Magazine - Fine Living People
Travel

Travel - 07/08/2018

Vilnius in Lituania festeggia 100 anni di nazione

Il "Punto G d'Europa" come dice una nuova campagna pubblicitaria. Tra letop destination dell'anno e in attesa dell'arrivo degli uffici di Expedia e British Telecom.

Calma, antica, giovane e progredita. Soprattutto inesplorata ai più, la nuova destinazione top d’Europa quest’anno è Vilnius, capitale della Lituania, città progresso tra le repubbliche baltiche, regno del barocco e dell’arte e custode di soli 500mila abitanti che si professano “europei felici”.

Fece scalpore qualche anno fa il grado di soddisfazione di questa tranquilla popolazione dal passato turbolento e dal suo voler essere considerato l’esatto centro d’Europa. Questa settimana, Go Vilnius, l’organizzazione turistica ufficiale per la capitale della Lituania, lancerà ‘Vilnius; the G-spot of Europe ‘, una campagna pubblicitaria multimediale diretta al mercato britannico e tedesco.

Il centro d’Europa spiegato agli europei. Vilnius vuole essere scoperta.

La campagna si propone di aumentare la visibilità di Vilnius e di posizionare la città come un’opzione entusiasmante per i millennial che cercano destinazioni turistiche alternative. Catturando l’immaginazione con la sua audace creatività, la campagna presenta il potenziale di Vilnius come una destinazione europea da scoprire, da non sottovalutare, da qui la battuta scherzosa: “Nessuno sa dove sia, ma quando lo trovi, è incredibile”. Vilnius, il punto G d’Europa, ha anche un sito dedicato Vilniusgspot.com che ospita un quiz che consente agli utenti di generare una mappa personalizzata della città. La mappa interattiva include i luoghi di interesse specifici per le risposte delle persone. Le attrazioni spaziano dai siti tradizionali come la Città Vecchia di Vilnius, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, e gli splendidi giardini botanici alle esperienze cosmopolite tra cui tour di birrifici artigianali, mercatini di strada e concerti all’aperto.

Vilnius ogni anno attira turisti. Nel 2017 il milionesimo turista è arrivato nei primi 9 mesi dell’anno.

BUSINESS – Se ogni anno viene festeggiato il milionesimo turista che entra in città, anche per il lavoro si stanno facendo passi enormi da queste parti.  Vilnius è ufficialmente la prima città centro-orientale (CEE) e del Baltico a diventare membro a pieno titolo di Startup City Alliance Europe (SCALE).

SCALE sta sviluppando un sistema che offre alle start-up europee un accesso più facile a diverse città dove possono sviluppare e testare idee e prodotti. Il piano consentirà alla città e alla sua comunità di startup in rapida crescita di entrare in contatto con le startup più progressiste in Europa e condividere idee e innovazioni, nonché incoraggiare lo sviluppo di Vilnius. E non è un caso se British Telecommunications (gruppo BT) e la filiale britannica di Expedia trasferiscono temporaneamente i loro uffici a Vilnius a settembre, grazie al programma Workation Vilnius.

Le due principali aziende del Regno Unito, insieme alla startup danese OrderYOYO, rappresentano le squadre vincenti selezionate per venire a Vilnius per una settimana a settembre. Le aziende vincitrici sono state valutate e selezionate da una giuria del Comune di Vilnius e di Go Vilnius, l’agenzia ufficiale di sviluppo della città. Il programma Workation Vilnius offre a team di massimo 10 dipendenti di tre diverse aziende l’opportunità di partecipare a un programma di una settimana per lavorare e vivere a Vilnius. L’iniziativa offre ai vincitori la possibilità di entrare in contatto con professionisti del settore e autorità locali di giorno e di sperimentare le incantevoli viste, i ristoranti, i caffè e le infrastrutture della città ogni sera. Secondo la relazione della Commissione europea 2017 sull’innovazione nell’UE, Vilnius è classificata tra i primi 10 innovatori in più rapida crescita in Europa, rendendola un luogo eccellente per fare affari.

Infrastrutture digitali e persone giovani i punti forti di Vilnius per il business.

PREGI – La città vanta una forte infrastruttura digitale, una forza lavoro giovane e di talento e eccellenti standard di vita. I professionisti in città possono sfruttare tutti i vantaggi di nuove esperienze: c’è sempre qualcosa da fare qui. Tutto è a pochi passi o in bicicletta e l’atmosfera è più che accogliente. Soprattutto nel 2018 la città è in gran fermento per i festeggiamenti della fondazione dello stato (1918) che seguono un calendario fitto chiamato Centennial festivities and historical routes.

