Magazine - Fine Living People

Le app per il lavoro a distanza e l’headhunting: siamo in una nuova era

Una lavagna in video-conferenza, Zoom, HangOuts e tanti altri programmi per connettersi a distanza. E l'esperienza di William Griffini, headhunter da remoto con grandi risultati.

Non tutti i mali vengono per nuocere. Dal punto di vista aziendale, l’incredibile e inedita emergenza che stiamo vivendo in queste settimane, ha scatenato un’accelerazione dell’innovazione per la connessione che non si vedeva da tempo. Abbiamo passato in rassegna le più moderne strumentazioni di lavoro, con una bella case history della società di headhunting Carter & Benson che da Milano sta illuminando la strada del rectuitment on line.

APPChe sia per giovani startup o per aziende più strutturate, Trello è sicuramente una delle piattaforme più utili per coordinare il lavoro all’interno di un team, gestire progetti comuni e tenere sotto controllo le attività da completare attraverso bacheche condivise o private. Trello offre la possibilità di condividere files ed immagini e avere una chiara panoramica delle “To-Do-Lists” così da poter prioritizzare il lavoro e calendarizzare i compiti. Quando bisogna lavorare insieme su un unico documento, Google Drive è sicuramente la soluzione migliore: con questo tool è possibile infatti caricare, creare e modificare files ed invitare i colleghi a correggere o commentare il lavoro svolto, aggiornato e salvato automaticamente nel cloud. Tra le altre cose, Google Drive è un ottimo strumento di storage.

Google Hangouts è un valido alleato nell’organizzare i meetings tra i collaboratori, soprattutto se sincronizzato con Google Calendar: in questo modo è possibile pianificare videoconferenze semplicemente mandando un invito alle persone desiderate, le quali riceveranno automaticamente un link per partecipare alla videocall con un solo click. Con Slack invece è possibile scambiare messaggi, fare videochiamate di gruppo, gestire conversazioni con più utenti e condividere files all’interno di un team. Questo tool può inoltre essere connesso a Trello, Google Drive e Dropbox e permette di inserire dei reminder per non dimenticare alcuna deadline.

Per i team numerosi o per le comunicazioni con l’intera azienda, Zoom è senza ombra di dubbio uno strumento molto efficace. Con questo tool è possibile effettuare meeting con numerosi partecipanti, che vengono catapultati in una conference room virtuale e si vedono a vicenda in riquadri più piccoli. Zoom è utilissimo perché permette di mostrare sullo schermo presentazioni, schede e progetti agli utenti collegati alla videoconferenza. Per organizzare un evento con molti partecipanti esterni, invece, la app Sli.do consente di svolgere meeting in cui gli organizzatori possono coinvolgere i partecipanti con sondaggi live e rispondere alle domande in diretta. I partecipanti possono unirsi da qualsiasi dispositivo inserendo un codice fornito dagli organizzatori nella homepage.

Per avviare applicazioni o aprire documenti contemporaneamente in modalità a schermo diviso, ci si può affidare a Magnet per Mac o Shutter Split Screen per Windows. Problemi tecnici al computer? Non siete mai soli! Installando TeamViewer è possibile condividere la schermata del pc con il tecnico aziendale che potrà aiutare a risolvere ogni problema da remoto. Quando, con tutte le finestre e tabs aperte, diventa difficile trovare il file su cui si stava lavorando, il consiglio è quello di creare desktop virtuali per raggruppare diversi compiti e trovare così le pagine più velocemente.  

Queste app sono suggerite da PiratinViaggio.it, un servizio di HolidayPirates Group, una delle compagnie di viaggio in maggiore crescita in Europa.

LA LAVAGNA IN VIDEO-CONFERENZA – Presentata alla recente edizione di ISE 2020 (foto d’apertura di servizio), Samsung Flip 2 è l’evoluzione della lavagna digitale, intuitiva e facile da usare, dotata di un’applicazione versatile in ambito aziendale, educativo, creativo, retail e non solo, che offre funzionalità avanzate di collaborazione in una semplice interfaccia utente. Il display aggiornato mantiene tutte le caratteristiche del modello originale, con un design rinnovato e nuove funzionalità per facilitare la condivisione e il pensiero creativo.

