4 Maggio 2023

Lombardia, comparto alimentare in netta ripresa

In Valtellina il settore Food&Beverage cresce 8 volte più velocemente che nel resto d’Italia.

4 Maggio 2023

Lombardia, comparto alimentare in netta ripresa

In Valtellina il settore Food&Beverage cresce 8 volte più velocemente che nel resto d’Italia.

4 Maggio 2023

Lombardia, comparto alimentare in netta ripresa

In Valtellina il settore Food&Beverage cresce 8 volte più velocemente che nel resto d’Italia.

La Lombardia è la prima regione italiana per valore generato dalla filiera agroalimentare con quasi 40 miliardi di euro di fatturato (39,8) e quasi 10 di esportazioni (9,6 mld), il 16% del totale nazionale. Questi dati sono emersi durante la presentazione del 7° forum “La Roadmap del futuro per il Food&Beverage: quali evoluzioni e quali sfide per i prossimi anni” organizzato a Bormio il prossimo 9 e 10 giugno da The European House – Ambrosetti.

Il primato dei ristoranti stellati in regione è solo la faccia più evidente e alla ribalta di un fenomeno molto vasto e radicato. La Lombardia è la regione con più stelle d’Italia e ospita sessanta ristoranti stellati (come vi avevamo raccontato qui) e dietro a questo record c’è una sterminata attività di produzione e trasformazione di alimenti. Basti pensare alla DOP economy, il comparto relativo solamente ai prodotti di origine protetta: in Lombardia si contano 75 prodotti DOP, IGP e il settore nel suo complesso genera un impatto economico pari a 2,18 miliardi di euro nel 2021 (+7,2% sul 2020) grazie al lavoro di 8.914 operatori.

Il presidente della regione, Attilio Fontana, lo ha espresso senza mezzi termini: “Ci sono tanti segmenti nel mercato mondiale che ancora devono scoprire il made in Italy dell’agro-alimentare e quindi si prevede ancora aumento delle nostre esportazioni”.

Nell’ambito dell’Ambrosetti Club di The European House – Ambrosetti, piattaforma di cui oggi fanno parte più di 400 CEO di aziende italiane e di multinazionali operanti in Italia, è stata attivata sei anni fa la Community Food&Beverage, con l’obiettivo di approfondire e mettere a fattor comune i temi e le esperienze più rilevanti per le aziende della filiera agroalimentare.

In un momento in cui l’Italian sounding (il fenomeno di imitazioni di bassa lega degli alimenti italiani all’estero) e l’introduzione dei cibi sintetici non proteggono la prosperità dei nostri prodotti, è un bel segnale quello emerso alla presentazione dell’evento finale della Community Food&Beverage. Un settore che comprende tutte le aziende che producono e distribuiscono generi alimentari di cui fanno parte 39 tra aziende e istituzioni di livello nazionale e internzazione e  che vedrà quest’anno la partecipazione del Ministro dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida.

“Viviamo da ormai tre anni – ha commentato Valerio De Molli – Managing Partner & CEO, The European House – Ambrosettiin una condizione di crisi permanente dettata dall’emergenza Covid, dalle tensioni internazionali e dal cambiamento climatico. Un contesto in cui la filiera agroalimentare deve essere tutelata per mantenersi strategica così come il Food&Beverage  che è naturalmente collegato ad essa: il settore rappresenta oggi 27 miliardi di valore aggiunto, quasi 160 miliardi di fatturato annuo e circa 490 mila occupati. Il 9 e 10 giugno a Bormio – ha aggiunto De Molli – si discuteranno strategie e visione per il futuro del comparto con i CEO delle più importanti aziende italiane e internazionali”.

