9 Febbraio 2023

Sanremo 2023, ritornano gli anni 90 e 2000

Le mise luccicanti di Paola e Chiara richiamano l'inizio del 2000. Levante bionda in pelle. Molti cantanti alla svolta elettronica.

9 Febbraio 2023

Sanremo 2023, ritornano gli anni 90 e 2000

Le mise luccicanti di Paola e Chiara richiamano l'inizio del 2000. Levante bionda in pelle. Molti cantanti alla svolta elettronica.

9 Febbraio 2023

Sanremo 2023, ritornano gli anni 90 e 2000

Le mise luccicanti di Paola e Chiara richiamano l'inizio del 2000. Levante bionda in pelle. Molti cantanti alla svolta elettronica.

Non facciamo in tempo a superare (indenni?) gli stili musicali e modaioli che lo showbiz già ce li ripropone. Tra Levante, Paola e Chiara e Black Eyed Peas, sul palco di Sanremo 2023, per la seconda serata un plotone di star ha imbracciato la retro-marcia verso ispirazioni anni 90 e 2000. Un Sanremo anni 90 quindi? Vediamo come.

Da sinistra Paola e Chiara, vestite in Dolce & Gabbana al teatro Ariston a Sanremo 2023. Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI.

Le mise luccicanti di Paola e Chiara, di ritorno dopo un decennio di separazione, hanno richiamato alla mente il primo exploit del revival degli ABBA a inizio del 2000. E la loro “Furore” sarebbe stata bene nell’album “Television”, quello che nel 2000 le rilanciò come disco queen amate dal pubblico gay.

Un Sanremo anni 90, si era detto prima dell’avvio del Festival e in parte le aspettative, almeno nei look non sono state tradite.

Black Eyed Peas all’Ariston per la secpmda volta, senza Fergie, la loro storica voce femminile. Oggi fanno parte della band Apl.de.ap (48 anni), Will.i.am (celebre anche come produttore, 47 anni) e Taboo (47 anni). J. Rey Soul (22 anni) è la nuova voce femminile della band. Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Per il pubblico italiano di massa, è stata la prima volta per riapprezzare un medley di successi mozzafiato della band statunitense Black Eyed Peas. Formati nel 1998 a Los Angeles, furono spinti al successo con una serie di hit proprio con l’arrivo della bionda Fergie, nel 2003, oggi solista (ha lasciato la band nel 2017). A Sanremo 2023 hanno fatto scatenare vip e nip in sala, su tutti Simona Ventura che li aveva avuti ospiti nel 2004 nel suo Sanremo. Un legame con quell’esperienza resiste: dal palco dell’Ariston il quartetto ha ringraziato “zio Tony Renis”, che all’epoca del Sanremo della Ventura fu ingaggiato per agganciare ospiti stranieri.

J. Rey Soul, 25 anni, ha debuttato nel 2013 a The Voice of the Philippines. Nel 2020 è stata la voce della celebre hit dei Black Eyed Peas “Mamacita”. La sua apparizione a Sanremo 2023 ha scatenato amore sui social, inondati di messaggi a dir poco entusiastici (se non focosi) da parte del pubblico femminile e maschile.
Rosa Chemical (artista di Grugliasco, provincia di Torino del 1998) ha cantato “Made in Italy”. Scritto da Manuel Franco Rocati (Rosa Chemical) e Paolo Antonacci, composto da Oscar Inglese e Davide Simonetta e con la produzione di Bdope e Simonetta, è un brano di provocazione che racchiude al suo interno tutta l’essenza e l’irriverenza prorompente di Rosa Chemical. Parlando in maniera sfrontata di temi ancora oggi considerati tabù come il sesso, la fluidità e il poliamore, lancia un messaggio di libertà che, con strofe sporche e accattivanti e un ritmo puramente dance ed un tocco gipsy, invita ad abbracciare la diversità in tutte le sue sfaccettature. Uno spaccato di realtà che si prende gioco di cliché, luoghi comuni e pregiudizi fino a romperli.
Dopo l’esordio sul palco del Festival di Sanremo 2022, edizione che lo ha fatto conoscere al grande pubblico, dando il via a un anno di successi che lo ha riconosciuto come una delle rivelazioni del 2022, Tananai ha presentato a Sanremo 2023 “Tango”. Il brano ha un video diretto da Olmo Parenti.
Will, intervistato da The Way Magazine qui, ha esaltato i giocatori del FantaSanremo perché ha battuto “il cinque” a Gianni Morandi per primo (scatenando gli scommettitori sui pronostici). Il giovane protagonista, che per le cover ha scommesso su “La notte vola” di Lorella Cuccarini, ha cantato “Stupido”.
‘Il bene nel male’ è il brano di Sanremo 2023 di Madame. Atmosfere elettroniche di primi anni 2000 per la cantante amatissima per la sua scrittura. Notevole l’arrangiamento degli archi, una delle poche concessioni analogiche in un pezzo denso di ritmo.
LDA, in gara a Sanremo 2023, è il figlio di Gigi D’Alessio. “Pap
mi ha dato consigli da padre non da artista”. Ha anche spazzato via le polemiche sussurrate dopo il suo allontanamento da “Amici”: “Maria De Filippi mi ha fatto i complimenti”, ha dichiarato. Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI.
Levante come Madonna anno 2005: la cantante siciliana si è rinnovata nel look e nello stile musicale. Il look della star italiana è targato Etro per mano dello stilista Marco De Vincenzo. Ha richiamato il periodo disco della stella italo-americana mentre intonava “Vivo”, un brano elettronico con venature dark, sulla liberazione. La canzone è contenuta in “Opera Futura”, il suo nuovo album.

Fotoservizio concesso a The Way Magazine da ufficio stampa RAI : ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Read in:

Picture of Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

Georgia Mos remixa Jovanotti

La formula degli EP in epoca di singoli “liquidi” piace ad artisti e ascoltatori. Anche a Jovanotti che ci ha

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”