23 Gennaio 2023

Pasqua: il packaging tra innovazione e tradizione

Materiale sostenibile, le uova che richiamano la tradizione e i metodi per essere al passo coi tempi nella commercializzazione attuale.

23 Gennaio 2023

Pasqua: il packaging tra innovazione e tradizione

Materiale sostenibile, le uova che richiamano la tradizione e i metodi per essere al passo coi tempi nella commercializzazione attuale.

23 Gennaio 2023

Pasqua: il packaging tra innovazione e tradizione

Materiale sostenibile, le uova che richiamano la tradizione e i metodi per essere al passo coi tempi nella commercializzazione attuale.

In varie parti del mondo le feste tradizionali, correlate alla religione e non, seguono dei riti ben precisi, che difficilmente variano con il passare degli anni. In Italia le festività più classiche e tradizionali sono Natale e Pasqua, entrambe di origine prettamente religiosa, ma ormai seguite da chiunque, per motivazioni non strettamente correlate alla religione cattolica. I simboli della Pasqua, dal punto di vista commerciale, richiamano la primavera e il packaging ne fa abbondante uso: si ritrovano anche su sacchetti, carta colorata e confezioni delle classiche uova di cioccolato.

I simboli della Pasqua

Non focalizzandosi sulla Pasqua come momento religioso, quanto piuttosto di come si celebra questa festività nel nostro Paese, i simboli principali della festa sono le uova, la colomba e tutte le decorazioni che da essi derivano. Nella tradizione ci sono pulcini, gallinelle, rametti di ulivo e di boccioli di fiori. Sono questi gli elementi che da sempre vediamo sul packaging personalizzato Pasqua, senza grossi cambiamenti nel corso degli anni. Del resto la colomba è il dolce pasquale per antonomasia, che in Italia praticamente tutte le aziende dolciarie e le pasticcerie producono con la medesima forma. Utilizzando lo stesso impasto, c’è chi tenta di discostarsi leggermente dalla forma tradizionale, producendo gallinelle pasquali, campanelle o dolci da forno a forma di uova. Queste ultime tradizionalmente sono invece di cioccolato, spesso con sorpresa all’interno. Da qui ci si discosta veramente poco, se non modificando il tipo di cioccolato, aggiungendovi noci o frutta secca. In alcuni casi è possibile trovare uova in carta o metallo, decorate con i colori e l’iconografia classica, da utilizzare come confezioni regalo.

L’innovazione nel packaging pasquale

Se i prodotti che vengono offerti nei negozi per Pasqua sono ormai da decenni sempre gli stessi, un poco di innovazione la si può vedere nelle confezioni di uova, cioccolatini e colombe. Negli ultimi anni varie aziende stanno spostando sempre di più il tiro dai prodotti a prezzo medio basso verso quelli di lusso. Ecco allora che le confezioni si fanno più sobrie e invece di inseguire il target dei bambini si rivolgono a un mercato più adulto. Questo tipo di proposta difficilmente si trova nei grandi supermercati, si tratta infatti di prodotti rivolti a chi frequenta le pasticcerie o i negozi di prodotti esclusivi. Troviamo quindi un packaging elegante, in tinte che richiamano la primavera, ma senza pulcini o ovetti tra le fronde. Il tentativo è quello di evocare prodotti di alta qualità, in qualche modo esclusivi.

Packaging ecosostenibile

Tradizionalmente le uova di cioccolata che si vendono per Pasqua sono confezionate con carta lucida in materiale plastico. Negli ultimi anni però un numero crescente di aziende sta cercando di proporre soluzioni più ecosostenibili, offrendo uova di Pasqua in contenitori in carta o in materiale composito. La parte interna continua a essere in plastica, anche perché la cioccolata deve necessariamente rimanere lontano dall’umidità e dall’aria; la parte esterna è invece in carta o cartone, che aiutano a mantenere al sicuro l’uovo, senza che si rompa durante il trasporto.

Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

Tezenis insegue Berlino

Abbigliamento intimo, pigiami e homewear sono il forte di Tezenis, il brand del gruppo Calzedonia che rende stylish il nostro

GASTRO-POLIS A VENEZIA

GASTRO-POLIS ALLA BIENNALE: DUE GIORNI CON LE FOOD SMART CITIES Un breve ciclo di incontri alla collaterale Gangcity racconta l’incontro

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”