Magazine - Fine Living People
Vip House

Vip House - 09/12/2019

A casa di Barbara Snellenburg: “Mi rilasso nell’angolo trucco e sistemando i miei armadi”

I ricordi della casa in Olanda, il trasferimento nella nuova dimora col compagno. "Adoro le cementine anni 30", dice la modella.

Sono poche le olandesi che in Italia hanno fatto successo e Barbara Snellenburg è sicuramente una di quelle. Bella, alta, nordica ed estremamente solare. Il suo sorriso illumina da tantissimi anni il piccolo schermo e le passerelle della moda milanese ed internazionale. Oggi vive a Milano, con il suo compagno, lo svedese Henrik Hansonn, in una casa meravigliosa che ha deciso di mostrare ai nostri lettori. Una casa indipendente, pavimenti anni 30, un po’ decentrata ma una dimora di fascino e molto elegante in stile italiano.

 

Ci vive da poco e con il compagno ama fotografarsi per i suoi profili social (65mila followers su Instagram) mentre si occupa delle faccende di casa. Ci ha confessato che non ama cucinare ma le piace mangiare (non si direbbe dalla sua linea perfetta). La sua cucina è piccola, dice, ma al momento le va bene così. Una casa in cui ancora mancano quadri e suppellettili che arriveranno al tempo debito. Barbara vuole allestirla con calma a suo piacimento.

 

 

Barbara, da quanto tempo vivi in questa casa?

 

Ci siamo trasferiti l’estate scorsa, esattamente ad agosto, da pochissimo tempo quindi. Ci sono tantissime cose da fare ancora. Mancano ancora alcuni mobili. Stiamo pensando di mettere la carta da parati, armadi e lampade.

 

Perché hai deciso di vivere proprio a Milano in questa zona?

 

Vivo a Milano da ormai 15 anni. Ero affezionata alla zona di “China town” che adoro. Non volevo lasciarla I tempi sono cambiati e Milano è cambiata molto e certe zone, che prima non avrei mai preso in considerazione, oggi mi piacciono. La città è ormai tutta vivibile, non è più chiusa in zone diverse come una volta. Ad ogni modo, stavolta ho scelto la casa e non la zona. Prima di scegliere questa in cui viviamo, ne ho visitate tantissime e non è stato facile. Quando l’ho vista mi sono innamorata letteralmente della pavimentazione antica. Marmette o meglio, cementine anni 30. Tutte integre, molto belle. Ogni stanza ha una pavimentazione diversa.

 

Come hai trovato questa casa?

L’ho trovata su internet. Il web è stato utile.

 

 L’hai trovata così come la vediamo o hai deciso di ristrutturarla?

 

La casa è in affitto, pertanto, non abbiamo potuto intervenire tanto con la ristrutturazione. Nonostante tutto, abbiamo fatto abbattere una parete per allargare la cucina che era strettissima. Avrei abbattuto molte altre pareti ma ho desistito. Sono comunque soddisfatta, dopo i nostri interventi si presenta meglio e adesso mi piace.

 

Ti piace personalizzare le case o preferisci lasciar fare al tuo compagno?

 

Mi piacciono le case personalizzate, non mi piacciono quelle apparentemente perfette. Le case a mio parere vanno vissute, devono avere carattere ma soprattutto devono essere accoglienti.

Che rapporto hai con la cucina di casa? Ti piace cucinare?

 

La nostra cucina è “super bellina” ma, purtroppo, è strettissima e quindi non è assolutamente comoda. Non mi piace preparare le torte, non sono proprio il tipo di persona che si dedica a questo, e non mi piace cucinare per ore. Apprezzo però tutto il cibo, sono una buongustaia, specialmente se cucinato dagli altri. In casa è il mio fidanzato che cucina, fortunatamente. Io al massimo ripulisco le stoviglie.

 

Ti piace invitare amici a casa? O preferisci relazionarti fuori casa?

 

Mi piace tantissimo avere gli amici per casa. Ma non essendo una grande cuoca non vengono sicuramente per cena, ma al massimo per un caffè o un tè.

 

 Hai un luogo della casa che prediligi?

 

Mi piace il luogo dove mi trucco. Mi rilassa tantissimo. Anche quando facevo teatro mi dilettavo a truccarmi. È un rito che mi rilassa tanto. Trovare il tempo per farlo, ritagliarsi tempo e spazio quindi per se stessi è una cosa a cui non potrei rinunciare. Mi piace molto anche sistemare gli armadi.

 

Che rapporto hai con i vicini di casa?

 

Non li conosco ancora tutti. Ci siamo trasferiti in questa casa da poco. Spero di conoscere a breve qualcuno di simpatico. Ci incrociamo con alcuni vicini sulle scale, ma niente di più al momento. Cosa ben diversa erano i vicini della mia casa precedente. Ci vedevamo molto spesso, era un rapporto molto stretto. Io facevo da cat sitter al gattino della mia vicina.

 

Dimmi tre cose che non devono mai mancare nella casa di Barbara.

 

Non deve mai mancare il caffè. Sicuramente al primo posto. Poi un divano comodo per potersi rilassare e guardare un film e degli armadi spaziosi.

Cosa ti manca invece della tua casa di origine quando eri bambina?

 

Mi affeziono molto alle persone e alle cose. Non mi piacere cambiare casa o arredi: preferisco che le cose abbiano sempre il loro posto, mi dà sicurezza. Sono soltanto cose, lo so, ma per me è così. Non mi manca quindi la casa di famiglia intesa come immobile, ma quello che rappresenta, ossia gli affetti, la famiglia tutta e il fatto di sentirsi protetti.

 

Come era la tua vita in Olanda?

La mia era una tipica casa olandese, su tre piani. Mi manca sentire mia madre che dal piano sotto parla mentre sono io ancora a letto oppure addormentarmi sentendo in lontananza le voci dei miei genitori. L’odore del barbecue in giardino e noi tutti riuniti in soggiorno, a scherzare e a ridere. Insomma mi manca quella quotidianità.



Design of desire - 01/11/2018

Arrangements di Flos tra le lampade premiate nel mondo

Arrangements Flos è un sistema modulare di elementi geometrici di luce che si possono combinare in [...]

Leisure - 22/05/2017

Maurizia Gentili, artista che dipinge col vino e i toglimacchia di Dr. Beckmann

Maurizia Gentili è abituata a offrire a un pubblico raffinato e attento le sue performance di wine- [...]

Fashion - 27/11/2018

Maison Signore: sposi internazionali, classe italiana

Maison Signore ha presenttoa in anteprima a Napoli a Tuttosposi 2018 la nuova collezione di Giovanna [...]

Top