22 Novembre 2022

La Milano da Bere è tornata e G Gin la celebra

Distillato botanico, prove d'assaggio, adattabilità al mood della notte. L'era dei cocktail inventivi favorisce la popolarità di bevande ricercate.

22 Novembre 2022

La Milano da Bere è tornata e G Gin la celebra

Distillato botanico, prove d'assaggio, adattabilità al mood della notte. L'era dei cocktail inventivi favorisce la popolarità di bevande ricercate.

22 Novembre 2022

La Milano da Bere è tornata e G Gin la celebra

Distillato botanico, prove d'assaggio, adattabilità al mood della notte. L'era dei cocktail inventivi favorisce la popolarità di bevande ricercate.

La Milano da Bere è tornata. Nonostante le temperature fredde la città meneghina pare ancora febbrile e vogliosa di godersi le serate, come quando il celebre claim fu coniato e in breve tempo divenne emblema della fine degli anni ‘80. Ma a quella leggera spensieratezza, priva di ogni responsabilità, è oggi accompagnata una diversa consapevolezza del mondo in cui viviamo: è anche la Milano del Bosco Verticale e delle ciclabili. Ed è proprio dal desiderio di dare un nuovo simbolo a questa città in continua evoluzione che nasce G GIN.

Creato da Juniperi Milano, questo distillato botanico si presenta vestito con un’elegante etichetta di un nero profondo e avvolgente, su cui spicca una “G” carica di significati nascosti che si rifanno all’art nouveau della Palazzina Liberty di Porta Venezia in centro a Milano, punto nevralgico della nightlife cittadina, tra i simboli architettonici della città. Ma dietro a quest’anima glamour si nasconde un cuore sincero, forgiato dall’unione di botaniche esclusive tipiche del territorio lombardo e dal sapere tecnico di una distilleria artigianale di gin tutta “Made in Italy”.

Il prodotto infatti è frutto della dedizione e dell’esperienza di tre generazioni di maestri distillatori che, dal 1969, seguono con rigore e passione il metodo “distillato botanico”: processo artigianale che prevede la distillazione dei soli estratti naturali, senza aggiunta di aromi per ottenere la quintessenza di ognuno e renderli un concerto nella loro somma. 

Tra le botaniche presenti, il sambuco e il tiglio che rappresentano in maniera egregia i sapori botanici tipici della regione, ma a rappresentare la doppia anima della città (che è al contempo la “capitale morale” d’Italia ma anche la metropoli del Bel Paese più proiettata verso l’Europa e il Mondo) spiccano spezie insolite e stimolanti al palato come le bacche di pepe di Sichuan e il coriandolo. A completare questo mix troviamo la dolcezza naturale della camomilla, la parte agrumata data dalla scorza mandarino e l’unicità del sapore amaro-tonico che sorprende palato e olfatto del Lichene Islandico.

La prova d’assaggio

Lo abbiamo provato in anteprima per voi e ci ha convinto da molti punti di vista: in primo luogo per il colore cristallino, neutro da imperfezioni, che però nasconde un gin molto strutturato, con una gradazione alcolica di 42% vol, rendendolo capace quindi di rimanere perfettamente riconoscibile anche in miscelazione.

Inserito in un Negroni, infatti, gli conferisce un bel corpo senza scomparire sotto le note di Bitter e Vermouth. Ma se in un cocktail così complesso riesce a risultare così “maschio” è altrettanto bilanciato e delicato in un Martini Cocktail: dove molti Gin risultano aggressivi, qui a prevalere è solo il profumo e il gusto.

Ma ovviamente per giudicare al meglio un nuovo Gin non c’à niente di meglio che berlo in un Gin Tonic:  abbiamo deciso di assaggiarlo con una tonica neutra per non farci influenzare da nessun tipo di altro sapore, con una bolla piccola e persistente. Il risultato è perfetto, tutte le botaniche vengono portate su dalla CO2 e esplodono al naso in una sensazione da profumeria, mentre al palato risulta equilibrato, con il ginepro come nota di testa, la parte botanica e agrumata come note di cuore, e a chiudere come note di coda quelle più complesse delle spezie.

Insomma, siamo davanti a un prodotto pensato per la notte, per la vera Milano da Bere (e non solo) per essere sensuale, glamour da assaporare soli o in (dolce) compagnia, ma al contempo capace di un tocco di ironia e di un’anima complessa: un po’ come Milano.

Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

Helga Corrao, artista di fede

Si è svolta a Messina il 29 e 30 luglio, con grande successo e affluenza di pubblico, la quarta edizione del “Premio Messina Cinema 2022”, la cui anima

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?