17 Giugno 2022

Un resort sostenibile in Mozambico che preserva la cultura locale

la perfetta miscela di lusso sostenibile, fuga di relax e cultura, ambientata nell'incontaminata isola di Benguerra. Progetto di costruzione inclusiva a cura di NJF Design.

17 Giugno 2022

Un resort sostenibile in Mozambico che preserva la cultura locale

la perfetta miscela di lusso sostenibile, fuga di relax e cultura, ambientata nell'incontaminata isola di Benguerra. Progetto di costruzione inclusiva a cura di NJF Design.

17 Giugno 2022

Un resort sostenibile in Mozambico che preserva la cultura locale

la perfetta miscela di lusso sostenibile, fuga di relax e cultura, ambientata nell'incontaminata isola di Benguerra. Progetto di costruzione inclusiva a cura di NJF Design.

Il Kisawa Sanctuary, aperto lo scorso inverno in Africa, si estende per 300 ettari di tranquilla foresta costiera e fronte mare sull’isola di Benguerra, in Mozambico. Si tratta di una combinazione di lusso tra cultura preservata e conservazione dell’ambiente, su quella parte di continente che si affaccia sull’oceano indiano e che è considerato un paradiso per il turismo di qualità.

NJF Design, lo studio che ha lavorato al resort, è stato creato in risposta alle eccezionali esigenze di design incontrate durante la costruzione del Santuario di Kisawa; l’ufficio è stato fondato nel 2019 ed è specializzato nel dare vita alla visione creativa di Nina. Guidando tutto, dalla pianificazione generale della proprietà fino al minuto piatto culinario e alla progettazione della biancheria, NJF Design lavora con una varietà di consulenti architetti, ingegneri, specialisti di mobili, illustratori, artisti e grafici per offrire un’esperienza completa e coinvolgente agli ospiti dall’inizio alla fine. NJF Design è specializzato in soluzioni in gran parte sostenibili che sono ottimistiche nei colori, autentiche nel patrimonio e generose nell’energia. L’intenzione in ogni fase del percorso è sempre stata quella di ridurre l’impatto ove possibile.

Kisawa è stato aperto completamente nel novembre 2021, con il lancio di una collezione di 22 bungalow distribuiti in 12 residenze, alcuni sul lato della baia e altri riparati tra le dune sul lato dell’oceano. Il design, di NJF Design, è una parte cruciale del DNA di Kisawa, in base al quale sono state prese decisioni attente per proteggere la natura circostante integrandosi, piuttosto che interrompendo il paesaggio locale. NJF Design è uno studio di design interno boutique, guidato da Nina Flohr, fondatrice di Kisawa.

Il legame tra le persone e il luogo è intrinseco in Kisawa: Nina e il team hanno investito in modo significativo nella comunità e si sono rivolti a loro per guida e ispirazione a tutti i livelli. L’80% della forza lavoro edile proveniva dall’isola di Benguerra, metà della quale erano donne, e oggi Kisawa è gestita da un team appassionato di 220 dipendenti, con il 90% del team operativo dall’Africa e il resto che combina varie competenze da tutto il mondo .
Si tratta del primo progetto di ospitalità dell’imprenditrice, direttrice creativa e filantropa Nina Flohr, che non solo offre agli ospiti la massima privacy su 5 chilometri di costa dell’Oceano Indiano, ma consente loro di supportare la ricerca e la conservazione marina in Mozambico, tramite la sua struttura gemella Bazaruto Center for Scientific Studies, il primo osservatorio oceanico permanente dell’Africa.

L’area bungalow vista dall’alto. Benguerra Island si trova a 14 chilometri al largo del Mozambico, sulla costa orientale dell’Africa. Parte dell’Arcipelago di Bazaruto, il vicino Parco Nazionale Marino è
sede di alcuni dei più ricchi e meno esplorati
ecosistemi subtropicali nell’Oceano Indiano.


Kisawa lascia un’impronta leggera sul terreno attraverso nuove modalità costruttive “consapevoli” per sostituire le tecniche comuni, per ridurre l’impatto ambientale, ove possibile.
La costruzione inclusiva di Kisawa coinvolge artigiani di Benguerra e delle isole vicine (che costituivano l’80% della forza lavoro), come la tessitura, il tetto di paglia e la falegnameria del Mozambico, tutti in riferimento agli usi del ​​Mozambico moderno. Questi metodi includono anche il legno locale, il vernacolo locale e il rivestimento superficiale non a base di cemento. Kisawa stima di aver ridotto l’utilizzo di cemento fino al 60%, utilizzando i sistemi SureFoot (fondazioni prive di calcestruzzo). La tecnologia Sudpave, che utilizza materiali di pavimentazione riciclati e atossici, è stata utilizzata per realizzare l’intero sistema stradale.
La tessitura è una forma d’arte tradizionale sull’isola. Kisawa ha lavorato con la comunità per creare una selezione contrastante di cestini strutturati, ondulati e biofili, che riflettono le onde dell’Oceano Indiano e fanno eco ai tetti di paglia curvi delle Residenze e alle “cupole” del Natural Wellness Center. Esperti tessitori intrecciavano erbe in pannelli di porte scorrevoli e cesti mentre gli artigiani intagliavano sedie e tavoli dai legni locali di jambir e sambiri.
Tutte le statue e le forme scolpite sono state create dall’artigiano interno di Kisawa, Andre Antonio Zivane, da figure in miniatura a strutture di grandi dimensioni a forma organica. Nato a Vilankulos, e ora residente nell’isola di Benguerra, Andre ha usato una combinazione di legno di jambir e simbiri, ritagli rimasti dalla costruzione del santuario.

Kisawa significa infrangibile, e questo definisce l’impegno del management dell’hotel in Mozambico per costruire un legame tra persone e luogo, vita e terra. La mission della location è riunire la natura selvaggia e il benessere, con cura e comodità. L’ospitalità è generosa e personalizzata, con al centro il senso della cura.


INTERIOR DESIGN – Per la decorazione degli interni, arte e oggetti d’antiquariato unici sono stati acquistati da tutta l’Africa, garantendo la conservazione dei manufatti del patrimonio e la loro provenienza rimanente all’interno del continente, limitando così le miglia aeree. Ciò include mobili su misura realizzati localmente che forniscono un senso del luogo premuroso e autentico e una connessione con l’ambiente naturale, sostenendo al contempo l’artigianato locale. Questo tipo di ospitalità rivoluzionaria unisce rispetto, connessione ed eredità attraverso il suo design premuroso e mirato. Non ci sono due residenze esattamente uguali, ognuna contenente diversi elementi di mobili, oggetti d’antiquariato, oggetti, ceramiche e una combinazione di colori individuale. Le opere sono completate da pezzi selezionati commissionati a giovani artisti sia africani che internazionali.


ELEMENTI DI DESIGN – Nina Flohr ha raccolto vasi d’acqua in terracotta realizzati dalla tribù Nupe in Nigeria e sedie scolpite a mano dal popolo Makonde in Tanzania. Il legno è mogano dell’Africa orientale, scolpito in un unico pezzo, generalmente per rendere omaggio a un membro importante della tribù.
Altri elementi di design della proprietà includono oggetti d’antiquariato e opere d’arte del Senegal e del Ghana, lampade da comodino in ottone, tavoli in marmo e ritratti a inchiostro dell’artista britannica Frances Costelloe (vedi immagine sotto). Gli artigiani locali hanno anche scolpito sedie e tavoli da legni locali di jambire e sambiri.

Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?