15 Marzo 2024

Longwood Gardens rigenerati a Philadelphia

Nuovi edifici e paesaggi realizzati dalle rinomate compagnie WEISS/MANFREDI e Reed Hilderbrand stanno facendo progressi sui 17 acri dei Core Gardens in apertura in autunno 2024.

15 Marzo 2024

Longwood Gardens rigenerati a Philadelphia

Nuovi edifici e paesaggi realizzati dalle rinomate compagnie WEISS/MANFREDI e Reed Hilderbrand stanno facendo progressi sui 17 acri dei Core Gardens in apertura in autunno 2024.

15 Marzo 2024

Longwood Gardens rigenerati a Philadelphia

Nuovi edifici e paesaggi realizzati dalle rinomate compagnie WEISS/MANFREDI e Reed Hilderbrand stanno facendo progressi sui 17 acri dei Core Gardens in apertura in autunno 2024.

Longwood Gardens, il più grande centro di esposizione orticola d’America, annuncia gli aggiornamenti sul progetto Longwood Reimagined: A New Garden Experience, che aprirà nell’autunno del 2024. L’elemento centrale e più grande di Longwood Reimagined – una serra di 32.000 metri quadrati progettata da WEISS/MANFREDI, con giardini, piscine e fontane progettati da Reed Hilderbrand – è ora completamente in vetro a seguito dell’installazione di 1.958 pannelli di vetro. È in corso la colata di cemento per le passerelle interne ed è iniziata l’installazione dei caratteristici giochi d’acqua. Il giardino d’inverno di 3.800 metri quadrati, progettato da WEISS/MANFREDI per ospitare l’unico progetto esistente in Nord America del famoso architetto paesaggista brasiliano Roberto Burle Marx, sta per essere installato e avrà 484 pannelli in vetro. Ciò segna una tappa importante nel processo di costruzione poiché la data di completamento del progetto si avvicina.

“Stiamo reinventando e ripensando quella che sarà l’esperienza del giardino sotto vetro del 21° secolo”, ha affermato Paul B. Redman, Presidente e CEO di Longwood Gardens. “Questi nuovi palazzi di vetro continuano l’eredità di Longwood nell’essere uno degli innovatori mondiali nella progettazione di giardini d’inverno e uno dei principali mecenati della progettazione di giardini e paesaggi. Il connubio tra le forme d’arte dell’architettura e dell’orticoltura è fondamentalmente parte del DNA di Longwood, da quando il nostro fondatore Pierre S. du Pont ha costruito la nostra prima serra. Questo matrimonio continuerà nel nuovo Conservatorio Ovest e negli altri spazi creati nei 17 acri della nostra area principale per i visitatori. Non vediamo l’ora di accoglierli il prossimo anno per vivere straordinarie esperienze contemporanee che continuino a stupire e ispirare”.

Questa trasformazione radicale dei suoi giardini d’inverno è la più ambiziosa rivitalizzazione dei terreni da oltre un secolo. Il progetto trasforma 17 acri dell’area principale per i visitatori, offrendo un viaggio unificato e continuamente vario, dai lussureggianti giardini alle viste sui prati aperti della Brandywine Valley in Pennsylvania. La Promenade, che si estende lungo la parte anteriore del Conservatorio Principale ed è in fase di ampliamento per costeggiare il nuovo Conservatorio Ovest, è in fase di completamento. Il Conservatory Overlook, con 28 American Yellowwoods in 2 grandi pannelli di prato e 4.600 piedi quadrati di gradini prefabbricati con vista sul Main Fountain Garden, aprirà nell’estate 2024 – in anticipo rispetto al resto di Longwood Reimagined – vedendo il ritorno degli amati fuochi d’artificio e gli spettacoli di fontane di Longwood. I visitatori di Longwood potranno godere di uno spazio ridisegnato da cui osservare questi spettacoli unici nel loro genere.

Longwood Reimagined: A New Garden Experience espanderà gli spazi pubblici dei rinomati giardini centrali dei Longwood Gardens e li collegherà da est a ovest, offrendo un nuovo viaggio unificato ma continuamente vario, dai lussureggianti giardini alle viste sui prati aperti della Brandywine Valley, in Pennsylvania. Il progetto nasce da un masterplan sviluppato nel 2010 da West 8 Urban Design & Landscape Architecture con WEISS/MANFREDI Architecture/Landscape/Urbanism. Longwood ha continuato a lavorare con WEISS/MANFREDI come lead designer, in collaborazione con Reed Hilderbrand, sul progetto di Longwood Reimagined, continuando l’illustre storia dell’istituzione di commissionare e collezionare eccezionali progetti di giardini e case di vetro. Il progetto è gestito dalla Bancroft Construction Company, con sede a Wilmington, Delaware.

