Magazine - Fine Living People

La brand awareness sui lanyard: ecco i trend del momento

Dagli eventi di spettacolo o come porta badge sul posto di lavoro tutti hanno usato almeno una volta un lanyard, non semplici cordini ma veri e propri gadget commemorativi.

Chiunque è stato in un congresso o evento ha visto il lanyard quale gadget promozionale delle imprese durante le manifestazioni pubbliche o interne, usati per lo staff o per gli invitati.

Design semplice, lettering acattivante e colori memorabili possono essere degli espedienti fantasiosi per farsi ricordare su lanyard personalizzati. Ci sono alcuni caratteri davvero stravaganti disponibili per quanto riguarda la scrittura. Ecco i nostri suggerimenti, tenendo conto anche dei trend mondiali di questo settore.

Oltre allo staff presente nei convegni, si possono dotare i partecipanti dell’evento di lanyard personalizzati con porta badge incluso per distinguerli tra loro nel caso di accessi vip o privilegi speciali. Per questo, un oggetto come il lanyard viene usato anche per introdurre l’ospite a un gadget regalo per la sua presenza e può costituire esso stesso un regalo.

Essendo i lanyard laccetti che si portano al collo in occasione di congressi, fiere o altri eventi promozionali, il porta badge lanyard personalizzato è un oggetto imprescindibile da distribuire a impiegati o regalare durante le fiere ai clienti al fine di diffondere il logo e fare brand awareness immediata.

BASIC – Anche qui, come in tutta l’immagine coordinata, il design e una prospettiva raffinata vanno d’accordo con la semplicità, un testo leggibile e semplicità. Mai utilizzare mai più di un paio di caratteri diversi per il cordino. È possibile utilizzare caratteri tipografici diversi se si evidenzia meglio lo slogan o il logo dell’organizzazione.

Mentre il ruolo dei loghi è quello di aumentare il richiamo del marchio, il ruolo dei messaggi stampati è quello di fornire informazioni pertinenti sul marchio (slogan, indirizzo del sito Web) ma anche i numeri di contatto possono essere stampati sulla superficie del cordino.
Ci sono poi delle attività che necessitano di lanyard di resistenza con materiali metallici, qualità da privilegiare al posto della comunicazione di messaggi quando si parla di eventi all’aperto. I lanyard sono infatti anche usati in manifestazioni dove ci sono lavoratori che necessitano di essere identificati durante i lavori di montaggio o manutenzione.

DESIGN – Come clienti, dobbiamo assicurarci che il logo e il marchio stampati sulla superficie del cordino siano ben progettati per creare un aspetto più professionale per tutti, specialmente per i potenziali interlocutori. Da fruitori o invitati ai convegni, è piacevole ammirare la comunicazione coordinata dell’azienda che ci ha invitato e anche della faciltà con cui si individua il ruolo e l’appartenenza della persona che ci è davanti.

La prima cosa che di solito notiamo di un cordino è il suo colore, quindi dovrebbe sempre apparire attraente. Da evitare in linea di massima sono i colori sgargianti o neon perché le loro sfumature non sono appetibili ai nostri occhi.

Ogni disegno sbiadito può essere reso eccitante e leggibile con un po ‘di contrasto e magia. Il cordino è uno spazio limitato quindi “contrastare” le grafiche aiuta molto:  il testo è più chiaro con uno sfondo più scuro, la scritta diventa più nitida e visibile anche a distanza. La stampa traslucida poi, aiuta la riconoscibilità in condizione di scarsa illuminazione, come spesso avviene durante incontri “emozionali” o serate che prevedono spettacoli con luci basse.



Fashion - 09/10/2018

Sciurami, la capsule collection della milanese

Dal nome di un famoso blogger di lifestyle (che prende ispirazione dal dialetto milanese), Sciurami, [...]

Leisure - 12/07/2017

A Palazzo Grassi il reggae di Lee “Scratch” Perry

Il reggae entra nella storia dell'arte e la Biennale di Venezia accoglie la provocazione a braccia a [...]

Fashion - 27/02/2019

Bella Hadid e l’alleanza coi marchi italiani

Non ha ancora 23 anni ma Bella Hadid ha un seguito e una serie di ingaggi da capogiro. La modella di [...]

Top