27 Giugno 2024

Dalla Turchia il fascino delle serie “Dizi”

Il fenomeno "My Home, My Destiny". Le serie riflettono il bilanciamento tra tradizione e modernità delle società emergenti che le producono.

27 Giugno 2024

Dalla Turchia il fascino delle serie “Dizi”

Il fenomeno "My Home, My Destiny". Le serie riflettono il bilanciamento tra tradizione e modernità delle società emergenti che le producono.

27 Giugno 2024

Dalla Turchia il fascino delle serie “Dizi”

Il fenomeno "My Home, My Destiny". Le serie riflettono il bilanciamento tra tradizione e modernità delle società emergenti che le producono.

Il successo delle serie tv dizi (termine che in turco significa semplicemente “serie”) è inarrestabile. Partito come alternativa ‘cheap’ alla Hollywood factory, il fenomeno delle serie televisive turche è straripante anche da noi. In questa estate 2024 alle ore 14:45, nel day-time estivo di Canale 5, al via la seconda, attesa stagione di «My Home, my Destiny».

Protagonista della serie, Demet Özdemir, la cui partecipazione a Day Dreamer l’ha definitivamente lanciata tra le icone dello star-system turco.

Özdemir interpreta una donna divisa tra due mondi: quello semplice dell’infanzia e quello lussuoso e ricco di opportunità ricevuto nella famiglia adottiva.

Tratto da una storia vera, Doğduğun Ev Kaderindir (tit.or.) è l’adattamento televisivo di Camdaki Kiz, bestseller scritto dalla psicologa Gülseren Budayıcıoğlu, che ha raccolto in un libro i racconti di una sua paziente.

«My Home, my Destiny», venduta in oltre 70 paesi nel mondo, ha battuto diversi record e si è aggiudicata il premio per la miglior sceneggiatura all’International Izmir Festival.

Girata ad Istanbul, la serie si svolge tra Pierre Loti, nel distretto di Beykoz, le spiagge del Bosforo, i quartieri di Balat e Eyüp e la costa di Scutari, accanto alla Torre della Fanciulla.

Il successo dei “Dizi” in occidente è comunque qualcosa di molto diverso dall’avvento delle soap sudamericane negli anni Settanta e Ottanta. I veri “Dizi” non sono prodotti derivativi ma veri film da oltre due ore che incollano milioni di seguaci alla tv in Medioriente. E in più, culminano sempre con un conflitto tra modernità e tradizione, particolarmente sentito in quella parte del mondo.

Alcuni di questi aspetti, soprattutto in Italia, non vengono percepiti perché gli episodi sono tagliati e mandati in onda in non più di 40 minuti ciascuno. E in realtà le serie più spinte sui conflitti sociali mediorientali da noi ancora devono arrivare. Si notano solo accenni, che però sono ben inseriti nel piano narrativo.

Acclamata da pubblico e critica, la nuova dizi è pronta a sbarcare in Italia e conquistare gli spettatori. In onda in prima serata su Canale 5 e in prima visione assoluta, «Segreti di Famiglia», serie vincitrice di un Emmy come miglior telenovela nel 2023.  Ogni episodio di Yargi (tit.or.) prevede colpi di scena, che metteranno in luce la fragilità dei rapporti umani e la forza dei legami familiari. La narrazione, ricca di emozioni e tensione, complessa e avvincente, esplora temi universali come giustizia, verità e sacrificio. L’atmosfera intensa e dinamica della trama si rispecchia, quindi, nell’Istanbul delle sue aree urbane moderne e in quella dei suoi iconici quartieri storici.  Nel cast oltre a Kaan Urgancıoğlu, noto per Endless Love, figura anche Başak Gümülcinelioğlu, conosciuta per Daydreamer Love Is In The Air.
“Terra Amara”,la serie diventata un vero fenomeno di culto e audience prodotta in Turchia, è partita in day-time su Canale 5 nel luglio 2022 Grazie a una sapiente intuizione della rete, “Terra amara” è stata promossa anche in prima serata, aggiudicandosi anche serate in cui la programmazione delle altre reti era molto forte. “Terra amara” ha avuto puntate record che hanno toccato il 26% di share e oltre 3.200.000 spettatori. La serie si è distinta per il grande impegno produttivo: costumi e scene con una resa perfetta dell’ambientazione anni ‘70. E bellissime le location: la città di Adana e la villa di 450 metri quadrati, costruita appositamente per la serie. La troupe di oltre 500 persone è stata sul set per le riprese per quattro anni.  “Terra amara”, dopo il successo in Turchia, oltre che in Italia, è stata trasmessa in più di 50 paesi del Mondo.

L’attenzione generata dalla serie “Terra Amara” ha superato i confini del piccolo schermo, diventando anche un caso su Mediaset Infinity: nell’ultimo anno, considerando il tempo complessivo speso dagli utenti sul prodotto, “Terra Amara” è il quarto programma più visto in assoluto su Auditel Digitale.

I telespettatori di Canale 5 si sono appassionati alle vicende ambientate nel paese di Çukurova. Tutto ha avuto inizio con il viaggio in treno di Züleyha (Hilal Altınbilek) la protagonista, e di Yılmaz (Uğur Güneş). 705 giorni di emozioni, tensioni, passioni, colpi di scena, gelosie e vendette arrivano al termine. L’emozionante capitolo finale svelerà ogni mistero: Vahap (Ergün Metin) si presenta al matrimonio di Fikret (Furkan Palali), per vendicare il fratello Abdülkadir (Erkan Bektaş), arrestato dalla polizia. 

«MY HOME, MY DESTINY» – sinossi 2a stagione

Diventata adulta dopo aver frequentato le scuole più elitarie del Paese, a Zeynep (Özdemir) viene imposto un matrimonio d’interesse con Faruk (Engin Hepileri), un giovane dell’alta società turca.

Nessuno conosce il passato di Zeynep e, quando Sakine (Zuhal Gencer) – la madre biologica di Zeynep – torna a bussare alla sua porta, la ragazza si troverà a vivere due vite parallele, divisa tra il mondo nel quale è nata e quello in cui è cresciuta.

Read in:

Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”