Altri elementi del progetto Longwood Reimagined da 250 milioni di dollari includono la costruzione di un nuovo edificio educativo e amministrativo, chiamato The Grove in onore del gruppo di platani su cui si affaccia l’edificio. L’esterno della struttura di 46.000 piedi quadrati di The Grove è ora completo e sono iniziati i lavori interni sulla biblioteca e sulle aule all’avanguardia. Affacciati sul giardino della fontana principale, il ristorante 1906 e lo spazio per eventi privati denominato The Fountain Room stanno ricevendo finiture interne, tra cui un design modellato sul soffitto a volta, ispirato all’effetto intrecciato dell’acqua prodotta dalle fontane nel giardino della fontana principale.

Longwood Gardens sta lavorando con il Challenge Program di Wilmington DE, un’organizzazione no-profit che fornisce formazione in competenze edili professionali ai giovani del Delaware. Con Longwood, il Challenge Program sta creando arredi personalizzati da alberi di noce, catalpa e frassino caduti provenienti da tutta la superficie di Longwood. Il nuovo ristorante di Longwood, 1906, sarà caratterizzato da tavoli da pranzo , welcome desk e una vetrina in legno massello, tutti realizzati a mano, e The Grove avrà nuovi tavoli da conferenza fatti a mano.

Dando priorità alla sostenibilità, sono stati perforati 130 pozzi geotermici a una profondità di circa 100 metri e poi collegati a uno scambiatore di calore multistadio geotermico che fornisce riscaldamento e raffreddamento all’edificio amministrativo, alla sala reception inferiore e al livello inferiore della nuova serra. Il livello principale del nuovo Conservatorio si basa principalmente sul condizionamento passivo. Dieci condotti di terra provvedono tutto l’anno al raffreddamento passivo dell’aria fresca nel giardino d’inverno. I condotti di terra sono tubi del diametro di tre piedi, lunghi 300 piedi, interrati sotto il pendio sud dei giardini fuori dalla serra. L’aria fresca viene aspirata nei condotti di terra vicino all’Idea Garden. Mentre viene trascinata attraverso i condotti terrestri, viene riscaldata o raffreddata dalla terra a seconda della stagione. L’aria temperata viene introdotta nello spazio lungo il percorso pedonale per fornire comfort termico passivo agli occupanti e ai visitatori. Questo design innovativo fa sì che l’edificio utilizzi esclusivamente la ventilazione naturale anziché fare affidamento sul raffreddamento meccanico durante i mesi caldi.

Dal punto di vista orticolo, si stanno preparando miscele di terreno personalizzate per tutte le aree del progetto. La maggioranza dei 9.000 metri cubi recuperati dallo scavo del ristorante verranno mescolati con il compost in loco e utilizzati nel paesaggio del prato. All’interno del giardino d’inverno, gli orticoltori di Longwood hanno sviluppato un “mix” di sette diversi componenti noti per supportare con successo i giardini mediterranei. Le restanti aree erbose e i giardini all’interno dei 17 acri di paesaggio riceveranno terreni a base di sabbia ad alte prestazioni per fornire mezzi ben drenanti che supporteranno la crescita delle piante.

Ulteriori recenti pietre miliari del paesaggio includono la piantumazione di 765 bossi di fronte al ristorante 1906 e alla Fountain Room come parte di un giardino terrazzato lungo 525 piedi adiacente al Main Fountain Garden. La cultivar, Buxus NewGen Independence®, è stata selezionata per le sue caratteristiche di resilienza e per il suo aspetto e la sua crescita simili a Buxus microphylla “Green Beauty” trovato nel Main Fountain Garden. Nei prossimi anni, il bosso verrà tagliato e modellato dagli orticoltori di Longwood per adattarlo alle forme ondulate del bosso in tutto il Main Fountain Garden. Sulla facciata, alta 18 piedi, del ristorante 1906 e su quella della Fountain Room, è stato installato un traliccio per sostenere 27 magnolie meridionali a spalliera situate all’interno di un giardino di erbe aromatiche in continua fioritura.

Nei prossimi mesi, intorno al nuovo West Conservatory e a The Grove emergeranno una serie di giardini con cortile che introdurranno piantagioni con 300 alberi, 670 arbusti e circa 10.000 piante perenni. Il prato vedrà 70.000 piccole zollette a stelo blu piantate su quasi quattro acri, che incorniceranno la terrazza ovest e creeranno un collegamento oltre il prato.

Read in:

Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”