Magazine - Fine Living People
23/01/2020 - A Milano torna 4Ecom, l’evento di riferimento del mondo eCommerce

Che cos’è l’esoscheletro e come indossarlo

Impennata di richieste e tecnologia all'avanguardia per i lavoratori. Il nuovo modo di intendere la sicurezza si sposa con i movimenti "controllati" del corpo.

Dal 1965, quando fu prodotto il primo esoscheletro per utilizzo in ambito militare, ad oggi, gli esoscheletri si stanno diffondendo in modo sempre più ampio nel mondo della fabbrica, supportando l’operatore e migliorando la qualità del lavoro.

Si tratta, come vedete in foto, di un apparecchio cibernetico esterno in grado di potenziare le capacità fisiche dell’utilizzatore che ne viene rivestito e che costituisce una sorta di “muscolatura artificiale”. E proprio in questi mesi le cronache mondiali parlano di un’intensificazione dei collaudi per far entrare a pieno titolo queste strutture indossabili che supportano i movimenti degli operai e non solo.

Nel 2018 sono state vendute oltre 7.000 unità in ambito manufacturing (dati ABI Research), ma il potenziale fabbisogno del mercato sarebbe di 60 mila unità per tutte le tipologie di esoscheletro, con un tasso di crescita previsto di oltre il 50% dal 2019 al 2024. Una domanda che, guardando all’età media in aumento nei paesi industrializzati, potrebbe crescere ancora, come testimonia l’utilizzo che ne fa da poco il colosso dell’auto tedesco, Audi.

 

Anche se una parte del lavoro nelle fabbriche è automatizzato, l’apporto dell’uomo è ancora fondamentale e rimane al centro di numerose operazioni, sia a valore aggiunto, sia ripetitive ma che richiedono un alto livello di precisione: basti pensare che svolgendo alcune mansioni, ad esempio, un operaio solleva il braccio 4.600 volte al giorno, quasi un milione di volte l’anno. E tuttavia, ancora oggi non sono rari i casi in cui i lavoratori rifiutano questa apparecchiatura lamentando scarsa libertà nei movimenti e fastidi in generale.

 

Ad esempio, nell’ambito delle tecnologie robotiche indossabili (Wearable Robotics) che supportano gli operatori nelle attività lavorative, l’esoscheletro con tecnologia passiva MATE, che non necessita di batterie o motori, garantisce un supporto posturale che segue i movimenti degli arti superiori, senza resistenza né disallineamento. Questo genera una riduzione del 30% dell’affaticamento dei muscoli principali della spalla. Progettato da Comau in collaborazione con gli operai per rispondere alle loro esigenze, l’esoscheletro può supportarli in numerosi settori, tra cui costruzioni, elettrodomestici, agricoltura, servizi e automotive. Ai vantaggi per il lavoratore, come il miglioramento del comfort della postazione di lavoro, la riduzione dell’affaticamento muscolare e, di conseguenza il miglioramento della qualità del lavoro svolto, si uniscono i benefici indiretti per l’intera società, a partire dalla tutela del benessere della forza lavoro da parte delle aziende.

 



Leisure - 10/12/2017

Food raffinato da Maio Bistro alla Stazione Centrale

Il Gruppo Maio apre in Stazione Centrale a Milano il "Maio Bar & Bistro" ed è subito festa e p [...]

Society - 19/09/2017

Oggi è la notte dei dj architetti

Martedì 19 settembre a Milano gli architetti diventano DJ per una sera con la quarta edizione di DJ [...]

Leisure - 05/10/2018

Sarah Moon, dei tempi e dei lavori senza tempo

Interessante che la picola retrospettiva ombrosa ed evanescente di Sarah Moon, modella negli anni Se [...]

Top