25 Ottobre 2017

Patrick Nagel, la donna di Rio torna sulle palette

La copertina del disco dei Duran Duran è del 1982. Ma il disegnatore morto a 38 anni non è mai andato fuori moda. Ora addirittura sulle trousse di Urban Decay.

25 Ottobre 2017

Patrick Nagel, la donna di Rio torna sulle palette

La copertina del disco dei Duran Duran è del 1982. Ma il disegnatore morto a 38 anni non è mai andato fuori moda. Ora addirittura sulle trousse di Urban Decay.

25 Ottobre 2017

Patrick Nagel, la donna di Rio torna sulle palette

La copertina del disco dei Duran Duran è del 1982. Ma il disegnatore morto a 38 anni non è mai andato fuori moda. Ora addirittura sulle trousse di Urban Decay.

Basta poco per farci venire nostalgia di quelle illustrazioni di Nagel che più anni 80 non si può. Ora che non c’è un trentennale di Rio da festeggiare più (il disco dei Duran Duran che recava la sua copertina è uscito nel 1982) ci pensano le make up house a ripescare la sua arte.

E infatti Urban Decay ha lanciato, almeno sui social (dal vivo nessuno le ha ancora) le palette di trucchi ispirate alle famigerate donne di Rio disegnate in quel decennio dal creativo americano.

Le tre palette di trucchi Urban Decay con le immagini di Nagel. Sono in edizione limitata e non si trovano ancora nei negozi.
Le tre palette di trucchi Urban Decay con le immagini di Nagel. Sono in edizione limitata e non si trovano ancora nei negozi.

Già il pop in arte aveva fatto incursione nelle profumerie con la collezione ispirata a Jean Michel Basquiat, ma qui siamo oltre. Torna il mood di Rio, e tornano anche i trucchi e le shade associate a quel periodo, specie i rossetti che il trend impone scintillanti e molto marcati. Sunglasses, Untitled, e Rio sono le tre palette con i vari colori che riprendono i print famosi dell’artista, nato nel 1945 e morto all’apice della sua carriera, nel 1984.

Anche se Nagel tutto il successo non se l’è goduto. Era vendutissimo ma sconosciuto. Si narra che negli anni 80 circa due milioni di americani avessero comprato i suoi poster ma nessuno conosceva il suo nome. Se n’è andato a soli 38 anni ma il suo lavoro, iniziato sulle pagine del Playboy americano, è diventato iconico e di riferimento per molti artisti e creativi successivi. Un bel libro, L’uomo che amava le donne, acquistabile qui, ne descrive la sua parabola velocissima. E la sua arte, che traeva spunto dalle ambientazioni care a Toulouse-Loutrec e all’Art Deco ma che era frutto del sentimento degli anni 80.

Read in:

Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

Cinquant’anni di Ville Vesuviane: la mostra dalla collezione di Ernesto Esposito

Ernesto Esposito ha una collezione privata di oltre 900 opere di varia fattura e composizione databili tra il XX e XXI secolo. Andy Warhol, Joseph Beuys, Alex Katz, Ed Ruscha, Ilya Kabakov, Jannis Kounellis, Richard Prince. Egli ama definirsi un collezionista e non un mercante; un creativo, anzi un “disegnatore creativo” e non si definisce un artista; l’arte contemporanea riflette le sue idee e creazioni, ispira ed amplia in nuovi progetti. Ma, sottolinea, l’arte rispecchia un momento storico, lo fotografa, il design invece non propriamente, è una sorta di finzione, lo si può riproporre anche rivisitandolo. Suor Orsola Benincasa Di rilievo, l’intervento dei docenti e degli studenti del Corso di laurea in restauro dell’Università Suor Orsola Benincasa, rettore Lucio d’Alessandro, diretti e coordinati dal direttore del Dipartimento di Scienze umanistiche Paola Villano e dal presidente del corso di laurea in restauro Pasquale Rossi. La mostra, in collaborazione della Fondazione Ernesto Esposito e noh art ha il sostegno della Regione Campania ed il patrocinio del Comune di Ercolano ed è aperta al pubblico dal 7 maggio al 14 novembre 2021.

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”