8 Novembre 2016

La Belle Époque dell’illustratore bohémien, i manifesti a Torino

Henri De Toulouse-Lautrec, l’aristocratico creatore di manifesti e stampe dell'epoca, in mostra a Torino. Un tuffo in un'epoca che fa sognare.

8 Novembre 2016

La Belle Époque dell’illustratore bohémien, i manifesti a Torino

Henri De Toulouse-Lautrec, l’aristocratico creatore di manifesti e stampe dell'epoca, in mostra a Torino. Un tuffo in un'epoca che fa sognare.

8 Novembre 2016

La Belle Époque dell’illustratore bohémien, i manifesti a Torino

Henri De Toulouse-Lautrec, l’aristocratico creatore di manifesti e stampe dell'epoca, in mostra a Torino. Un tuffo in un'epoca che fa sognare.

La Belle  Époque è un universo ricco di speranze e innocenze che ha dominato la cultura tra la fine dell’800 e l’inizio del 900. Per ripercorrerlo, niente di meglio che affidarsi al genio creativo di Henri De Toulouse-Lautrec, l’aristocratico bohémien considerato il più grande creatore di manifesti e stampe dell’epoca.

A Torino sono arrivate circa 170 opere, tutte provenienti dalla collezione dell’Herakleidon Museum di Atene, fino al 5 marzo 2017 in esposizione a Palazzo Chiablese, sotto l’egida del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, organizzata dai Musei Reali di Torino e Arthemisia Group, curata da Stefano Zuffi.

belle epoque (1)

Attraverso le opere dell’Herakleidon Museum di Atene, il percorso illustra l’arte eccentrica e la ricercata poetica anticonformista e provocatoria – tra le più innovative tra Ottocento e Novecento – di uno degli artisti oggi più apprezzati e ammirati; un’anima da “artista tormentato” fin dall’infanzia e non adeguatamente “riconosciuto”, seppur pervaso da un fortissimo slancio ottimista e dalla consapevolezza della bellezza della vita. Una bellezza semplice, dai contorni volutamente sfumati e da vivere in momenti dissoluti, dai colori forti e spregiudicati e priva di abbellimenti, nei disegni come nelle tinte. Nessuno, dopo di lui, è stato in grado di rendere così “perfetto” il volto dell’imperfezione. È questo il suo stile.

In mostra litografie a colori (come Jane Avril, 1893), manifesti pubblicitari (come La passeggera della cabina 54 del 1895 e Aristide Bruant nel suo cabaret del 1893), disegni a matita e a penna, grafiche promozionali e illustrazioni per giornali (come in La Revue blanche del 1895) diventati emblema di un’epoca indissolubilmente legata alle immagini dell’aristocratico visconte Henri de Toulouse-Lautrec.

Toulouse Lautrec chat noir
L’artista e l’immagine più comprata ancora oggi a Montmartre.

Rampollo di un’antica famiglia aristocratica del sud della Francia, nel 1881 il diciassettenne Henri decide di sfidare l’opposizione del padre, trasferirsi definitivamente a Parigi e di diventare pittore. Lontano dalla vita da gentiluomo di campagna e portatore di una malattia genetica (un blocco della crescita e problemi alla parola), visse appieno il mondo libero e bohémien degli artisti e degli spettacoli: i caffè-concerto e i cabaret, principali luoghi della vita notturna parigina di fine secolo, diventano il suo rifugio prediletto e forniscono i temi principali della sua arte. Fra coraggiose scelte di soggetti scabrosi e innovative ricerche espressive, Toulouse Lautrec trae ispirazione per i protagonisti delle sue opere soprattutto dal quartiere parigino di Montmartre e ne racconta la vita notturna, alternando l’animazione dei locali con istanti di quotidianità, sempre fissati con un effetto di grande immediatezza. Il circo e il Moulin Rouge, l’amore e le stelle effimere del cabaret, l’ultimo bicchiere di assenzio e il sorriso tirato di un’attricetta: l’aristocratico visconte di Lautrec lascia la scena a trentasette anni, il 9 settembre 1901, alle soglie del XX secolo. Un’epoca si chiude con lui.

Il catalogo è edito da Skira.

Per info: www.mostratoulouselautrec.it

Read in:

Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”