Magazine - Fine Living People
23/01/2020 - A Milano torna 4Ecom, l’evento di riferimento del mondo eCommerce
Targets

Targets - 13/11/2019
COVER TRIBUTO

Cabrio canta Mazinga per i 40 anni dallo sbarco in Italia del fumetto

Il Grande Mazinga compie 40 anni e i bimbi degli anni 80 si scaldano. Mazinger, in origine, era una serie televisiva anime di genere mecha dal Giappone ideata da Gō Nagai nel 1974. La serie è il seguito della precedente Mazinga Z e arrivò in Italia nel 1979. A festeggiare il compleanno “certo” è però l’uscita del primo fumetto per Fabbri Editori, nel novembre 1979, che richiama ovviamente personaggi e storie del cartone animato per la tv. Ora che è in piena fase di revival, il cartone ha generato una bella cover version della sigla “Il Grande Mazinger” a cura del cantautore Cabrio, all’anagrafe Angelo Soraci.

Abile autore e spigliato performer, Soraci non si è scelto un brano da poco. Canta infatti nientemeno che su testi di Franco Migliacci, famosissimo paroliere de “Nel Blu Dipinto di Blu” di Domenico Modugno, su una musica e arrangiamento a cura di Massimo Cantini, che all’epoca del lancio originario, aveva lavorato per Patty Pravo, Mina e Mia Martini. La sigla in origine è cantata dai Superobots (e non da un acerbo Piero Pelù, leggenda smentita). La cover sarà lanciata il 28 novembre, giorno simbolico che rievoca l’approdo in edicola del fumetto 40 anni fa, e Carbio la presenterà a Messina.

“Il Grande Mazinga – ci racconta – è stato il cartone che più mi ha colpito da piccolo, nonostante sono nato nell’86 ma nei canali televisivi privati ogni tanto trasmettevano le puntate dei cartoni giapponesi in replica anche a quei tempi. Mi piaceva anche per la sigla, per gli astro-componenti, i suoi super poteri. Ricordo l’eccitazione per la spada, gli arnesi che si staccano”. Eppure di guerreggiante nel rifacimento che abbiamo sentito in anteprima di Cabrio, non c’è niente. La sigla è diventata una dolce melodia con orchestrazione astuta e complessa, dove spicca la voce del cantautore senza alcun effetto.

“La sigla in stile ninna nanna è una risposta al Goldrake di Alessio Caraturo, uscito nel 2004, che ha delle ambientazioni simili. Ci ho messo qualcosa di più moderno secondo me, e anche di personale. Ho voluto Mazinga in una ninna nanna perché mi addormentavo la sera guardandolo, quindi l’ho registrata come davvero la volevo con musicsti bravi che hanno interpretato a perfezione la mia ispirazione”.

Cabrio Live alla recente Open Mic Night dell’Ostello Bello a Milano.

A Messina, quindi, il 28 novembre per il “Compleanno di Mazinga” presso la Fumetteria La Torre Nera, Cabrio si esibirà in un appuntamento denso di avvenimenti: “Per me si tratta di un’esibizione in un posto atipico, in mezzo al profumo di fumetti che mi fa impazzire. Questa è la mia parte nerd, sono un musicista ma anche un fumettaro che colleziona da un po’ di tempo queste pubblicazioni”.

Dalle 18 alle 20 ci sarà la proiezione del primo episodio di Mazinga con doppiaggio originale e sarà come una festa di compleanno del robot in piena regola, con gadget a tema, tanti appassionati che parleranno del super-eroe, e sorprese. Una bella festa che coincide con l’uscita del singolo di Cabrio di cui vi anticipiamo la copertina.



Leisure - 13/05/2019

Orsi in Sicilia, il film a Cannes

"La famosa invasione degli orsi in Sicilia", il film di animazione di Lorenzo Mattotti sarà present [...]

Bona Fide Biz - 20/11/2019

Tessa Gelisio e Marco Gisotti lanciano la guida ai green jobs

Le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia, sono al centro della nuova guida "100 green jo [...]

Leisure - 10/03/2016

Thai Gallery, l’arte del cibo è servita

Thai Gallery è una delle novità più cool del panorama ristorazione a Milano. In anzitutto per la [...]

Top