Magazine - Fine Living People

L’Italia aumenta in reputazione grazie a cibo e vino

La scoperta del territorio passa anche attraverso l’enogastronomia. La reputation dei brand, luoghi e personaggi più riconosciuti.

L’enogastronomia italiana è da sempre sinonimo di alta qualità. Nel nostro paese, questo settore pesa per il 25% sul PIL, con 44,6 miliardi di euro di prodotti esportati in tutto il mondo solo nel 2019. Per rendere del buon cibo un esempio di eccellenza, dando lustro al marchio made in Italy e contribuendo alla crescita della reputazione dell’intero sistema paese, sono necessarie strategie mirate, puntando su qualità e innovazione.

Sul numero 22 di Reputation Review, l’unica rivista italiana che studia in modo scientifico la reputazione e il suo valore, si approfondiscono i temi legati alla reputazione del settore grazie ai consigli e alle riflessioni di Oscar Farinetti, Bruno Barbieri e Cosimo Rummo. Il numero, attualmente in edicola, è già oggi il più venduto di sempre della rivista.

Sinonimo di mangiare italiano e di qualità, sempre con un pizzico di sperimentazione, Eataly è tra i 25 marchi più innovativi al mondo nella classifica di Forbes. Il suo fondatore, Oscar Farinetti, ha dimostrato di saper guardare al futuro. Fu il primo, infatti, a sperimentare una formula commerciale che unisse insieme il mercato, la ristorazione e la didattica, integrando in modo armonico le tre fasi della nutrizione. 

Un’altra eccellenza del panorama gastronomico italiano è rappresentata da Cosimo Rummo, Presidente e AD dell’omonimo Pastificio, che dal 1846 coniuga qualità e innovazione. Secondo Rummo, il segreto del successo sta nel continuare ad essere scatenati e appassionati. Bisogna amare il proprio lavoro e avere l’entusiasmo di realizzare un prodotto straordinario. Per Cosimo Rummo fare l’imprenditore con amore è una sorta di missione, ma ritiene che ci sarebbe bisogno di soluzioni rapide e di un maggior snellimento della burocrazia.

Un entusiasmo condiviso anche da Bruno Barbieri, lo chef che vanta ben 7 stelle Michelin, noto al grande pubblico per la sua partecipazione a MasterChef e 4 Hotel. Bruno Barbieri è uno dei testimonial più celebri di due grandi eccellenze del made in Italy, il cibo e l’hotellerie. Barbieri pone l’accento sull’importanza di ricostruire la buona reputazione del settore, dopo l’accusa ai vari locali di essere poco sicuri. L’unica strada è quella di ripartire con coraggio ed entusiasmo, aspettando con fiducia tempi migliori, dandosi una mano reciprocamente.

Farinetti, Barbieri e Rummo sono tre esempi diversi di ‘reputazione del CEO’ riversata sul brand. – Spiega Davide Ippolito, curatore di Reputation Review e autore del libro Reputazione capitale del terzo millennioSono come il mago Houdini, il mago più famoso di tutti i tempi. Houdini divenne famoso per il suo numero di escapologia, liberandosi da una camicia di forza a 50 metri di altezza. Tutti i maghi all’epoca sapevano fare quel trucco, alcuni dicevano anche che fatto così fosse più facile, ma di loro non ricordiamo il nome e Houdini ancora oggi è ricordato come il mago più bravo del mondo. Houdini già allora aveva capito l’importanza della percezione nella costruzione di una reputazione.”

Un brand diventa quanto più efficace quanto riesce ad avere al suo interno una persona che ci mette la faccia, una persona disposta a diventare la star del proprio settore e restare focalizzato sul messaggio del suo Brand. Quello che da anni fa parte della filosofia del Metodo Zwan” conclude Joe Casini cofondatore di Zwan.

In apertura: enogastronomia a Cortina d’Ampezzo. A 1.778 m di quota sulla Tofana di Mezzo, Col Druscié è punto di riferimento per la cucina ad alta quota dedicato agli amanti della montagna e non solo. Raggiungibile con la moderna cabinovia Tofana-Freccia nel Cielo dal centro di Cortina, ospita anche il Masi Wine Bar “Al Druscié”: un mix di tradizione e contemporaneità che contraddistingue l’architettura e l’offerta gastronomica. Piatto suggerito dallo chef Luca Ursella: Petto e coscia di piccione con salsa di bietole, ciliegie, crumble al cacao amaro e puccia croccante in abbinamento al vino Montepiazzo Serego Alighieri 2015 Valpolicella Classico Superiore.



Leisure - 23/05/2016

Vhelade: “La moda è stata un gioco. Ora ascoltate la mia musica cosmopolita”

Vhelade è stata per 10 anni la stella dei programmi notturni di Chiambretti. Vissuta in una famigli [...]

Leisure - 02/12/2019

Con gli ex voto si fa arte pensando al divino

“EX VOTO / per arte ricevuta” al museo Marino Marini di Firenze vede 200 artisti invitati a prod [...]

Society - 25/06/2019

“Kiss my genders”, a Londra la mostra sull’identità di genere

"Kiss My Genders" nel titolo rimanda all'irriverente "kiss my ass" che in gergo inglese vuol dire "n [...]

Top