Magazine - Fine Living People
Society

Society - 30/05/2018

Wired Next Fest 2018: il vero dibattito è sugli effetti nel futuro

I temi dell'evento della tecnologia portata sul mercato, che migliora la vita. E chi ha parlato e ha detto cosa.

Se c’è una cosa che ha caratterizzato tutti gli interventi di Wired Next Fest, il festival della tecnologia e innovazione a Milano, è il futuro. O meglio, il dibattito sugli effetti che nel futuro si avranno rispetto a quello che stiamo facendo oggi, tra web e social media. In tutte le società, a tutti i livelli.

Sofia Viscardi, la scrittrice amata dai millennials (Foto The Way Magazine)

Vi riportiamo degli estratti di discussione degli ospiti dei dibattiti per farvi un’idea dei temi discussi. E anche delle novità presentate.

BARBARA CONTINI (senatrice italiana in Darfur): “Mi sono pentita di essere rientrata in Italia, ma non è detto che rimanga, a meno che non si faccia una rivoluzione. I politici sono anche peggiori di come li immaginate”.

CHELSEA MANNING (attivista americana): “Twitter è una piattaforma potentissima ma bisogna fare attenzione ai pregiudizi che comporta. Gli effetti di internet cambieranno la società in modi che difficilmente possono essere spiegati: oggi stiamo solo grattando la superficie”.

Lo speach di Ersilia Vaudo Scarpetta, direttrice “diversity” dell’agenzia spaziale europea ESA.

IL BO LIVE – Un nuovo giornale online, IlBoLive, presentato domenica durante l’incontro “Piattaforme comunicative, come aziende e istituzioni parlano al pubblico” al Wired Next Fest, è il giornale dell’ateneo padovano che vuole rappresentare un’unione di voci importanti. Si sceglie per la prima volta il web in un ambito molto prudente come quello accademico. Il bo in dialetto vuol dire “bue”. L’ateneo di Padova si trova in un vecchio macello.

SIMONE TAGLIACOZZO (Bnl): “L’obiettivo della comunicazione interna è intercettare le passioni delle persone. Ecco perché deve rivolgersi verso la comunicazione esterna. Da qui l’uso di un’app per attivare le nostre persone sui social esterni”.

EMANUELE NENNA (AssCom): “Oggi è diventato difficile definire le agenzie pubblicitarie. Non usiamo più la parola “pubblicità” ma la parola “comunicazione”.

La sala Audi al Wired Next Fest 2018.

MARCO BALICH (Creatore dello show Giudizio Universale): “Ho cercato di mostrare come Michelangelo possa essere un supereroe. La tecnologia può esaltare le proprie radici, ed è una gioia assoluta. Con i social tutto è accessibile, ma i giovani sono più interessati a capire il palco del Tomorrowland che la nostra storia. Essere aperti significa essere comprensibile dal papa e dal ghanese. Bisogna essere facili da leggere ma di qualità”.

 

 



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Leisure - 06/08/2018

“Laguna Viva” il verde tra le calli di Venezia

Gli artisti e gli architetti arrivano a Venezia per mettere in salvo la vita dei locali. Sembra un p [...]

Trends - 31/01/2018

Zara alla svolta, l’online fa aprire negozio a Londra

Un punto fisico dove ritirare i capi ordinati online. Zara si "piega" al trend del ritiro fisico (po [...]

Trends - 13/03/2017

La natura si riprende l’obiettivo a MIA Photo Fair 2017

Paesaggi, animali, piante: la naturae tutto il bello del creato catturato dagli artisti dell'obietti [...]

Top