Per favorire la migliore collaborazione tra utenti in luoghi diversi, Samsung ha stretto una partnership con Cisco combinando l’innovativa soluzione Cisco Webex Teams e Cisco Webex Roomkit Mini con la tecnologia smart signage di Samsung. L’offerta Webex on Flip presenta una suite completa di funzionalità che risponde alle esigenze dell’odierno e frenetico mondo degli affari. Una partnership con grandi ambizioni che mira a sviluppare soluzioni tecnologiche per ogni tipo di spazio e stile di lavoro.

“Spesso la logistica rende più complicate le riunioni rischiando di ostacolare la collaborazione e la creatività dei partecipanti, determinando la perdita di idee e contributi che potrebbero rivelarsi importanti”, ha dichiarato Martino Mombrini, direttore Marketing divisione IT di Samsung Electronics Italia. “I professionisti di oggi non possono permettersi di perdere tempo prezioso scontrandosi con tecnologie complicate, servono soluzioni più potenti e flessibili e Webex on Flip offre infinite possibilità per migliorare la collaborazione. Siamo molto soddisfatti di questa partnership, che si traduce in una soluzione innovativa dotata di una tecnologia che ci permette di aiutare le aziende a lavorare meglio, più velocemente e in modo più smart”.

Webex on Flip, con un’intuitiva user experience, permette con pochi semplici tocchi di passare senza sforzo dalla modalità lavagna alla condivisione dello schermo, per visualizzare ad esempio una presentazione, fino alla funzione di videoconferenza. Progettato appositamente per la collaborazione da remoto, Cisco Webex Teams consente di interagire attraverso la piattaforma da qualunque luogo e operare con la lavagna simultaneamente sui rispettivi display. Webex on Flip consente annotazioni e modifche in tempo reale e bidirezionale, consentendo a coloro che partecipano a meeting e riunioni in diverse località di condividere lo stesso schermo ed effettuare modifiche. Gli utenti possono infatti modificare, co-creare grazie agli strumenti di editing e annotazione, cancellare o aggiungere contenuti allo stesso tempo, rendendo le riunioni più efficienti e collaborative.

Cisco Webex Room Kit Mini fornisce importanti funzionalità di video e audio-conferenza per un’esperienza di riunione intelligente e senza frizioni. Le capacità di comunicazione basate sull’intelligenza artificiale facilitano la comunicazione grazie al sistema di regia automatica, che garantisce sempre la migliore inquadratura possibile, mentre la soppressione del rumore di fondo assicura un’esperienza di videoconferenza fluida e senza disturbi e ritardi.

Cisco Webex permette agli utenti di utilizzare il proprio laptop o il proprio smartphone con una connessione wireless per una semplice condivisione dei contenuti. Ciò garantisce un funzionamento intuitivo ed efficace senza la necessità di hardware aggiuntivo escludendo così eventuali problematiche tecniche.

HEADHUNTERS DA CASA – Cambiano i paradigmi nel mondo del lavoro ai tempi del Coronavirus. Un’analisi di William Griffini, CEO di Carter & Benson, società di consulenza e headhunting sui limiti e le opportunità del lavoro agile e la testimonianza delle esperienze di due grandi aziende, Radisson Hotel Group e American Express.

Questa crisi epocale ha imposto anche nel mondo HR un’accelerazione verso un diverso modo di concepire il lavoro e di interagire tra le persone nei diversi ruoli all’interno delle imprese.
Nella quotidianità di Carter & Benson la digitalizzazione e lo smart working sono gli elementi che ne hanno segnato l’evoluzione in questi ultimi anni, nonostante il lavoro di headhunter e quello di consulenza prevedano necessariamente una forte componente relazionale.

