Magazine - Fine Living People
Vip House

Vip House - 06/05/2018

Patrizia Pellegrino: “La casa deve favorire gli incontri”

L’intervista di Damiano Gallo alla celebre attrice che ci racconta dei pro e dei contro di avere una villa fuori dal centro. Ora vorrebbe acquistare un appartamento a Milano.

Certo che ti concedo una intervista, però non ho tanto tempo Damiano. Mi accompagneresti in palestra in centro?”. Inizia con una proposta di intervista fuori dai canoni il mio incontro a Corso Como a Milano con Patrizia Pellegrino, attrice e famoso volto della tv per tutti gli italiani.

Patrizia è piena di energia e super indaffarata, show girl, conduttrice televisiva e attrice a Milano in questo periodo per una tournée con Stefano Masciarelli in “Una moglie da rubare”, un nuovo e travolgente spettacolo teatrale che “consiglio a tutti di vedere, un vero e proprio colpo al cuore di un’ora e dieci minuti”, mi dice.

Super Patrizia è una donna che non smette di fare, sempre sorridente e molto garbata. Nonostante il suo aspetto prorompente si presenta ai miei occhi accogliente. Entriamo subito in sintonia. È una splendida donna e dal vivo le darei 10 anni in meno.

Mentre passeggiamo, ci fermiamo al bar a prendere un caffè, mi racconta della sua famiglia, dei suoi figli e dei suoi amori vecchi e nuovi. Tra una telefonata e l’altra abbiamo anche tempo per un selfie e finalmente riesco a farle qualche domanda sulla sua bellissima casa di Roma, Villa Trebazia, una meravigliosa residenza di 1000 metri quadri circa e 18.000 metri di parco. Mi confessa dei suoi vecchi amori, della sua separazione, delle sue nuove case dei suoi matrimoni finiti e della sua voglia di innamorarsi di nuovo.

Patrizia, su The Way Magazine parliamo delle case dei vip. Parlami di Villa Trebazia a Roma.

Abito lì da 20 anni.  L’ho comprata per caso, l’ho trovata pubblicata su un giornale. Mi ero innamorata di Stefano, dovevo lasciare il mio primo marito e cercavo una casa tutta per noi. Tornavo da Bologna in quel periodo perché era nata mia figlia, cercavo un posto dove stare.  Ho mandato Stefano a vedere la casa con i miei genitori e tutti se ne sono innamorati e abbiamo deciso di comprarla. È una casa enorme, c’è la piscina, il campo da tennis oltre a gazebo, sauna e bagno turco.  Purtroppo le spese di manutenzione sono altissime e per questo abbiamo deciso di affittarla per eventi. A Roma è molto richiesta ma ogni volta che il matrimonio o la festa finisce mi sento sola. Per questo vorrei una casa più piccola a misura d’uomo.

Come si presentava quando l’hai acquistata?

Completamente diversa. Per questo motivo mi sono rivolta ad architetti che mi hanno aiutato nella parte strutturale. Per quanto riguarda invece gli interni e l’arredamento ho fatto tutto da sola. Oggi si presenta tutta bianca e grigia. In passato, avevo una sala da pranzo rosa. Ho fatto tantissime feste in quella casa oggi non ho più tempo e sono i miei figli ad organizzare grandi eventi.

Perché vorresti acquistare una casa a Milano e come dovrebbe essere?

Qui vengo spesso per lavoro, in questo periodo sono in tournée con Stefano Masciarelli e avere un punto di appoggio in città mi piacerebbe. Consiglio a tutti di venire a vedere il mio spettacolo teatrale. Mi piacerebbe avere i giovani a teatro e vorrei che la gente imparasse a conoscermi un po’ di più. Sento l’esigenza del contatto continuo con la gente. Vorrei una casa piccola proprio per questo. Adesso vivo in una villa enorme e mi manca il negozio sotto casa e le attività commerciali vicine. Scrivi per favore che non consiglio a nessuno di vivere in villa, meglio un appartamento. La villa porta troppi problemi.

 

Quando sei in casa dove prediligi trascorrere maggiormente il tuo tempo?

In estate amo la piscina, ma non perché sia innamorata della piscina…io sono più da mare ma amo il punto in cui è collocata a casa mia, in un luogo silenzioso e tranquillo, mi rilasso coccolata dal vento. In quel posto c’è la pace. In inverno invece c’è un divano grigio caldo accanto al camino. Ho un cane e mi sta vicino, un meticcio. È lì che mi sento a mio agio.

Vorresti fare dei cambiamenti in casa dopo venti anni?

Vorrei cambiare la cucina, un po’ troppo old fashion, vorrei qualcosa di moderno. Adesso è tutta in legno. Vorrei acciaio e colori chiari in cucina. Il resto della casa è perfetta. È molto bella,  i bagni sono in marmo antico lavorato in oro. Non vanno toccati.

 

Come dovrebbe essere la tua casa nuova?

Voglio una casa piccola, al massimo 80 metri con una sala con cucina a vista dove poter legger un libro, al massimo due camere e due bagni. Sono nauseata dagli spazi aperti, voglio una casa piccola tutta per me.

 

Di case ne hai possedute, acquistate e vendute. È così?

Esattamente. Mi sono sempre avvalsa degli agenti immobiliari. Ognuno deve fare il proprio mestiere. La penso così. Io ho sempre incontrato bravi professionisti e credo che gli agenti immobiliari siano utilissimi. Ho sempre incontrato ragazzi molto educati e molto seri.

 

 

Cosa non deve mai mancare nella casa di Patrizia Pellegrino?

Un divano, un letto comodo, una cabina armadio, ho mille vestiti. L’angolo che più adoro è la cucina, e questo mi porta a dire che vorrei vivere in una casa più semplice.  In questa villa come ti dicevo vengono organizzati grandi matrimoni e ogni volta quando finisce la festa e tutti vanno via, rimango da sola con i figli  ed è un po’ triste. Non va bene, ci vorrebbe un momento di raccoglimento. La casa piccola ti offre questo.

Sei cambiata da quando hai comprato la casa grande?

Alla mia età ho imparato che le cose materiali non servono, sono i contatti umani che ti fanno diventare ricca e alla casa io non mi affeziono, la vivo come un involucro certamente che ci assomiglia ma non è quello che conta. Amo la gente e vorrei che mi seguissero e conoscessero di più. A volte mi capita di incontrare la gente per strada e sapere di essere apprezzata come attrice mi riempie il cuore. Spesso mi dicono: “Sai Patrizia non sapevo che sapessi recitare”.



Fashion - 23/03/2020

La moda di Valentina Poltronieri ispirata alle uniformi British

Giovane e determinata Valentina Poltronieri di origine bergamasca, classe 1993 è una promettente fa [...]

Leisure - 02/07/2017

Anche Oriocenter punta al lusso con l’ampliamento

Quello che colpisce quando si arriva nella nuova ala dell'Oriocenter, il  mall  più grande d'Euro [...]

Design of desire - 08/12/2018

Mario Botta racconta l’allargamento del Teatro Alla Scala

Nei prossimi anni il progetto dell'architetto Mario Botta per l'ampliamento del Teatro alla Scala sa [...]

Top