Magazine - Fine Living People
Fashion

Fashion - 26/09/2016

Giuseppe Buccinà: la moda Rigpa è consapevolezza

Il giovane stilista che ha a cuore qualità, design, rispetto per l'ambiente e sostenibilità. La sua linea ha un nome in sanscrito.

Giuseppe Buccinà è un giovane stilista che ha a cuore qualità, design, rispetto per l’ambiente e sostenibilità. Ha creato una linea che farà felici tutti i clienti a caccia di eticità e rispetto dell’ambiente per i loro acquisti.
La sua collezione Rigpa (dal sanscrito “consapevolezza”) appena presentata durante la Milano Fashion Week, ripropone tutti i codici etici dell’acquisto responsabile, con modelli ricercati che rimandano all”insita natura della mente umana”. Giuseppe Buccinà ce lo spiega meglio: “Nel tentativo di esprimere un messaggio fortemente autentico, ho ricercato nei meandri della natura più profonda della mente.  In questo processo, immagini, sensazioni e suoni, hanno creato l’humus di forme e geometrie caratterizzanti l’intera collezione. Una selezione di tessuti naturali, non trattati e con una palette di colori lineare e minimalista“.

Dal punto di vista della produzione, Giuseppe Buccinà per Rigpa ha a cuore la sostenibilità durante l’intero processo di produzione, il rispetto per i lavoratori e gli spazi in cui operano sono concetti preminenti nell’etica aziendale. I fornitori sono scelti sulla base di obiettivi condivisi, affidabilità e spirito eco-friendly. L’impegno del marchio è di mantenere elevati standard di qualità, design e rispetto per l’ambiente per clienti che vedono anche la moda come veicolo culturale nella società contemporanea.

E dalla parola tibetana Rigpa nasce un concetto che è un connubio tra volumi in trasparenza, utilizzo dei rovesci dei tessuti in un’opera di messa a nudo del materiale, che esaltano una moda vincente “per sottrazione”; blazer asimmetrici dove pannelli di tessuto e angoli di corpo in vista si alternano modellando l’armonia dell’intera collezione.

Giuseppe Buccinnà è un designer non convenzionale: ha prima conseguito la laurea in Ingegneria Civile presso il Politecnico di Milano e poi il diploma di modellistica presso l’Istituto Secoli. Ecco perché nei suoi abiti si ritrovano entrambe le educazioni: elementi strettamente tecnici con forme armoniose di ampi volumi. Come si nota anche dal logo dello stilista, collegamenti essenziali tra tessuto, stile, vestibilità, attrazione verso strutture abbandonate, così come il fascino per le culture orientali, la psicologia, la musica e la pittura svolgono un ruolo cruciale nello sviluppo delle sue idee.

Per info sul brand qui



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Leisure - 22/02/2017

Il Tempo Immobile di Manuel Felisi

Si entra anche in un armadio (dei ricordi) nella mostra di Manuel Felisi allestita a Fabbrica Eos. N [...]

Society - 23/06/2018

Nasce il Club della Creatività “Made in Lazio”

Entrando nel rigoroso e lineare palazzo del Salone delle Fontane, dall'architettura tipicamente razi [...]

Design of desire - 04/10/2018

In Danimarca anche un pontile è di design

l Kastrup Sea Bath è uno dei tanti gioielli architettonici della regione di Ørestad del København [...]

Top