7 Dicembre 2018

Gli imperdibili da Art Basel 2018

Le proposte di Massimo De Carlo, Kaufman Repetto e gli omaggi del cantiere Sanlorenzo all'arte italiana. Prima con Isgrò e poi con Biasi.

7 Dicembre 2018

Gli imperdibili da Art Basel 2018

Le proposte di Massimo De Carlo, Kaufman Repetto e gli omaggi del cantiere Sanlorenzo all'arte italiana. Prima con Isgrò e poi con Biasi.

7 Dicembre 2018

Gli imperdibili da Art Basel 2018

Le proposte di Massimo De Carlo, Kaufman Repetto e gli omaggi del cantiere Sanlorenzo all'arte italiana. Prima con Isgrò e poi con Biasi.

Quest’anno grande fermento a Miami per l’edizione invernale di Art Basel, con un record di 133 espositori da 29 paesi e 55 città soltanto nella sezione Untitled, la fiera parallela sulla spiaggia.

Nella fiera ufficiale invece, grande enfasi sull’arte dal Latino America e quella afro-caraibica con una grande e sorprendente presenza femminile. C’è anche una mostra dedicata al Moca Nomi che celebra l’arte del collettivo AfriCOBRA, proprio nell’anno in cui ricade il cinquantenario dell’anniversario della nascita del movimento, che venne fondato a Chicago in piena era di contestazione.

L’Italia ovviamente continua a essere rappresentata bene, a quanto pare con grande entusiasmo per Paola Pivi portata oltreoceano da Massimo De Carlo, gallerista pioniere da Milano.

CHRISTO – Christo e Jeanne-Claude sono protagonisti di “Una mostra documentaria”  al Pérez Art Museum Miami. L’esposizione commemora il trentacinquesimo anniversario dell’installazione site-specific dei famosi artisti “Surrounded Islands”.

DEBRA HALT – Come amante della natura per tutta la vita, Debra Holt è particolarmente attratta dalla bellezza selvaggia della natura selvaggia. Come viaggiatore e fotografa mondiale, ha una passione per esplorare culture meno conosciute e catturare la loro umanità e lo spirito unico. I recenti viaggi di Holt l’hanno portata in Medio Oriente, dove è stata affascinata sia dal vasto paesaggio desertico, sia dalle persone che la chiamano casa.

Attraverso il deserto arido e polveroso del deserto arabo, i nomadi viaggiatori continuano a viaggiare. Figure robuste, cammelli e tende creano ancora sagome contro il vasto cielo del deserto, come hanno fatto per migliaia di anni. Sì, alcune cose sono cambiate. I mutevoli concetti di proprietà hanno spinto molti nomadi a scambiare interminabili trekking al pascolo per fattorie sistemate, abitazioni rupestri e baracche. Alcuni hanno scambiato cammelli per camion e abiti tradizionali per flanella e jeans.

SANLORENZO PER ISGRÒ– Sanlorenzo, produttore di yacht, è partner di Art Basel in Basel 2018 (foto d’apertura servizio).
Il cantiere italiano ha partecipato alla fiera lo scorso giugno con un’installazione dell’Art director Piero Lissoni in omaggio all’artista Emilio Isgrò. Il 60°anniversario dell’azienda è stato festeggiato con la firma di un accordo di global partnership con Art Basel, la fiera d’arte moderna e contemporanea più significativa sulla scena internazionale, che per tre anni vedrà il cantiere come partner esclusivo, nel proprio settore, degli appuntamenti annuali di Hong Kong a marzo, Basilea nel mese di giugno e Miami Beach a dicembre fino al 2020.

Per l’edizione di dicembre  Miami Beach 2018, Sanlorenzo sceglie di presentarsi all’interno della Collector Lounge omaggiando il noto artista italiano, Alberto Biasi, tra i principali esponenti dell’arte ottico cinetica, con un’installazione immersiva che interpreterà la poetica delle “Gocce” parte del ciclo di opere “Rilievi ottico dinamici”. Il progetto, realizzato dall’art director dell’azienda Piero Lissoni in collaborazione con la Galleria Tornabuoni Arte, trasformerà la lounge Sanlorenzo in un’installazione luminosa, dove verrà riprodotta sulle pareti un’opera di Biasi, che si muoverà con il visitatore mutando a seconda del suo punto di vista e amplificando l’effetto optical concepito dall’artista.
Esposti in sequenza lungo un lato della lounge, all’interno di teche in vetro, i modellini metallici dei Superyacht Sanlorenzo rifletteranno i pattern visivi dell’opera modificandosi e muovendosi con lei in un dinamismo percettivo ed emotivo.

La galleria svizzera Maria Bernheim ha invece portato a Miami l’arte di Ebecho Muslimova, russa operante a New York, che vedete qui sopra. Mentre Kaufman Repetto ha puntato su una collettiva con in evidenza Judith Hopf, docente a Berlino nonché artista conosciuta per installazioni (foto in basso).

Read in:

Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”