Magazine - Fine Living People
Travel

Travel - 07/07/2017

Marsiglia capitale dello sport e delle meraviglie

Capitale dello sport 2017. Incontro di etnie e grandi eredità del passato. Ma soprattutto design d'avanguardia e architettura coraggiosa.

Tutte le città di Francia sembrano in grande trasformazione, negli ultimi anni, ma Marsiglia vi stupirà. Ora che è uscita la prima guida italiana a una città ricca di storia e di grande trasformazione, a poche ore dall’Italia (Marsiglia, a cura di Rosalba Graglia. edito da Morellini Editore)

marsiglia the way magazineÈ la città più antica di Francia, fondata dai Greci 600 a.C., spesso associata alle grandi metropoli del Mediterraneo come Napoli e Barcellona. E in sostanza con queste due destinazioni condivide molto, dall’area portuale alla naturale propensione per gli scambi culturali.

Ma Marsiglia è di più, con il suo volto contemporaneo che punta a un futuro sostenibile e a misura d’uomo. Di recente è stata Capitale Europea della Cultura (nel 2013) e nel 2017 è Capitale dello Sport. Sono sorti così i nuovi highlights della città: il Mucem, l’avveniristico Museo delle Civiltà dell’Europa del Mediterraneo di Rudy Ricciotti, la Villa Mediterranée di Stefano Boeri, il recupero dei Dock, che hanno trasformato l’immagine del Vieux Port, secondo il progetto Euroméditerranée che sta cambiando lo skyline della città, dalla torre di Zaha Hadid  ai Quais d’Arenc di Jean Nouvel.

Una Marsiglia del futuro che convive con le atmosfere d’antan del Panier, il quartiere storico raccontato dai romanzi di Pagnol e dai noir di Jean Claude Izzo, con la Canebière, con la rivoluzione urbanistica di Le Corbusier che qui ha realizzato la sua prima Unitè d’Habitation, oggi Patrimonio dell’Unesco. Fra pastis e partite di pétanque, food di tendenza e design, piazzette segrete e lungomare, storia e contemporaneità un invito alla scoperta di una delle capitali più dinamiche, multieniche e creative di Francia, sospesa fra passato e futuro.

Per dormire, le esperienze eccezionali sono assicurate. Si passa dall’edificio di Le Corbousier (1954) all’InterContinental Marseille – Hotel Dieu nella centrale e antica Place Daviel. Il C2 hôtel nel sesto arrondissement sintetizza l’anima antica e l’occhio moderno al design che anima la capitale del sud della Francia.

Gli interni di Le Table, il ristorante stellato a Marsiglia.

Gli interni di Le Table, il ristorante stellato a Marsiglia.

Per il food anche qui, Marsiglia si discosta dal rigore autarchico francese e si contamina con influenze, ovviamente, più marittime e a tratti spagnole. La rivelazione, come al prestigioso Le Table è molto succulenta. Gérald Passédat è il menu designer d’eccezione di questo luogo di sapori e visioni davvero uniche.

Per il design e l’architettura imperdibile è, come detto, il Museo delle Civiltà d’Europa e del Mediterraneo di Marsiglia (MuCEM), progettato dall’architetto francese dai natali algerini Rudy Ricciotti. Questo è il luogo d’Europa dove il vasellame antico dell’ex Russia si confronta con i resti greci e le tradizioni iberiche. Un vero luogo d’incontro di storia, oltre che di sperimentazione di divulgazione. Come le mostre organizzate per sensibilizzare gli europei su argomenti che riguardano tutto il continente (l’ambiente, i rifiuti, il clima).

E un passaggio a Les Docks vale quasi tutto il viaggio, con l’esemplare recupero del porto dismesso che diventa zona di aggregazione e di bellezza che fa scuola nel mondo. 

Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Trends - 18/11/2016

Storia della cravatta…e degli 85 modi per annodarla

Appare chiaro, e la storia della moda ce ne dà ragione, che la cravatta è il maggior segno distint [...]

Travel - 17/08/2017

Al Monastero Santa Rosa tutti i sogni del Mediterraneo, per tutti i sensi

Più che un hotel di lusso è uno scrigno colmo di sogni. Il Monastero Santa Rosa si affaccia a picc [...]

Society - 13/10/2016

Dario Fo: “Gli innovatori sono stati sempre rifiutati”

Dario Fo è un innovatore per natura. Da attore, drammaturgo e pittore, oggi che ha 90 anni ed è un [...]

Top