Magazine - Fine Living People
Uncategorized

Uncategorized - 19/07/2018

“Fake Illusion” gli studenti Ied si confrontano con l’arte dell’illusione

Oggi a Firenze l'iniziativa promossa da IED e Fondazione CR Firenze, in collaborazione con OMA – Osservatorio dei Mestieri d'Arte

Quando la moda porta gli studenti a passeggio tra i meandri conosciuti e non della storia dell’arte, è sempre un’esperienza lodevole. Lo Ied di Firenze si è impegnato quest’anno a far confrontare i nuovi creativi con le forme d’arte del passato che hanno “illuso” gli spettatori. Tutte le ispirazioni, da Escher alle diavolerie Op Art e Pop Art saranno visibili oggi a Firenze.

Abiti e accessori creati da giovani designer di tre istituti fiorentini e di tre corsi IED provenienti da tutto il mondo, Australia, Usa, India, Europa e Turchia, sono in esposizione per un evento unico ispirato all’illusione ottica reinterpretata in chiave contemporanea.

L’appuntamento con ‘Fake Illusion’ è il 19 luglio, presso la sede IED di Firenze (via Bufalini 6r), dalle 17 alle 22, ed è promosso da IED e da Fondazione CR Firenze, in collaborazione con OMA – Associazione Osservatorio dei Mestieri d’Arte. Saranno esposti 5 outfit, per un totale di 15 pezzi, e 8 trench, realizzati durante 4 corsi che hanno coinvolto circa 200 studenti in totale: Hands4Work -100×100 (nato dalla collaborazione tra IED Firenze, Fondazione CR Firenze e OMA, all’interno del progetto di Alternanza scuola lavoro Hands4Work e che ha visto coinvolti gli istituti Liceo Artistico Leon Battista Alberti, Liceo Artistico di Porta Romana e Sesto Fiorentino, e IIS Benvenuto Cellini-Tornabuoni), Triennale in Fashion Styling and Communication, Summer Course in Fashion Events and PR e il Summer Course in Fashion Design.

Un’esperienza unica per i giovani che hanno avuto la possibilità di stare a contatto con veri professionisti della moda e della comunicazione. Gli studenti hanno impostato la loro collezione rielaborando capi spersonalizzati forniti da noti brand attraverso dettagli, applicazioni e interventi di re-design e trasformandoli in outfit unici. Le aziende coinvolte sono: Valentina’s, O’Bag, Memar, Twins Florence e Click&Shoes, in collaborazione con Cna Firenze. Inoltre grazie alla partnership con l’azienda Controluce gli studenti hanno dato maggiore risalto alle loro creazioni anche dal punto di vista scenografico, dando vita a giochi di luce, effetti ottici e sensoriali inaspettati.

L’esposizione è concepita come un’esperienza multimediale che coinvolge i 5 sensi e avvolge gli ospiti in un percorso astratto non solo per l’arredamento e il design ma anche per le colonne sonore, i cibi e le bevande che saranno servite.

I giovanissimi creativi dei tre istituti superiori fiorentini, supportati dai tutor IED, si sono occupati sia della progettazione e prototipazione di capi di abbigliamento e accessori che saranno esposti nel foyer, sia della realizzazione e allestimento dell’evento. Il percorso prosegue poi nel corridoio dove saranno visibili le proposte di comunicazione, branding ed eventi per l’azienda Click&Shoes elaborate dai corsi Triennale in Fashion Styling and Communication e Summer Course in Fashion Events and PR. Nell’aula Magna c’è la capsule collection creata per Twins Florence dal Summer Course in Fashion Design che ha reinterpretato un capo dell’azienda ispirandosi al tema dell’evento.

Si tratta del secondo anno di collaborazione tra IED, Fondazione CR Firenze e Associazione OMA all’interno di Hands4Work, il progetto di Alternanza Scuola Lavoro di Fondazione CR Firenze che quest’anno ha coinvolto ben 100 studenti.

Quest’esperienza ha permesso ai giovani dei tre istituti a indirizzo tecnico e artistico di Firenze di immergersi in autentiche realtà aziendali, grazie alla partecipazione al progetto delle aziende del territorio e di professionisti del settore comunicazione e moda, che mettendosi a confronto con diverse figure professionali che hanno permesso ai giovani di arricchire il know how e imparare nuove tecniche. Gli studenti sono stati selezionati, formati e suddivisi in gruppi di lavoro con specifici compiti e mansioni (l’ultimo modulo si concluderà in settembre).

“Siamo soddisfatti del lavoro svolto con incredibile passione e dedizione da questi giovani – ha detto Gabriele Gori, Direttore Generale Fondazione CR Firenze -. Il progetto di Alternanza Scuola Lavoro di Fondazione CR Firenze termina il suo secondo anno di attività con un bilancio di tutto rispetto: circa 500 studenti sono stati coinvolti in totale nei progetti Hands4work e questo è uno dei più ambiziosi avendo lavorato con ben 100 studenti suddivisi in 4 differenti gruppi. Riteniamo particolarmente importante il confronto dei giovani creativi con vere aziende e veri professionisti di ambiti lavorativi che un domani potrebbero rappresentare un’opportunità reale di inserimento occupazionale per questi ragazzi”.

“L’energia che incontriamo negli studenti con cui interagiamo per questi progetti – ha aggiunto Alessandro Colombo, Direttore IED Firenzeci regala una grande speranza sul futuro del Made in Italy. Le capacità e il talento che questi ragazzi mettono in campo sono meritevoli di essere incitati e spinti verso nuovi orizzonti nel settore della moda e del design a Firenze”.

“Saper piegare le proprie idee alle esigenze di una richiesta aziendale ben precisa – ha sottolineato Luca Parenti, docente e coordinatore Alternanza Scuola Lavoro per IED Firenzeè sicuramente un risultato eccellente. I ragazzi hanno saputo districarsi bene nei diversi momenti del lavoro, passando dalla fase di ricerca a quella di progetto, fino alla realizzazione del prototipo e, infine, allo shooting fotografico. Un percorso che li ha immersi a pieno nel pensare il design in maniera professionale, distaccandosi dalle tradizionali progettazioni fini a se stesse che non guardano al mercato e alle tendenze del momento”.

“I corsi Summer di IED Firenze – dichiara Camilla di Biagio, firma di The Way Magazine e docente IED e tutor del progetto di Alternanza Scuola Lavoro si confermano un’esperienza formativa completa e stimolante. Studiare nel centro storico di Firenze, organizzando eventi e creando prototipi di moda nel cuore della città, è per gli studenti stranieri un momento importante nel percorso di studi. Lavorare a dieci metri dalla sede storica di brand come Emilio Pucci o, poco più in là, di Gucci e Ferragamo, sprigiona idee e fa respirare la vera essenza del mondo della moda, quella pura delle idee, dell’entusiasmo, dell’artigianalità che la nostra città da sempre esporta in tutto il mondo”.


Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Leisure - 14/11/2017

Max Pezzali: “Le canzoni sopravvivono se si attaccano alla gente”

È davvero un nerd di cultura sconfinata Max Pezzali, una delle voci più amate del pop italiano. St [...]

Leisure - 01/12/2018

Marco Ligabue: “Il pubblico è la mia tisana di vita”

Correggio, 1970, casa Ligabue. Avete sicuramente già indovinato, sono i dettagli di nascita dell'ar [...]

Fashion - 18/12/2017

Dentro il party di Natale romano di Atelier Emé

Atelier Emé, il brand del Gruppo Calzedonia, dedicato alla sposa e agli abiti per le occasioni spec [...]

Top