Magazine - Fine Living People

Come Ulla-Stina Wikander ha portato il mezzopunto nell’arte pop

Disegni fantasiosi dal gusto scandinavo: una vera artista delle maglie che restituisce nuova vita agli oggetti ormai in disuso.

Ulla-Stina Wikander nata e cresciuta a Goteborg è diventata negli ultimi tempi la regina del mezzopunto sui social media. Il suo mezzo punto croce o mezzo punto, un punto di base nel ricamo, è fotografato ovunque: Pinterest è invaso dalle sue creazioni che rimodellano gli oggetti di largo consumo che ormai sono relegati negli attici delle nonne e ci restituisce il sorriso. E agli elettrodomestici dimenticati, nuova vita. Attualmente vive vicino a Stoccolma, in Svezia e lavora come artista dal 1986. Non si direbbe che questi oggetti di decoro arrivano da una creatività della bella e fredda Svezia, tanto colorate e pop sono queste opere.

Eppure i paesi nordici sono i primi che hanno adottato l’urban knitting, l’arte di ricoprire di ricami gli arredi urbani, e la loro fascinazione per la lavorazione colorata a maglia è risaputa. Ma nessuno si era spinto fino al punto di rivestire con tanta fantasia gli arredi di largo consumo dal sapore retrò: telefoni con il cerchio, aspirapolveri, tostapane.

Per più di 10 anni Ulla-Stina Wikander ha collezionato ricami a punto croce, realizzati con tele di tanti buchi e matassine di lana colorata. Oggi ha una grande collezione con oltre 100 disegni diversi. In passato questi ricami erano realizzati da donne, definiti kitsch o considerati un suppellettile piuttosto inutile. Ma sono stati sempre difesi dalle nonne che li adoravano.

DOVE HA COMINCIATO – Nel 2012 Ulla-Stina iniziò a coprire gli oggetti per la casa degli anni ’70, come l’aspirapolvere, la macchina da cucire, il frullatore elettrico, il telefono sino al trapano e molti altri. Trovando interessante vedere la mutazione di questi oggetti che si trasformano in un nuovo contesto; l’obsolèt, le cose che non vogliamo più, le cose vecchie e dimenticate, diventano oggetti mascherati, mimetizzati e vestiti. Dando loro una seconda vita, che offre una raffinata “customizzazione” da esporre in casa.

I manufatti a mano di Ulla-Stina Wikander nata e cresciuta a Goteborg, Svezia, sono unici e non replicabili. Il ferro da stiro, ad esempio, è uno dei più richiesti a 1000 euro.

L’artista svedese visita i mercatini delle pulci e negozi vintage per trovare ricami a punto croce e gli oggetti con cui lavorare. Racconta: “Alcuni dei piccoli oggetti, come un ferro da stiro o un telefono, richiedono uno o due giorni per essere realizzati, ma le installazioni più grandi richiedono settimane per essere completate”.

Negli ultimi anni è stata invitata a diverse mostre e il suo lavoro è finito sull’inglese The Guardian per la pregevolezza della manifattura e l’inventiva. Prezzi e disponibilità su richiesta su www.ullastinawikander.com o sulla pagina Instagram  https://www.instagram.com/uskonst

Ricerca e testo di Antonella Galimberti 



Leisure - 05/05/2019

La cittadella della pizza napoletana nel cartellone di Milano Food City

La pizza unisce ed è ambasciatrice di cultura per tutto il mondo e presso tutte le generazioni di o [...]

Society - 03/12/2018

Topolino ha 90 anni, celebrato a New York, Roma e Desenzano

Tra eroi e supereroi celebrati che tornano e ripescano nel proprio mito nella speranza di mantenerlo [...]

Travel - 16/05/2017

Hotel Pfösl, benessere ed ecologia nel bosco delle Dolomiti

Le Dolomiti custodiscono paesaggi incantati, boschi e ritiri lussuosi. Come l'eco-hotel Pfösl, comp [...]

Top