Magazine - Fine Living People

Alex Polidori canta, gli altri riciclano: la lotta alla plastica è sempre priorità

Il lockdown non ha frenato la voglia dei consumatori di rispettare la natura. Un trend consolidato che ora sbarca anche in musica.

La lotta alla plastica contagia in maniera definitiva anche l’arte. La musica si accorge del bisogno, solamente appannato dall’emergenza sanitaria mondiale, e questa volta tocca a un giovane cantante italiano risvegliarsi per la lotta che non si è mai sopita. “Mare di plastica”, il nuovo singolo di Alex Polidori, talentuoso cantautore nonché una delle voci più celebri e rappresentative del doppiaggio italiano, è una denuncia sullo stato dei mari.

 

A soli 25 anni, poliedrico e trasversale, Alex Polidori, è cantautore, attore e noto doppiatore. Attivo nel mondo del cinema e dello spettacolo sin dalla tenera età come bambino prodigio già notato da Mike Buongiorno nella celeberrima trasmissione “Bravo Bravissimo”, Alex nel corso degli anni incarna diversi ruoli nel cinema e nella televisione.

Mare di plastica” è il suo nuovo singolo che segna il ritorno in musica in grande stile del giovane cantautore romano, facendosi portavoce di un importantissimo messaggio volto alla sensibilizzazione della delicatissima questione dell’inquinamento ambientale con particolare riferimento alla tematica della plastica nei nostri mari.

 

“Mare di Plastica – dichiara Alex – è un brano dalla forte valenza sociale al quale sono molto legato. Il progetto nasce in seguito all’interesse scaturito dopo aver visto un servizio in tv in cui si parlava dell’emergenza ambientale. Ho iniziato così a documentarmi, appassionandomi a questo tema, cercando di capire quale potesse essere la forma migliore per dare il mio contributo concreto a questa cara questione.  La musica ha un potere formidabile e riesce a veicolare i messaggi meglio di qualunque altro mezzo di comunicazione e forma d’arte. L’idea che con una canzone avrei potuto contribuire, anche in minima parte, a sensibilizzare le persone spingendole a cambiare le proprie abitudini e a rispettare il nostro pianeta, mi ha convinto a finire “Mare di Plastica”, condividendolo con tutto il mio pubblico”.

Alex con la sua voce sono già famosissimi. Sua infatti l’inconfondibile voce per l’Italia del famosissimo pesciolino Nemo adorato da grandi e piccini. Dal 2016 presta la voce al giovanissimo Spider- Man (Tom Holland) in “Captain America: Civil War”, “Spider-Man: Homecoming”, “Avengers: Infinity War”, “Avengers: Endgame” e “Spider-Man: Far From Home”.

Le beach bag in plastica riciclata sono ovviamente belle da guardare. Tezenis intraprende una nuova rotta e con le nuove borse da mare vuole fare un gesto gentile e rispettoso verso il nostro pianeta.

TEZENIS – La moda non sta a guardare. In un’ottica di sostenibilità e amore per la terra, Tezenis vuole essere di supporto al pianeta e realizza una capsule di borse mare in plastica riciclata.

 

Sono 7 le bottiglie di plastica necessarie per realizzare una delle nuove bag Tezenis pensate in cinque fantasie che riprendono le stampe dei costumi.

 

Le bag si arricchiscono di particolari dettagli stilisti come pon pon, paillettes, frange diventando così l’accessorio ideale per accompagnarci durante il periodo estivo.

Le borse verranno regalate ogni 50 euro di spesa effettuata nei negozi e online.

Tezenis intraprende una nuova rotta e con le nuove Beach Bag vuole fare un gesto gentile e rispettoso verso il nostro pianeta.

Mandarin Oriental sta collaborando per portare avanti l’approvvigionamento responsabile e fornire prodotti alternativi che siano sostenibili sia per l’ambiente che per gli hotel di lusso. Mandarin Oriental pubblicherà ad Ottobre 2020 la prossima relazione sulla stato di avanzamento dell’attività per l’eliminazione della plastica.

“Ci siamo posti l’ambizioso obiettivo di eliminare tutta la plastica monouso dalle nostre proprietà entro la fine di Marzo 2021. Mentre è probabile che il calendario debba adattarsi alle conseguenze della pandemia, restiamo concentrati sul raggiungimento dei nostri obiettivi e crediamo di poter fornire una preziosa leadership al nostro settore e al mondo in generale”, afferma James Riley, Group Chief Executive di Mandarin Oriental, Hotel Group. “Sono felice di come tutti i colleghi abbiano accettato questa sfida come parte del nostro impegno congiunto per realizzare le responsabilità di sostenibilità del Gruppo”.