GLI AUTOBUS ARTISTICI – Ci sono anche delle grandi iniziative pubbliche per alimentare la forte creatività locale. Painting Routers è un programma di dialogo attraverso l’arte contemporanea che esalta tutte le manifestazioni di espressioni artistiche, come la street art che poi ha un riverbero anche sui social media. Sui trasporti pubblici è stata incoraggiata la decorazione e l’espressione di artisti in attesa dell’apertura di ArtVilnius’18, la nona edizione della fiera d’arte contemporanea che si è tenuta a giugno al LITEXPO Exhibition and Congress Centre. Gli artisti coinvolti sono Goda Lukaitė, Donata Minderytė, Monika Plentauskaitė, Alexei Gordin, Kazimieras Brazdžiūnas, Vita Opolskytė, Kristina Ališauskaitė, Rosanda Sorakaitė, Kristi Kongi e Rosanda Sorakaitė.

Vilnius è stata selezionata da Lonely Planet come uno dei dieci migliori posti da visitare in Europa quest’anno, in linea con il cuore alimentare italiano dell’Emilia-Romagna e con la regione della Spagna settentrionale della Cantabria. La lista mira a offrire ai viaggiatori uno scoop sui migliori luoghi da scoprire oltre le destinazioni più famose in Europa e presenta i siti meno visitati regioni, città alternative e gemme nascoste. Vilnius si è guadagnata il posto tra le dieci destinazioni di viaggio grazie alla sua crescente reputazione come una grande opzione alternativa per le vacanze in città, unendo storia affascinante e creatività fiorente, tra cui fiorente scena della birra artigianale e ristoranti di ispirazione New-Nordic.

La fotografa Arcana Femina e l’autore Romas Zabarauskas mostrano la mappa friendly di Vilnius.

FRIENDLY – L’inclusione e l’accoglienza passano di questi tempi anche dalla parola friendly che vuol dire apertura verso la comunità gay (LGBT) ma anche verso tutte le categorie “diverse” come la disabilità, i vegani, l’accoglienza per bambini e pet. Per questo dal 2012, il regista lituano Romas Zabarauskas ha lanciato l’iniziativa Friendly City con la distribuzione di una mappa aggiornata, non solo turistica ma anche di opportunità di business. La città ha anche un Photobook, curato da Arcana Femina con l’emersione di storie e personaggi che rappresentano la comunità locale.

NESSUNO SA DOVE STA – Con tutte queste iniziative sarà interessante capire dove porterà l’umoristico concetto di campagna pubblicitaria che è stato creato dagli studenti di pubblicità lituani che ironizza sulla scarsa conoscenza all’estero dei pregi della città. Anche se tutti gli osservatori scommettono su Vilnius come futura destinazione “irrinunciabile”, uno dei creatori di studenti della campagna, Jurgis Ramanauskas, ha commentato: Poche persone sanno dove sia realmente Vilnius, ma quando arrivano si innamorano della città, questa intuizione è venuta dalle nostre conversazioni con i visitatori internazionali e abbiamo formulato l’idea che Vilnius sia sinonimo della teoria del punto G – nessuno sa dov’è, ma quando viene scoperto, tutti sono molto contenti!

Il sindaco di Vilnius Remigijus Šimašius dice: “Quando accolgo i visitatori internazionali, le loro impressioni di prima mano superano di gran lunga le loro aspettative. è molto piacevole da ascoltare, ma d’altra parte, indica che la percezione di Vilnius deve essere migliorata”.

Inga Romanovskienė, direttore di Go Vilnius, l’agenzia di sviluppo del turismo e dello sviluppo, commenta: “Quando si tratta di attrarre il turista moderno, abbiamo a che fare con un livello molto alto di concorrenza con altre città e paesi europei che investono molto nel marketing. L’idea del punto G è estremamente coinvolgente per suscitare interesse nella città. Vilnius ha trovato la sua voce sicura e bizzarra – ed è solo una questione di tempo prima che se ne accorgano in tanti”.



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Leisure - 20/06/2018

I Giardini del Lago di Como, belli da metterli in un libro

Il Lago di Como è celebrato nel mondo per le sue bellezze ma anche per la maestria con cui da sempr [...]

Design of desire - 19/04/2016

KartellbyLaufen, design e precisione dalla casa agli hotel

KartellbyLaufen è il progetto in tandem di Kartell di Milano e Laufen di Basilea in Svizzera. L'azi [...]

Leisure - 26/04/2018

Vinitaly 2018, arte visiva e arte del fare da tutte le regioni d’Italia

Ci siamo appuntati gli imperdibili del 2018 secondo quanto presentato a Vinitaly. Le regioni italian [...]

Top