William Griffini, CEO di Carter & Benson, afferma “Anche nella nostra attività registriamo nuove modalità operative. Non solo l’affinazione dei mandati avviene on line e, a dir la verità questo lo abbiamo già più volte sperimentato, ma la vera rivoluzione è che stanno partendo attività di induction -ovvero l’accompagnamento all’inserimento della persona neo assunta all’interno dell’organico dell’azienda nostra cliente- in remoto. Stiamo parlando di posizioni di executive manager e quindi di persone con grandi responsabilità e alti livelli di stipendio. Le aziende non si fermano, continuano ad assumere ma in modo diverso. Le persone non vanno fisicamente al lavoro, ma lavorano in remoto, con tutte le difficoltà del caso, banalmente la gestione della propria giornata da manager tra le mura domestiche e l’equilibrio con la propria famiglia.” E continua “Questa situazione ha imposto nuove regole. Solo un mese fa era impensabile credere che un primo giorno di lavoro potesse essere svolto da casa e che la formazione del ruolo avvenisse via Webex…mancano le strette di mano, la relazione one to one e tutti quegli aspetti che normalmente fanno percepire il clima aziendale, tutto un po’ strano e lasciatemelo dire anche un po’triste.”

Questo scenario di crisi sta cambiando sostanzialmente la fruizione dei servizi in ambito HR, ma per primo, William Griffini si augura non sia per sempre “”Oggi ci troviamo a passare documenti, reportistica e informazioni sulle persone del team che il manager dovrà coordinare, tutto in modo rigorosamente dematerializzato. La formazione relativamente al ruolo e la presentazione del gruppo di lavoro avvengono in maniera non fisica. È uno schema nuovo al quale nessuno è abituato. Una problematica sociologica ma non operativa. Una situazione che mostra che non esistono limiti perché la tecnologia è pronta a supportare queste attività in modo molto efficiente. La difficoltà sta nel sapersi adattare ed essere aperti al nuovo, ma su questo tema noi di Carter & Benson siamo allenati ed estremamente reattivi. Tuttavia credo fortemente che l’elemento umano vinca su tutto, che non siamo fatti per questo isolamento digitale e mi auguro che con il ritorno alla normalità anche il lavoro possa essere meno a misura di software e più a misura d’uomo e ci si possa riappropriare di sane e necessarie relazioni umane.”

In questa foto, William Griffini, CEO di Carter & Benson, incontra la moda per beneficenza partecipando alla campagna OVS e scegliendo di devolvere l’intero compenso a La Fanciullezza, la Onlus che dal 1898 si prefigge lo scopo di offrire accoglienza ai minori abbandonati o provenienti da famiglie in difficoltà.

All’attivo di Carter & Benson, da quando è cominciata l’emergenza, già due aziende per le quali l’attività di induction è stata svolta in “remoto”, si tratta di Radisson Hotel Group e di American Express. Cosa significhi questa nuova modalità di inserimento, cosa implica dal punto di vista relazionale è spiegato dai diretti interessati: Camilla Maggiori, Global Vice President Talent Management & Internal Communication di Radisson Hotel Group Rosa Santamaria Maurizio, Vice President Colleague Market Partner Italy, Spain, Nordics, Benelux and Turkey di American Express.

Nel 2019 William Griffini, CEO di Carter & Benson, è stato insignito dell’importante riconoscimento “Le Grandi Guglie della Grande Milano”, consegnato direttamente da Daniela Mainini, presidente del Centro Studi Grande Milano.

Un premio riservato a quelle personalità che si distinguono per gli sforzi profusi nella valorizzazione del tessuto economico, culturale e sociale dell’area metropolitana. Il grande valore simbolico e creativo del riconoscimento vuole rappresentare una Milano laboriosa, innovativa, attenta alle dinamiche economiche e tecnologiche d’avanguardia, alle relazioni sociali e alla produzione intellettuale. Il premio, una sintesi dei valori della città, viene assegnato periodicamente dal Centro Studi Grande Milano a quelle personalità che fanno più grande Milano nel mondo.



Leisure - 21/09/2020

Musica contemporanea, le stelle del piano del 2020

Il 2020 è l'anno delle stelle del piano. Vediamo quante e quali sono, tra conferme e novità. E [...]

Fashion - 12/03/2020

Islablusa, scarpe per viaggiatori moderni

Per instancabili viaggiatori, per chi vuole viaggiare leggero riuscendo a incastrare alla perfezione [...]

Leisure - 31/08/2020

“Ipercorpo”, festival a Forlì in due tranche

La XVII edizione di Ipercorpo :: Tempo Reale – Festival internazionale delle arti dal vivo si svo [...]

Top