Magazine - Fine Living People

L’uomo alla moda 2019? Sartorie e influenze anni 90

Rilevazioni Lyst: uno sguardo ai marchi più amati degli ultimi 12 mesi e alle previsioni per lo shopping maschile del nuovo anno.

Men Trends 2018-2019, il report che analizza i brand e i prodotti più cercati e acquistati online dagli uomini negli ultimi 12 mesi e le previsioni per lo shopping maschile del nuovo anno, è realizzato da Lyst. Lyst, fondato a Londra nel 2010 da Chris Morton e Sebastjan Trepca, è il motore di ricerca online leader nel mondo della moda che aiuta gli utenti a trovare in modo semplice e veloce prodotti fashion che rispondano perfettamente ai loro gusti. Tra i principali investitori figura il gruppo francese del lusso LVMH.

L’indagine di Lyst individua interessanti evidenze su diversi fronti, e ciò che emerge è che il ritorno alla sartorialità, il revival anni 90 e la ricerca del comfort saranno le principali direttrici degli acquisti nel 2019.

Quali sono stati i brand must-have per lui nel 2018? Quali sono i trend che caratterizzeranno la moda uomo nell’anno appena iniziato? Le analisi che vi riportiamo derivano dal comportamento online degli oltre 5 milioni di utenti che ogni mese cercano accessori e capi di abbigliamento sugli oltre 12.000 e-store aggregati.

 

Incrociando le ricerche di prodotti di moda uomo effettuate a livello globale sulla piattaforma e su Google nel periodo gennaio-dicembre 2018 con i dati relativi alle conversioni traffico/vendite e agli acquisti, Lyst ha individuato i brand più popolari e i trend che nel 2019 guideranno lo shopping maschile.

 

I brand più amati da lui: Gucci al primo posto; lo streetwear è su misura, il casual sempre più esclusivo

Guardando alla classifica dei marchi di moda uomo più cercati nel 2018, appare evidente da un lato come il Made in Italy continui a dettare legge in fatto di stile, dall’altro come lo streetwear – tendenza che da diverse stagioni domina lo shopping maschile – riesca a rimanere sulla cresta dell’onda grazie ai brand high-end, che ne reinterpretano i capi chiave con un twist “sartoriale”.

Se, infatti, l’italiana Gucci spicca in prima posizione, il resto della top 10 testimonia la predilezione per l’abbigliamento street di lusso. Perfetta incarnazione di questo trend soprattutto Balenciaga – in quarta posizione – le cui Triple S e Speed si aggiudicano rispettivamente la vetta e il quinto posto nella classifica delle sneaker maschili più popolari nel 2018. Il trend del luxury streetwear trova conferma anche nei dati relativi alla spesa media per le sneaker maschili, che nel 2018 è più che raddoppiata (+110%): dai 104,89 euro dello scorso anno si è arrivati agli attuali 221,30 euro.

In linea generale, considerando tutte le categorie di prodotti moda, la spesa media dell’utente maschile a livello globale è stata di 226,43 euro.

Le tendenze del 2019: dall’operazione revival alla ricerca di comfort, passando per il ritorno del sartoriale   

Lyst ha inoltre identificato i trend maschili che negli ultimi mesi hanno acquistato sempre maggiore popolarità e che nel 2019 continueranno a influenzare le ricerche e gli acquisti online di capi e accessori per lui. Dai dati di Lyst emerge che lo shopping maschile si sta muovendo da un lato verso l’eleganza sartoriale, a cui si accosta la ricerca di comodità imposta da uno stile di vita sempre più attivo, dall’altro verso il revival anni 90.

 

Tempo di grandi ritorni per gli abiti sartoriali: +33% nelle ricerche

A dettare legge nel 2019 sarà la fusione tra high e street fashion. Sempre più frequentemente lo streetwear sta prendendo in prestito dalla sartoria i suoi pezzi più iconici: i capi sartoriali verranno abbinati ad articoli più sportivi, come felpe e t-shirt. Nella seconda metà del 2018 le ricerche di abiti sartoriali hanno registrato un +33% anno su anno. A crescere è soprattutto il dato che riguarda gli abiti dai colori chiari o pastello (+11%), oltre a quello relativo al gessato (+9% rispetto al 2017). Lo stile italiano ancora una volta si conferma un punto di riferimento quando si tratta di capi eleganti: rispettivamente al primo e al quarto posto della classifica dei brand più desiderati nella categoria “Abiti Uomo” spiccano la sartorialità di Kiton e di Canali. Non mancano, poi, icone italiane del calibro di Gucci, Dolce&Gabbana, Giorgio Armani e Versace.

