Magazine - Fine Living People

Istantanee del nostro tempo, il vero mood di Venezia 74

I film La Gatta Cenerentola, Sculpt e Happy Winter specchio dei tempi alla Mostra d'arte cinematografica del 2017.

Le Istantanee del nostro tempo sono il vero mood di Venezia 74. Alla mostra d’arte cinematografica colpiscono quest’anno soprattutto i film che parlano dei disagi e delle ossessioni dei nostri giorni. La ricerca ossessiva della bellezza e della ricchezza creano un senso di inadeguatezza generalizzato e di riscatto che il cinema ha agguantato e incorporato nella sua narrazione.

Giovanni Totaro, palermitano classe 1988, ha portato a Venezia 74 un film fuori concorso che è un vero e cruciale segno del tempo. I Wonder Pictures ha infatti presentato Happy Winter, l’opera prima scritta e diretta dal regista, ambientata sulla spiaggia di Mondello a Palermo, con uno sguardo quasi sociologico e leggero sulla crisi degli ultimi anni vista dalle famiglie che vi trascorrono la stagione estiva.

La narrazione è malinconica, come le cabine marittime che si smontano a fine stagione: le famiglie vivono nascondendosi dietro al ricordo di uno status sociale che non è più lo stesso, facendo finta che la crisi economica non esista e convinti che la cabina in riva al mare garantisca loro un posto in prima fila nella fiera della vanità estiva.

“Il possesso della cabina mare – si legge nelle note di regia – rappresenta un’illusione di benessere distante dalla vita di tutti i giorni che priva lentamente la classe media dei traguardi raggiunti. Happy Winter vuole restituire questo senso di comunità con le sue naturali contraddizioni, scaturite da una vacanza dai risvolti condominiali a tratti tribali, lontana dai clichés delle ferie a mare. In questo villaggio estivo metafora dell’Italia, le preoccupazioni economiche affrontate sotto l’ombrellone trovano risposta nella crisi culturale degli italiani”.
chopard

Da sinistra, Bruna Marquezine, Helen Mirren e Susan Sarandon.

Di tutto questo si parlava mentre Susan Sarandon, Helen Mirren e Bruna Marquezine hanno indossato Chopard alla prima di The Leisure Seeker (Ella & John) dei gioielli costosissimi e strabilianti. Segno che dopotutto il glamour a Venezia è sempre presente e immutato.
La Gatta Cenerentola, nei cinema dal 14 settembre.

La Gatta Cenerentola, nei cinema dal 14 settembre.

A parlare dell’oggi sono film, come quello d’animazione La Gatta Cenerentola, che anche con la fantasia ti riportano all’amara realtà. Ed è questa la grandezza di un’opera cinematografica. Che poi, nel caso del film di Alessandro Rak, sia anche la conferma di una nuova linfa creativa dei cineasti napoletani, è un tassello in più che salutiamo con favore. La trama del cartoon è di quanto più contemporaneo possa esserci: la Cenerentola in questione è ereditiera ignara di una nave nel porto di Napoli in preda al degrado. Il sogno del suo riscatto coincide con quello di un’intera città.
L'immagine del film Sculpt, in rappresentazione al Teatro Grassi.

L’immagine del film Sculpt, in rappresentazione al Teatrino di Palazzo Grassi.

La ricerca della bellezza è invece il perno attorno al quale ruota la prima opera cinematografica di Loris Gréaud (Eaubonne, 1979) Sculpt (2016) in una versione inedita, concepita appositamente per il pubblico del Teatrino. Sculpt ha un unico protagonista interpretato da Willem Dafoe ossessionato dai pensieri che lo spingono alla costante ricerca della bellezza. Il protagonista, del quale in realtà non si sa molto, abita un mondo distopico, allucinato, dominato da un colore rosso carminio nel quale si è sviluppato uno strano mercato internazionale che commercia nuove fantasie ed esperienze, tanto più ricercate, quanto più inarrivabili. Con un casting irripetibile, Sculpt riunisce artisti, attori, architetti e personalità eccezionali tra cui Michael Lonsdale, Pascal Greggory, Charlotte Rampling, Betty Catroux, The Voodoo Queen Miriam Chamani, Claude Parent o ancora Abel Ferrara, con la colonna sonora originale, curata dal gruppo The Residents.Il film è stato presentato per la prima volta il 16 agosto dello scorso anno presso il LACMA di Los Angeles, quale primo grande progetto espositivo di Loris Gréaud allestito in un’istituzione sulla costa occidentale degli Stati Uniti. In quell’occasione, l’opera è stata proiettata per un solo spettatore alla volta nell’ambito dell’esposizione dedicata al progetto e in seguito durante serate ‘clandestine’ organizzate in tutto il mondo (Parigi, Los Angeles, Roma, Berlino, Losanna, Berna…) e attraverso la DarkNet, dove prosegue la sua diffusione. Sculpt è un’opera in continuo mutamento di cui esistono molte edizioni, differenti per durata e montaggio, il catalogo dedicato (opera che fa parte integrante del progetto) ne propone una versione ‘potenziale’. In questo modo nessuno spettatore avrà mai l’occasione di conoscere il progetto nella sua interezza.

Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Fashion - 03/03/2017

Luxury Passion, Eles Italia glamour per le cosmopolite

Luxury Passion è l'ispirazione per la nuova collezione di Eles Italia, il brand sardo che è votato [...]

Leisure - 01/03/2017

Paolo Vallesi a The Way Magazine: “Enrico Ruggeri mi ha cambiato il look”

“Sì è vero – dice Paolo Vallesi incontrandoci a Milano per presentare il disco Un Filo Senza F [...]

Trends - 07/01/2017

Cioccolato e arte, da Brandon Olsen a Gay-Odin

Il trend del cioccolato d'arte e d'autore non accenna a smorzarsi. Inventiva, creatività e ribalta [...]

Top