre aristocratico famiglia Mazzei. I Mazzei sono stati i più longevi proprietari della villa. La custodirono per oltre tre secoli fino alla metà del XX secolo. Nel 1956 la villa fu venduta a Guidi da Bagno, le cui origini risalgono ad una antica nobile famiglia. Bagno tenne la proprietà per soli due decenni fino al 1979 quando fu acquistata dalla famiglia di Leo. Nel 2001, la proprietà è stata finalmente acquisita dagli attuali proprietari, che hanno investito in un piano di ristrutturazione multimilionario per riportare la villa al suo antico splendore. Il restauro è stato completato nel 2007 e la villa è stata aperta come un piccolo hotel di lusso.

Villa Mangiacane nel 1400 fu costruita per la famiglia Machiavelli con progetto di Michelangelo Buonarroti: a causa dell’alto pregio dell’immobile, il progetto di miglioramento degli edifici originali è ospitato presso la Galleria degli Uffizi a Firenze. I piani includono un palazzo più grandioso con una nuova ala, progettato da Giorgio Vasari “Il Giovane” (nipote del famoso architetto Giorgio Vasari).

Ci sono 28 camere in totale nelle due ville, comprese le suites e la Royal Suite, ognuna delle quali è stata disegnata individualmente. La Royal Suite offre storia ed eleganza esclusive di Villa Mangiacane ed è adatta a qualsiasi regina o re. Un superiore king-size, argento fatto a mano la struttura del letto matrimoniale dall’India orna la suite, insieme a mobili e oggetti d’arte raccolti dai proprietari durante i viaggi per il mondo. Le spettacolari dimensioni della stanza (150 mq) abbinate a soffitti alti e sette ampie finestre consentono uno spazio pieno di sole durante il giorno. Due caminetti e una zona pranzo privata offrono un ambiente accogliente angoli in cui infilarsi, un magnifico bagno con marmi e onice. Cìè anche una vasca idromassaggio e lussuosa cabina doccia, nonché bagno turco personale.


Oggi la proprietà è un alloggio di lusso a cinque stelle completamente restaurato e unico in Toscana. Immerse nell’arte, nella storia e nella cultura, le stanze sono piene di originali opere d’arte e mobili raccolti da tutto il mondo che emulano il comfort di una casa privata.
Un soggiorno a Palazzo Machiavelli svela opere d’arte rinascimentali originali e terrazze che offrono ampie vedute del paesaggio toscano, mentre l’esclusiva Villa Mazzei dispone di piscine per relax immerso tra 750 acri di rigogliosi vigneti e uliveti. La villa privata ora produce quattro vini distinti, i 6.000 ulivi della tenuta producono il proprio caratteristico olio extra vergine di oliva che è quotidianamente utilizzato dalla cucina per migliorare i sapori dei prodotti locali.

Read in:

Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

Un docufilm per divertirsi con la testa

docufilm “Parlare nel silenzio, nascita di un manifesto”, voluto da CO.GE.U, il comitato di genitori che si è costituito a Senigallia a seguito di quella tragedia e che è poi evoluto in Associazione aperta anche ai ragazzi, dove giovani e adulti collaborano per un unico scopo: un divertimento più sicuro per fare sì che un fatto simile a quello di Corinaldo non accada mai più.

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”