Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 01/06/2016

African Catwalk, la moda nera svelata da un fotografo svedese

Per-Ander Pettersson è in mostra alla Galleria Sozzani a Milano e ha pubblicato un libro. Le fashion week del continente rivelano fascino e voglia di emergere.

African Catwalk è come un viaggio di confronto con quello che immaginiamo lontano e inconcepibile. Perché agli occhi degli occidentali, l’obiettivo di Per-Anders Pettersson ha catturato l’inammissibile voglia degli africani di avere una vita e una coscienza estetica al di là delle tragedie che affliggono il continente.

Per-Anders Pettersson

Per-Anders Pettersson in mostra alla Galleria Carla Sozzani fino al 5 giugno. Corso Como, 10, 20154 Milano

Inammissibile per noi che viviamo da questa parte del mondo. Le 75 immagini inedite selezionate da Per-Anders per il libro e in parte la mostra alla Galleria Carla Sozzani di Milano aprono uno straordinario scenario sull’ African fashion world che è una delle realtà produttive più in rapida ascesa del continente. “La contraddizione dell’ambiente e delle facce ritratte – ci ha detto Per-Anders Pettersson alla presentazione del libro African Catwalkè un modo per fare luce su una parte d’Africa che non si conosce, l’ho potuto fare perché vivo in Africa da anni e conosco quello che va e che non va. Ho scoperto per caso l’esistenza delle fashion week sudafricane, proprio vicino casa, perché è lì che vivo”.

Il fotografo svedese, che in passato ha vinto premi prestigiosi per i suoi reportage a sfondo sociale (World Press Photo, PDN, POY, NPPA, CARE, CHIP, Unicef Photo of the Year, American Photography, Commarts) si è messo in viaggio partendo dalla Soweto Fashion Week  e la Johannesburg Fashion Week e ha cercato nuovi spunti per raccontare l’Africa al mondo. Il backstage della moda emergente africana viene documentato in quindici diversi paesi africani tra il 2010 e il 2015. Un periodo cruciale, quando le sfilate stavano diventando popolari tra la classe media nera emergente e d’elite: “Dopo aver fatto tanti reportage sui rifugiati, le epidemie e le tragedie che si sono verificate qui, appena mi sono accorto che le settimane del fashion stavano diffondendosi in tutto il continente mi sono dedicato a questo progetto, viaggiando e scoprendo. Ci ho lavorato negli ultimi 5 anni. È una nuova storia che pochi conoscono, nemmeno io ne ero a conoscenza, ed è una ricreazione in mezzo a tante difficoltà”.

Il problema è capire se l’Occidente è interessato davvero a capire cosa sta succedendo in quei posti aldilà dei cliché e se questo lavoro davvero meticoloso di Pettersson può servire anche da apripista culturale. “Beh, sono cosciente che non è il primo punto delle agende degli occidentali – ci dice Per-Anders – anche perché per anni ci hanno cibato di storie di tutt’altro genere. Ma sto notando un cambiamento, specie ovviamente tra le persone con cui lavoro, il turismo ha fatto molto per svelare nuovi aspetti. C’è un cambiamento graduale, anche perché è difficile rappresentare nell’immaginario delle persone che non ci vivono un continente così immenso. Bisogna ricordarsi che ci sono 54 paesi diversi in Africa”.

Per-Anders Pettersson fotografato alla galleria Carla Sozzani di Milano (foto: Christian D'Antonio)

Per-Anders Pettersson fotografato alla galleria Carla Sozzani di Milano (foto: Christian D’Antonio)

Nel libro, le foto sono accompagnate da testi di Simone Cipriani, fondatore del ITC Ethical Fashion Initiative, United Nations, Allana Finley, African Fashion Strategist, Alessia Glaviano, Vogue Italia e L’Uomo Vogue Senior Photo Editor e della designer Stella Jean. Ma lo scatenarsi delle emozioni della visione delle fotografie dal vivo è impressionante: “A me piace molto, anzi mi affascina, verificare lo shock delle persone che non hanno idea di quello che fotogrago. È una reazione davvero sorprendente, quasi non credono che ci possa essere un tale senso dell’estetica in Africa”.

Per-Anders Pettersson non si esprime volentieri sulla differenza di senso di stile tra gli occidentali e gli africani, si capisce che non è il fulcro del suo interesse per questo tipo di racconto. Ma ne evidenzia altre: “Molte differenze sono nelle tradizioni, nell’eredità di un conservatorismo degli atteggiamenti che pervade anche il fashion system africano. Perfino le modelle sono conservatrici, perché temono il giudizio delle famiglie o degli amici. Può creare dei problemi un atteggiamento del genere, perché si precludono dei lavori all’estero. Penso alla difficoltà a posare in costume da bagno o cose simili. E molti al di fuori del loro sistema non capiscono queste barriere”.

Per info sull’autore

www.peranderspettersson.com

per info sulla galleria

www.galleriacarlasozzani.org



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Leisure - 23/07/2018

Ecco lo show dell’anno, Laura Pausini al Circo Massimo

Quando l'aereo che aveva ospitato la conferenza di lancio del suo disco Fatti Sentire arrivò a Roma [...]

Design of desire - 23/05/2018

Il filo che diventa arte nei tappeti di Alberto Fiorenzi per I-Mesh

Appesi ai muri dello spazio Alcova all'ultima design week, i tappeti di I-Mesh risultavano essere de [...]

Leisure - 21/02/2017

Riconoscete questi siti archeologici? Sono tutti in Calabria

C'è un Polo Museale in Calabria che pochi conoscono a fondo. Il sistema di siti archeologici compre [...]

Top