Magazine - Fine Living People

Gli expat scelgono la Germania come posto migliore dove lavorare

Il Bahrain è una conferma da una classifica di un anno fa. E a sorpresa gli stranieri preferiscono anche la Gran Bretagna nell'anno di Brexit. La lista di HSBC.

La banca internazionale HSBC ogni anno realizza un rapporto sugli expatriates, un nuovo “continente” di persone che grazie all’era dei digital nomads, si sposta di continuo di paese in paese per lavorare. Sono istruiti, fanno “community”, spesso si servono di servizi top e soprattutto sono persone aperte, con predisposizione alla contaminazione. Tra tutti i requisiti richiesti ai partecipanti al sondaggio appena diffuso, “Quale destinazione per lavoro preferite”, la Germania ha vinto.

In un insolito momento politico incerto, la solida nazione al centro d’Europa ha provato a sfidare le popolari destinazioni americane e asiatiche preferite per lungo tempo. Ma a vincere sono certezze, eccellente organizzazione e faciltà dell’organizzazione. Un po’ quello che conta anche per i pensionati americani, che ormai non scelgono più la Tailandia o l’Europa, e si spingono al centro dell’Europa per finire i propri giorni in maniera grandiosa: con soldi e un sistema sanitario da sogno, per i loro standard.

Il nuovo rapporto di HSBC, secondo il quale i primi cinque paesi per lavoratori stranieri sono tutti al di fuori del Nord America e dell’Asia.

Sulla base delle risposte di 22.318 espatriati che lavoravano in 163 paesi, il rapporto ha misurato le destinazioni ritenute migliori per i lavoratori internazionali lungo una serie di parametri – come il rapporto lavoro / vita privata, prospettive di guadagno e sviluppo di carriera. Ha riscontrato che le nazioni selezionate nella regione Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA) hanno ottenuto il punteggio più alto.

Forti salari, culture di lavoro positive, sicurezza del lavoro e opportunità di realizzazione personale hanno permesso alla regione di saltare in avanti nella lista annuale della banca e ottenere i primi posti. Importanti destinazioni expat in Asia e Nord America – come Stati Uniti, Canada e Hong Kong – hanno anch’esse registrato guadagni quest’anno e sono apparsi tra i primi 10. Ma Singapore ha visto un calo quest’anno, mancando la top five per prendere il suo posto tra l’ultimo 10.

John Goddard, a capo di HSBC Expat, il ramo bancario offshore di HSBC Group, ha detto che la classifica potrebbe fornire ispirazione a coloro che cercano di aumentare le loro carriere con una mossa all’estero.

Ecco uno sguardo agli altri paesi preferiti dagli “expats” per il 2019:
Svizzera: buon ambiente professionale, buon equilibrio tra vita privata e lavoro e ottimi guadagni.
Emirati Arabi Uniti: a Dubai e Abu Dhabi la comunità degli expats ci va più che volentieri ormai da 4 anni, a giudicare dal sondaggio di HSBC. Quasi la totalità dei lavoratori stranieri riceve sussidi se accetta di andare in questa parte del mondo e quindi il guadagno è la migliore prospettiva per una scelta del genere.

Regno Unito: come faccia una nazione dichiaratamente euro-scettica a essere ancora favorita resta un mistero. Forse saranno i salari forti, ma è anche la cultura del lavoro migliore del mondo a rendere Londra e altre città appetibili.

Bahrain: invidiabili pacchetti di remunerazione e la posizione al top di altre classifiche simili hanno condizionato questo piazzamento. Il paese del golfo persicosicuramente sta attraversando un momento di forte sviluppo ma è anche al centro di controversie. Statistiche alla mano, alcuni dati lo danno come il luogo dove avvengono più suicidi tra i lavoratori stranieri. Ma evidentemente bisognerebbe fare un distinguo e approfondire con cifre certe che mancano.

Per la cronaca, l’Italia nella classifica compare, ma è dopo il 60esimo posto.



Fashion - 01/09/2016

Il design incontra la tecnologia. SARAGIUNTI, borse con Led e batteria per lo smartphone

SARAGIUNTI è un marchio di borse e accessori che trae ispirazione dal mondo della tecnologia e [...]

Leisure - 03/09/2017

Cibo e borgo fuori dal tempo, riscopriamo le colline di Parma

Parma, un'ora da Milano. Metà strada tra il mare e il Far West. Tra Adriatico e Tirreno, in mezzo, [...]

Fashion - 23/09/2016

Mariù De Sica, l’impressionismo nei riflessi metallici

Mariù De Sica mostra nella collezione primavera/estate 2017 del suo brand tutta l'eredità cultural [...]

Top