MANDARIN HOTEL FA RICERCA – Lo scorso ottobre 2019 Mandarin Oriental Hotel Group ha annunciato il proprio impegno per eliminare la plastica monouso in tutte le strutture del gruppo entro fine marzo 2021.

Nonostante le tempistiche previste originariamente siano state influenzate dagli effetti globali dell’emergenza Covid-19, il primo rapporto sui progressi annunciati evidenzia sia i risultati raggiunti che alcune delle sfide affrontate.

 

Il Gruppo si è impegnato per eliminare l’utilizzo della plastica monouso in tutte le aree delle strutture, includendo camere, spa, trasporti, ristoranti e bar, oltre a tutte le aree non visibili agli ospiti come uffici, cucine e aree di servizio.

 

Mandarin Oriental si è inizialmente concentrato sull’eliminazione dei 60 articoli di plastica monouso maggiormente utilizzati in ogni struttura, che si stima costituiscano il 95% di tutti gli articoli presenti negli hotel. Questa percentuale è stata totalmente eliminata o è in procinto di essere eliminata man mano che si esauriscono le scorte presenti.

 

Uno degli articoli più comunemente utilizzati è la bottiglia d’acqua in plastica, per questo è stato introdotto l’imbottigliamento in loco negli hotel del Gruppo presenti a Hong Kong, Macao, Kuala Lumpur, Singapore, Taipei, Ginevra, Londra, Miami e New York con l’obiettivo di estendere l’iniziativa a tutte le strutture del Gruppo. Ad oggi i risultati ottenuti sono incoraggianti, ad esempio Mandarin Oriental, Kuala Lumpur è riuscita ad eliminare quasi mezzo milione di bottiglie di plastica dalle camere e da tutte le facilities food & beverage in un anno.

 

Molti degli articoli in plastica più comunemente utilizzati sono stati sostituiti con materiali eco-alternativi, come ad esempio i sacchetti per biancheria e per scarpe riutilizzabili e sanificabili in stoffa, cannucce in carta, metallo o bambù, spugne in luffa naturali, biodegradabili e ipoallergeniche, spatole di legno e cucchiai da degustazione in metallo in cucina. Molti accessori per il bagno sono stati sostituiti con alternative non plastiche certificate in modo sostenibile, come i dischetti di cotone, rasoi, cotton fioc, cuffie da doccia e schiume da barba.

 

Gli hotel stanno inoltre sperimentando i distributori a parete per sostituire i piccoli contenitori di plastica per gel doccia, shampoo e balsamo e stanno collaborando con brand di lusso come Fig & Yarrow e Diptyque per garantire che possano erogare prodotti adeguati, privi di sostanze chimiche e in totale rispetto per l’ambiente.

 

Le sfide sono molte in quanto alcuni materiali, come la pellicola trasparente e i sacchetti per i rifiuti, sono entrambi difficili da eliminare e non vi sono alternative valide e sostenibili. Sono attualmente in corso prove per sostituire la pellicola trasparente con oggetti riutilizzabili che possano essere facilmente sanificati come contenitori, involucri di silicone, cera d’api e sacchetti per rifiuti che siano solubili in acqua senza tossine. Nel frattempo è stato possibile rifornire le strutture con spazzolini da denti privi del 97% di plastica, poiché al momento non sono presenti spazzolini con setole al 100% vegetali. Tuttavia, la ricerca nel settore continua e il Gruppo è fiducioso nel trovare presto una soluzione ecologica completa.

 

Tra le alternative sostenibili, dopo diversi mesi di ricerche il Gruppo è riuscito a trovare tra i fornitori disponibili anche le pastiglie di dentifricio per sostituire i tubetti in plastica. Le compresse sono confezionate in carta certificata FSC e sono distribuite in tutto il Gruppo.

La catena sarda Delfina Hotels punta a essere plastic free. prima catena alberghiera italiana a utilizzare in tutti gli hotel, resort e nella sede centrale energia 100% verde, proveniente da fonti rinnovabili veicoli elettrici e ricaricati sul posto per lo spostamento degli ospiti all’interno dei resort. Usa prodotti eco-bio e senza parabeni nei centri Thalasso & SPA e per la linea cortesia delle camere, prodotti Ecolabel per la pulizia ordinaria, ha ristorazione orientata ai prodotti del territorio nel rispetto del marchio Genuin Local Food Oriented.

