1 Giugno 2021

Viaggio in Cecenia: ecco il popolo di Noè

Il serbatoio di acqua naturale più grande del mondo. E il popolo che si è definito "di Noè". Un luogo incantevole sconosciuto ai più.

1 Giugno 2021

Viaggio in Cecenia: ecco il popolo di Noè

Il serbatoio di acqua naturale più grande del mondo. E il popolo che si è definito "di Noè". Un luogo incantevole sconosciuto ai più.

1 Giugno 2021

Viaggio in Cecenia: ecco il popolo di Noè

Il serbatoio di acqua naturale più grande del mondo. E il popolo che si è definito "di Noè". Un luogo incantevole sconosciuto ai più.

Gli stessi ceceni si chiamano Nokhchi. Alcuni lo traducono come il popolo di Noè, in ogni caso i ceceni sono il più grande gruppo etnico nativo delle regioni a nord del Caucaso.
I rappresentanti di questo popolo vivono non solo sul territorio della Cecenia, ma anche in alcune regioni del Daghestan, dell’Inguscezia e della Georgia. In totale, ci sono oltre un milione e mezzo di ceceni nel mondo.
Il nome “ceceno” è apparso molto prima della rivoluzione del 1917. Ma nell’era pre-rivoluzionaria e nei primi decenni del potere sovietico, alcuni altri piccoli popoli caucasici erano spesso chiamati ceceni, ad esempio gli ingusci, i batsbi, i georgiani kisti. Si ritiene che si tratti essenzialmente delle stesse persone, i cui gruppi separati, a causa di circostanze storiche, si sono isolati gli uni dagli altri.


Esistono diverse versioni dell’origine della parola “ceceno”. Secondo uno di loro, è la traslitterazione russa della parola “shashan”, che è stata usata per denotare questo popolo dai vicini kabardiani. Per la prima volta viene menzionato come “il popolo sasan” nella cronaca persiana dei secoli XIII-XIV, che tratta della guerra con i tàtaro-mongoli.
Secondo un’altra versione, questa designazione deriva dal nome del villaggio di Grande Cecen’, dove alla fine del XVII secolo i russi incontrarono per la prima volta i ceceni. Per quanto riguarda il nome del villaggio, risale al XIII secolo, quando qui si trovava il quartiere generale del mongolo Khan Secen’.
A partire dal XVIII secolo, l’etnònimo “ceceni” è apparso nelle fonti ufficiali in russo e georgiano e successivamente è stato preso in prestito da altri popoli. La Cecenia divenne parte della Russia il 21 gennaio 1781.
Nel frattempo, un certo numero di ricercatori ritengono che questo etnonimo fosse usato dai vicini dei ceceni molto prima della comparsa dei russi nel Caucaso.

I grattacieli di Groznyj, la capitale della repubblica cecena. Città ottocentesca di 270mila abitanti, è stata completamente ricostruita dal 2003.

C’è un posto straordinario sulle montagne al confine tra Cecenia e Daghestan: il lago blu Kezenoy-Am. Si trova ad un’altitudine di 1854 metri sul livello del mare ed ha una superfìcie di 2,4 kmq, con una profondità di 72 metri. D’inverno l’acqua congela, mentre d’estate la temperatura dell’acqua è di 18° C. È il serbatoio naturale più grande e più profondo del Caucaso settentrionale.
Sulla riva del lago è stato creato un complesso sportivo e turistico con albergo, ristorante, campi sportivi, un molo e una stazione nàutica. Nella stagione calda, l’intrattenimento principale è la pesca e le passeggiate. In inverno, è possibile pattinare (lo stagno si congela) o sciare sulle montagne circostanti.
E` uno dei luoghi di vacanza preferiti nella. La trota di Kezenoyam è considerata una delle attrazioni del bacino idrico, è elencata nel Libro rosso della Russia.
Kezenoyam colpisce per la sua trasparenza: in fondo può vedere le trote che si divertono sul fondo.
Durante il nostro viaggio ci aspettano pernottamento e cena in albergo su questo magnifico lago.
Il Lago Kezenoyam è una favolosa perla della Cecenia. E’ bello in qualsiasi stagione.

Racconto e servizio fotografico a cura di Sergey Kancerov

Per info sul giro di Ethnotravel qui

Per seguire o contattare Serghey Kancerov qui.

Read in:

Ti potrebbe interessare:

Luca Pozzi all’Edicola Radetzky

A Milano si passa dalla Darsena e si ammira l’arte in una vecchia struttura recuperata magistralmente all’imbocco dei Navigli. Si

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”