Magazine - Fine Living People
Travel

Travel - 05/03/2019

Pasqua alle Maldive, un sogno che si avvera in un “paradiso privato”

Abbiamo scovato un posto che è inserito in un progetto di tutela. Dell'ambiente e anche dei suoi ospiti in un atollo davvero unico nell'oceano indiano.

paradiso privato. E segreto. Dove si trova? Nell’atollo di Haa. Si tratta delle Maldive che non avete mai visto, quelle dove il turismo non è mai arrivato. Le Maldive del Nord, una manciata di isole coralline nel blu intenso dell’Oceano Indiano, deserte e disabitate.

Proprio qui North Maldives (www.northmaldives.com) una piccola organizzazione turistica maldiviana,  propone in esclusiva per il mercato italiano una vacanza davvero speciale: Pasqua su un’isola deserta. In realtà la proposta abbraccia non solo Pasqua ma i mesi di marzo, aprile e maggio 2019 (info e prenotazioni sul sito www.northmaldives.com – in italiano). La vacanza prevede il soggiorno sull’isola di Dhidhdhoo, la capitale delle Maldive del Nord (isola urbanizzata e abitata esclusivamente da maldiviani, non ci sono turisti), nel lodge The Veli Inn, l’unica struttura turistica di tutta l’isola. E ogni mattina gli ospiti vengono portati in barca su isole deserte, circondate da lagune cristalline, dove non c’è niente e nessuno. Lingue di corallo decisamente wild. E qui North Maldives organizza barbecue in spiaggia con pesce pescato durante il tragitto, propone drink con il cocco raccolto al momento dalle palme che crescono a pochi metri dalla spiaggia e fornisce ombrelloni, sdraio e stuoie per ripararsi dal sole e per il giusto comfort in spiaggia.

Una vacanza ideale per coppie che vogliono intimità, per gli spiriti romantici, per chi è alla ricerca di un luogo fuori dal mondo e per chi vuole fuggire, almeno per qualche giorno, dalla vita quotidiana. Una vacanza selvaggia, nella natura, dallo spirito green. Infatti North Maldives destina una parte dei proventi per il progetto di tutela ambientale Blue Atoll, che consiste nello smaltimento della plastica che infesta gli oceani (e le Maldive non ne sono immuni). Una vacanza per proteggere l’ambiente e quindi intelligente.

Ogni giorno viene proposta un’isola nuova da esplorare. Non solo isole deserte, ma anche sandbanks cioè banchi di sabbia che affiorano dall’oceano e poi isole con piccoli villaggi di pescatori  maldiviani. E, naturalmente, l’oceano. “Ogni navigazione in barca è generalmente accompagnata dai delfini che qui nelle Maldive del Nord abbondano e nuotano agili davanti alla prua – spiega Waheed Mohamed, il presidente di North Maldives – Chi ama l’oceano farà snorkeling con mante, aquile di mare, tartarughe marine, squali di barriera e con i mille pesci del reef”.

Un angolo di paradiso incontaminato da esplorare, prima che arrivi il turismo. Le tariffe (800 euro in alta stagione, 720 euro in bassa stagione) includono il soggiorno, i trasferimenti interni dalla capitale Male all’isola di Hanimandhoo/Dhidhdhoo con voli di linea della compagnia di bandiera maldiviana IAS Maldivian Airlines, i trasferimenti con motoscafo veloce da e per l’aeroporto, tutte le escursioni sulle isole deserte e le tasse maldiviane. Non sono inclusi i voli dall’Italia per i quali gli ospiti dovranno provvedere in autonomia. “In più – spiega Latheef Mohamed, manager del Lodge The Veli Inn – diamo gratuitamente ai nostri ospiti la sim card maldiviana così potranno restare sempre, in ogni momento, in contatto con il mondo a costo zero, anche quando si trovano in mezzo all’oceano o su un sandbank. Saranno in contatto con noi e con gli amici a casa, potranno liberamente utilizzare i social e internet. Se ne hanno voglia, ovviamente, altrimenti potranno semplicemente spegnere il telefono. E saranno davvero soli su un’isola deserta”.



Trends - 22/04/2019

Il cotone thailandese che rende uniche le spa e le location di lusso

La Thailandia è conosciuta nel mondo per la sua seta, ma il cotone organico e non stanno diventando [...]

Fashion - 13/01/2019

L’inverno africano di Miguel Vieira

Vi basta la lista degli acessori per comprendere i contrasti dell'acclamata collezione appena vista [...]

Design of desire - 10/03/2018

Lambrate Design District, c’è anche una hotel regeneration

La fuga degli olandesi a Centrale sarà il cambiamento di cui tutti parleranno tra un mese a Milano. [...]

Top