DELFINA HOTELS – Delphina hotels & resorts, catena di proprietà sarda con 12 hotel, 2 residence e ville lungo la costa nel nord dell’isola, abolisce le bottiglie di plastica per gli oltre 1500 collaboratori delle strutture e della sede centrale. In omaggio a tutto lo staff una borraccia in alluminio, da ricaricare nelle fontanelle o nei dispenser installati appositamente in tutte le strutture per supportare l’iniziativa plastic free. Un nuovo impegno, anche economico, per l’acquisto e la gestione di fontanelle e dispenser, che permette a Delphina di risparmiare 68.700 bottiglie di plastica all’anno.

Il modello di MITA Eyewear, realizzato con plastica PET riciclata, presenta una forma ampia di ispirazione vintage rivisitata grazie al dettaglio del ponte. Una montatura che si adatta perfettamente alla personalità di coloro che amano un’eleganza declinabile nei differenti momenti della vita quotidiana.

MITA EYEWEAR – MITA EYWEAR si caratterizza per l’utilizzo di materiale riciclato e sostenibile. Le montature vista e sole sono realizzate con un materiale plastico derivato dal recupero in mare e dal riciclo di bottiglie PET e alluminio riciclato, da cinque bottigliette si ottiene una montatura. Anche gli elementi come lenti demo, astucci e componenti sono ecosostenibili. Il debutto internazionale previsto durante MIDO 2020, prevedeva 17 modelli da vista e i 13 occhiali da sole sono infatti realizzati con materiali riciclati e riciclabili: le proposte in plastica utilizzano un materiale ricavato da bottiglie di plastica PET raccolte in mare, mentre quelle in metallo utilizzano allumino riciclato. L’attenzione all’ambiente non si ferma alle montature, ma coinvolge anche le lenti demo e sole biodegradabili, gli elementi di componentistica e il packaging.

Il nuovo packaging è già disponibile presso i supermercati Esselunga e a breve nei supermercati Coop. Nei prossimi mesi verrà proposto a tutte le principali sigle della GDO, clienti Nieddittas.

ALIMENTARE – Anche il mondo food sta facendo notevoli passi per l’eliminazione della plastica. Una  nuova retina in amido di mais e l’etichetta completamente biodegradabili e compostabili, da oggi sono utilizzate da Nieddittas per confezionare le cozze distribuite nelle principali supermercati in Italia. Il brand di CPA Società Cooperativa che gestisce l’intera filiera d’eccellenza della mitilicoltura in Sardegna, nel Golfo di Oristano, ha sperimentato per mesi e introdotto questa soluzione in vista delle disposizioni per l’eliminazione della plastica monouso entro il 2021.
“Viviamo un periodo di grande attenzione per i temi dell’’ambiente, in cui il consumatore finale orienta sempre più le proprie scelte di consumo anche sulla base della sostenibilità di ciò che acquista. “Grazie al nuovo packaging i consumatori potranno aggiungere alla qualità Nieddittas che già conoscono e apprezzano il valore aggiunto di un prodotto green e sostenibile, che aggiunge valore alla loro spesa””, ha detto Caterina Murgia, Amministratore Delegato di Nieddittas.

La realizzazione del packaging green e sostenibile fa parte di un più ampio processo che sta portando Nieddittas a riflettere su ogni aspetto della propria produzione per poter offrire al consumatore un prodotto sempre più rispettoso dell’ambiente. Con questa scelta Nieddittas conferma la propria attitudine all’innovazione e al cambiamento, schierandosi in modo sempre più convinto a difesa dell’ambiente e del mare. “Una scelta che siamo certi il consumatore saprà comprendere e premiare non solo per la qualità dei prodotti Nieddittas ma da oggi anche per la particolare attenzione al mare e all’ambiente”, conclude Caterina Murgia.

 

 



Leisure - 15/11/2019

Bookcity 2019, ecco gli imperdibili nuovi appuntamenti letterari a Milano

L'impegno di Milano nella promozione e divulgazione della lettura è noto a tutti. Dalla città in c [...]

Luxury - 22/10/2018

Per Faraone Casa d’Aste gioielli di pregio in vista del Natale

La prossima asta di Faraone Casa d'Aste in programma per il 15 Novembre al Four Seasons di Milano pr [...]

Design of desire - 05/03/2020

La ceramica antibatterica esiste e si chiama Bios Antibacterial

La ceramica se lavorata nel giusto modo, può far anche bene alla salute. Bios Antibacterial® di Ca [...]

Top