Zefferino Monini, primo da sinistra, ha annunciato che Monini ha piantato già circa 700mila ulivi in Italia all’interno del progetto “Bosco Monini” che punta ad aumentare la capacità produttiva dell’olio italiano, al momento al terzo posto in Europa. Secondo da sinistra, Massimo Monti -Amministratore Delegato, Alce Nero, azienda che da anni produce biologico made in Italy. Al centro, Attilio Fontana, presidente Regione Lombardia. Non ci sono solo buone notizie. Secondo Fabrizio Gavelli – presidente e Amministratore Delegato, Danone (accanto al presidente Lombardia, in foto), l’Italia è il secondo paese, dopo gli USA, con la più alta percentuale di bimbi obesi al mondo (penultimo da sinistra in foto). Massimo Sertori – Assessore Enti Locali, Montagna e Piccoli Comuni, Regione Lombardia, ha parlato del vasto patrimonio alimentare e culturale distribuito nei distretti lombardi. La Bresaola Valtellinese, da sola, conta per l’83% del fatturato dell’alimentare tipico della provincia di Sondrio. Lo ha detto Mario Moro, presidente del Consorzio di Tutela Bresaola della Valtellina e Consigliere Bresaole Del Zoppo, ultimo sulla destra.

LA LOMBARDIA DELL’AGROALIMENTARE CRESCE A DOPPIA CIFRA. Lombardia è oggi sinonimo di produzioni di qualità – è la 3° regione italiana per prodotti certificati pari ad un valore di 2,2 miliardi di euro (+7,2% sul 2020) – ma anche di valorizzazione dei propri prodotti: 9,6 miliardi di export in crescita del 71% rispetto al 2015. Oggi sono 162.000 gli occupati nella filiera, oltre il 25% in più rispetto al 2015. Secono i dati elaborati da The European House – Ambrosetti il fatturato dell’intera filiera agroalimentare è cresciuto dell’11% rispetto al 2015 e si avvicina ormai ai 40 miliardi di euro.

LOCOMOTIVA VALTELLINA: SETTORE CRESCE 8 VOLTE PIU’ DI MEDIA ITALIA. La Community Food&Beverage di The European House – Ambrosetti ha scelto Bormio e la Valtellina per il suo 7° forum del settore, territorio che solo nel 2022 ha generato un valore di 277 milioni di euro di produzioni agroalimentari certificate. Sondrio, 19° provincia in Italia per impatto economico della filiera è anche la 15° per qualità della vita, un connubio di eccellenza creato attraverso l’impresa (sono 2.345 quelle attive sul territorio, di cui 195 nel food&beverage), l’occupazione (oltre 5.700 addetti nel settore), l’export (più di 151 milioni di euro) e la cultura con oltre 42 prodotti agroalimentari tradizionali (1° provincia in Lombardia). Solo da questa provincia provengono il 90% delle mele prodotte in Lombardia, l’80% della produzione nazionale di bresaola e con 850 ettari di vigne e 2.500 Km di muretti a secco, la Valtellina è il più grande vigneto terrazzato d’Italia nonchè icona della viticoltura “eroica”.

Il 9 e 10 giugno a Bormio, durante i lavori del Forum, – ha sottolineato Valerio De Molli – verranno presentate due ricerche realizzate ad hoc: la prima è un’analisi puntuale e aggiornata del fenomeno dell’Italian Sounding, del giro d’affari legato ai prodotti che emulano il “Made In Italy” e del loro impatto sulle esportazioni italiane, mentre la seconda – «(R)evoluzione Sostenibile della filiera agroalimentare» – approfondisce il rapporto dei consumatori con i consumi sostenibili e salutari”.

LA FILIERA AGROALIMETARE VALE IL 16,4% DEL PIL ITALIANO. Come emerso dall’analisi di The European House – Ambrosetti l’intera filiera agroalimentare italiana sostiene circa 30 macro-filiere per un valore aggiunto complessivo pari a circa il 16,4% del PIL. Un contributo fondamentale è arrivato dalla crescita delle esportazioni al livello record di 58,8 miliardi di euro nel 2022, un valore che sfonda la barriera dei 60 miliardi di euro se si considera anche il tabacco. Tuttavia, la performance della filiera italiana è ancora inferiore a quella dei principali competitor europei: l’Italia è solo 5° in Europa per valore del proprio export. C’è un potenziale ancora da esprimere frenato dall’elevata frammentazione della filiera composta per lo più da piccole imprese e da fenomeni quali l’Italian Sounding.

Read in:

Picture of Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

La Roma Couture a Palazzo Ripetta

L’Alta Moda Capitolina torna in passerella con il progetto “Roma Couture” un’iniziativa ideata da Grazia Marino e Antonio Falanga, andata

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”