Techwear: la moda outdoor in continua crescita

Dall’analisi di Lyst emerge come il mix tra comodità e performance stia plasmando le abitudini di acquisto al maschile: l’attenzione per l’outdoor e, in particolare, per il “Gorpcore” rappresenterà uno dei principali trend del 2019.

Le ricerche di scarpe da trekking per lui, ad esempio, negli ultimi mesi hanno registrato un consistente aumento (+28% su base annua): Sorel, Moncler, Gucci e Red Wing sono i brand più popolari in questo momento. Anche la classica tuta da uomo ha vissuto recentemente un momento di grande popolarità: nel 2018 oltre 100.000 le ricerche globali in questa categoria di prodotto, che vede Nike, Kappa e Adidas Originals tra i marchi più apprezzati.

Per lo shopping che strizza l’occhio a uno stile di vita attivo gli utenti maschili aprono volentieri il portafogli: ad esempio, la spesa media per le giacche a vento da uomo nel 2018 è aumentata del 20% su base annua. Lo scorso anno i capi leggeri di marchi di abbigliamento tecnico come Arc’teryx e Columbia sono stati i prodotti più popolari nella categoria, accanto ai pezzi firmati da Balenciaga e Vetements, scelti per proteggersi dalla pioggia e dal vento senza rinunciare allo stile.

Il nero si conferma il colore passepartout in termini di abbigliamento sportivo maschile: nel 2018 i capi activewear neri, infatti, sono stati tre volte più cercati rispetto ai prodotti della stessa categoria di qualsiasi altra tonalità. Tra le fantasie, invece, trionfa il pattern mimetico: le ricerche contenenti parole chiave come “camouflage” sono cresciute, infatti, del 38% su base annua e promettono di continuare ad aumentare nel corso del 2019.

Ritorno al passato: revival che cresce a doppia cifra

Il 2018 è stato l’anno del “back to the 90s” e nel 2019 continuerà l’operazione “nostalgia”. Negli ultimi mesi i capi iconici degli anni ‘90 sono tornati in auge. Le sciarpe da stadio sono state ufficialmente sdoganate anche lontano dai campi da calcio: merito anche delle proposte coloratissime di Versace e dei modelli dedicati ai più celebri bar milanesi lanciati da MSGM. Lyst ha rilevato che alla fine del 2018 le ricerche globali contenenti parole chiave come “sciarpa da calcio” o “foulard da calcio” sono cresciute del 13% e non accennano ad arrestarsi.

Nel 2018 l’operazione revival” ha iniziato a diventare sistematica: basti pensare che le ricerche di capi in pile – tra i protagonisti della moda del secolo scorso – sono aumentate del 64% su base annua: in questo caso i più ricercati sono stati quelli di Patagonia, The North Face, Fila X Liam Hodges. Incrementi da capogiro anche per un altro articolo insospettabile: le ricerche di marsupi – vere e proprie icone degli anni Novanta, recentemente rivisitati sia da brand di lusso che sportivi, compresi Gucci, Nike e Off-White – hanno registrato un’impennata del 1000% nel corso nell’anno passato e il loro momento di gloria sembra destinato a durare.



Leisure - 16/11/2017

TheArtChapter, quando il libro si fa arte

Avete mai pensato ai libri come forma d'arte? A Milano arriva TheArtChapter, la prima mostra-mercato [...]

Fashion - 23/01/2019

Il sartorial-punk si può: lo fa L.B.M.1911 con Efisio Marras

La tradizione incontra il contemporaneo per dar vita ad un progetto capace di coniugare stile e crea [...]

Fashion - 07/08/2019

Costumi estate 2019, colore e natura a volontà

BARTS - La novità più interessante della collezione estiva 2019 di Barts, il brand di abbigliament [...]

Top