Magazine - Fine Living People

Due chef under 30 ripensano la ristorazione a Salò

Marzo Cozza e Andrea De Carli trasformano il ristorante in bistrò. Cucina che è memoria storica e si adatta ai tempi senza snaturarsi.

Il nuovo formato degli chef Marzo Cozza e Andrea De Carli, giovani 29enni patron del Ristorante Rose Salò a Salò, sul Lago di Garda, è una delle storie più interessanti del business ai tempi della pandemia.
Marco e Andrea, vista la situazione complessa e delicata legata al nuovo DPCM che ha portato i ristoranti alla chiusura alle 18.00, hanno deciso di reinventarsi lanciando il formato del Gastro-Bistrot aperto a pranzo dalle 12.00 alle 15.00-15.30 dal martedì alla domenica con una serie di iniziative.

In linea con quanto sta succedendo in altre città d’Italia con gli imprenditori più intraprendenti, il ristorante si è trasformato in un Gastro-Bistrot con un menu “Quotidiano” di pochi piatti. Aperto dal martedì alla domenica, dalle 12.00 alle 15.00, con una sorta di Light Lunch, il menu varia ogni settimana con prodotti sempre freschi.
Delivery e Take Away del menu “Quotidiano” è abilitato su Salò e dintorni per la sera con una proposta di bibite oltre alla cantina che si trasforma in un’enoteca.

Ma una delle proposte più interessanti sono i DeliveryBox per la città di Como e Provincia (Marco e Andrea provengono da Como). Sono box costruiti ad hoc con prodotti freschi o sottovuoto che vengono consegnati ogni sabato dalle 18.00 alle 20.30 e la domenica mattina dalle 10.00 alle 12.00. All’interno di ogni box viene inserita la ricetta e il procedimento che spiega come realizzare il piatto.

I giovani chef del Ristorante Rose Salò non demordono e provano a rilanciarsi puntando sul pranzo e su un Delivery da Gastro-Bistrot che propone dai “Ravioli ripieni di ossobuco alla milanese” al “Coniglio alla cacciatora” e ai “Tagliolino al tartufo bianco” per noi parlare dei dessert come la “Torta di rose”, il “Tortino al cioccolato” e il “Tiramisù”. Piatti della tradizione e non a cui nessuno riesce a rinunciare.

Andrea De Carli e Marco Cozza, classe ’91, sono da 5 anni alla guida del loro Ristorante “Rose Salò”, sulla sponda occidentale del Lago di Garda.

Prima amici e poi chef sono entrambi originari della provincia di Como dove hanno frequentato assieme l’Istituto Alberghiero Gianni Brera del Centro Studi Casnati, nel capoluogo lariano. Il loro primo approccio con l’alta cucina è stato a L’Albereta Relais & Châteaux, dal Maestro Gualtiero Marchesi, che è stata per i ragazzi una grande scuola di vita oltre che un’importante esperienza professionale. La loro strada,  sempre fianco a fianco, li conduce a Torino al Ristorante del Cambio, storico locale torinese, nella cucina dello chef Matteo Baronetto dove Andrea rimane per circa due anni e mezzo, mentre Marco, dopo un anno, si trasferisce allo Chalet Mattias a Livigno.

I due giovani chef propongono, in un ambiente caldo ed accogliente (dal design moderno ma rispettoso della storia del luogo) una cucina moderna che prende spunto dal passato, tra tradizione e territorio, e guarda al futuro con una proposta gastronomica concreta ed essenziale.

Al centro del loro progetto la materia prima locale, e non solo, e le storie di una tradizione gastronomica antica che viene riproposta con estro e creatività.

La nostra è una cucina nostalgica che guarda a ieri per riscoprire storie, territori e prodotti. Da queste suggestioni prendiamo spunto per creare piatti dai sapori antichi, nella loro essenza più vera e genuina, che attraverso la loro storia possano suscitare emozioni a chi si siede alla nostra tavola”, così raccontano la loro idea di cucina Marco ed Andrea.

Memoria storica nel ricordo di profumi, colori e sapori che solo una materia prima lasciata nella sua essenza più vera può coinvolgere tutti i sensi.



Society - 21/07/2020

Thomas Colussa, un sexy chef per i tempi moderni

Tatuaggi e impasti, panorami e descrizioni accurate. Uno storyteller entusiasta del cibo ma [...]

Society - 12/04/2019

Città della pizza a Roma, un’esperienza culturale

La pizza ormai è una vera esperienza culturale, simbolo di identità e di tradizione. Per questo a [...]

Leisure - 18/06/2016

Fabbri lancia il cocktail low alcohol

Se Fabbri sbarca al Duomo di Milano è un evento di classe di sicuro. Per il “bere moderato”, nu [...]

Top